Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


PROMO B - Campaner: non cerco alibi, siamo stati troppo confusionari

Il tecnico del San Giovanni mantiene però la calma dopo il ko nel derby di Trebiciano con il Primorec. Rossoneri castigati da un'indecisione al termine di una gara disputata in condizioni limite

Brividi di freddo intensi a Trebiciano anche per la classifica in uno dei due derby triestini della prima di ritorno del girone B di Promozione. E alla fine a sorridere è stato il Primorec, mentre al San Giovanni si è ingobbita la schiena (e la graduatoria). Ma il giovane tecnico sangiovannino Mario Campaner è stato bravo a non far trapelare le sue emozioni nell'analisi del match. “E' stata una partita combattuta nella quale hanno prevalso le difese sugli attacchi. Si è giocato sulle seconde palle ed era una partita da 0-0 visto che i due portieri non sono stati messi in difficoltà. Loro sono stati più bravi a crederci e sono riusciti a sfruttare un'indecisione della nostra difesa nel secondo tempo. Occasioni per noi? Nel primo tempo un tiro di Zollia, finito fuori e che ha dato l'illusione del gol e due conclusioni di Romich, che sono state parate. Nella ripresa, invece, abbiamo fatto solo confusione. Abbiamo messo qualche palla dentro, ma non abbiamo avuto occasioni nitide. Non deve essere un alibi non aver avuto Ilic e aver avuto Botta a mezzo servizio”.
E il dirigente rossonero Guido Dagri aggiunge: “Un'incomprensione ha deciso la partita, giocata con un freddo incredibile e su un campo terrificante..., ghiacciato.Primo tempo abbastanza decente pur con pochi tiri, secondo invece con poca “sostanza”. Siamo sempre rimaneggiati, speriamo di riscattarci”.

Massimo Laudani


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,82366 secondi