Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


IL PUNTO - San Canzian e Staranzano hanno già acceso la miccia

Risultati prestigiosi colti durante la sosta dalle squadre bisiache, attese da una prima di ritorno tosta. La Romana punta in alta ma deve stare attenta al Breg

Riparte il campionato dopo la sosta natalizia anche se di soste le squadre ne hanno fatto ben poche. Tutte le le bisiache di Seconda D hanno mantenuto il ritmo partita, pur in regime basso, partecipando a brevi tornei o amichevoli. L’ultima in ordine di tempo ad essere stata impegnata è la formazione del San Canzian Begliano nella finale di giovedì del suo Memorial Stefano Mainardis vinta sul Trieste Calcio sovvertendo i pronostici della vigilia.  Ma la squadra di Grillo non stupisce perché anche in campionato ha dato filo da torcere a parecchie formazioni quotate. Sulle ali del successo i giallorossoneri domenica vogliono il bis quando al “Furlan” arriva l’Azzurra Gorizia e l’obiettivo di Grillo e soci è come sempre l’intera posta per puntare ai playoff. Nei quali adesso c’è e intende rimanerci fino alla fine la Romana, ma intanto dovrà iniziare l’anno a casa di un tosto Breg, quarto in classifica, corsaro all’andata al Cosulich e quindi i gialloblù tramano di far altrettanto a Dolina e nel frattempo, oltre ad aver partecipato al proprio torneo A2A, il tecnico Maranzana ha disposto un’amichevole a Domio proprio per riprendere confidenza col terreno sintetico.

Neppure la Terenziana Staranzano  è rimasta a guardare, anzi ha fatto suo il torneo A2A ma non altrettanto quello da essa organizzato, il triangolare di Capodanno vinto dal Mladost. E allora si butta sul campionato provando a prendere i tre punti sull’ostico campo dell’Opicina, che in casa subisce però pochi gol, solo sei, la metà di quelli realizzati dai biancorossi in trasferta. I carsolini devono togliersi dalle sabbie mobili, tutto diverso dagli staranzanesi, proiettati nei playoff.

Claudio Mariani

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,79428 secondi