Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - La Pievigina punge solo... dalla panchina. Decide Serafini

Tentativo di rissa finale, ma la squadra giuliana porta a casa una vittoria meritata anche se di misura. Mister Andreucci soddisfatto dalla mentalità dimostrata dalla squadra. Il commosso ricordo di per Dante di Ragogna

L'allenatore della Triestina, Antonio Andreucci, è sempre pacato nelle sue analisi (anche post-partita) ed è soddisfatto per i tre punti colti a Pieve di Soligo. “Era importante riprendere con una vittoria, non è mai facile giocare nel ritorno contro le pericolanti. Partita equilibrata, dopo tre settimane di sosta c'è tutto da perdere e non da guadagnare. Sapevamo che non sarebbe stato facile, la partita l'ha confermato. Su campi del genere, poi, ci vuole più tempo per recuperare, ma i ragazzi sono stati bravi ad affrontarla e anche alla fine uscivano palla al piede. La cosa, che mi è piaciuta di più, è stata la mentalità. I ragazzi sono sempre rimasti concentrati e questo piglio è stato importante. Siamo usciti bene da una trasferta ostica. Un ricordo speciale al giornalista triestino Dante di Ragogna (morto una settimana fa per una broncopolmonite a 90 anni, ndr), che ho avuto modo di conoscere un po' in questi mesi. Non lo definisco un fratello maggiore, ma uno zio. Mi chiamava sempre con passione e curiosità per chiedermi come stava la squadra. Nell'ultima telefonata, però, avevo capito che c'era qualcosa che non andava... Però bisogna rendergli merito anche per il fatto di mettersi le scarpe da calcio anche a 75 anni!” (Ma. La.)

CARENIPIEVIGINA - TRIESTINA  0 - 1
Gol: Serafini su rigore 13'st

CARENIPIEVIGINA: Villanova, Zanette, Moretti, Di Maio, Baggio, Tibolla, Vedova (10’ s.t. Dalla Vedova), Nicoletti, Scarpa (25’ s.t. Perna), Zanardo, Canzian (25’ s.t. Frezza). All. Bisioli

TRIESTINA: Consol, Crosato, Pizzul (10’ s.t. Celestri), Cecchi, Aquaro, Leonarduzzi, Turea, Corteggiano, Dos Santos, Serafini (22’ s.t. França), Bradaschia. All. Andreucci

NOTE - Ammoniti: Nicoletti, Corteggiano, Bradaschia Spettatori 500 circa dei quali 130 ospiti

Prima occasione della partita soltanto dopo 15 minuti ed è sui piedi della Triestina grazie a Turea che nel tentativo di entrare in area di rigore si guadagna un calcio di punizione dal limite: sul pallone Serafini che la allunga a Dos Santos il cui sinistro però viene strozzato sul fondo dalla deviazione di un rossalabardato.
La prima occasione per i locali giunge al 26' grazie a una indecisione difensiva: cross di Canzian dalla sinistra, indecisione di Pizzul a causa di un rimbalzo maligno del pallone che favorisce l'intervento di Scarpa il cui tiro è deviato da Consol in angolo, corner il cui tiro si spegne sopra la traversa!
Di nuovo la Triestina pericolosa al 30’ con il sinistro dal limite di Dos Santos deviato in angolo da Villanova! Il primo tempo si conclude a reti bianche con un netto predominio territortiale alabardato ma con poche occasioni concrete negli ultimi metri.
Si riparte con una palla persa e subito recuperata da un imperioso Leonarduzzi, mentre sul capovolgimento di fronte Corteggiano ci prova dalla distanza ma il suo sinistro a mezz’altezza si spegne sul fondo. La svolta della partita al 12’ quando Serafini viene agganciato in area piccola da Baggio, rigore sacrosanto che lo stesso Serafini realizza di giustezza spiazzando Villanova.
Gli animi si surriscaldano in tribuna mentre immediata è la reazione dei locali con un tentativo di Zanardo di poco a lato della porta difesa da Consol. Trascorrono i minuti e la Carenipievigina alza il proprio baricentro guadagnandosi anche degli importanti calci d’angolo e uno di punizione dalla tre quarti che non portano però a nessuna occasione pericolosa per la difesa ospite. Nel primo dei quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro Esposito di Aprilia occasionissima per il raddoppio alabardato con un cross di Bradaschia che per poco non viene deviato in maniera decisiva da França ben appostato sul secondo palo.
Ancora Unione pericolosa nei minuti di recupero su punizione calciata da França ma il suo tiro si spegne di poco a lato. Finisce la partita 1-0 per la Triestina con un tentativo di rissa scatenato dalla panchina di casa che si è rivolta in toni poco ortodossi nei confronti di quella ospite.

Lorenzo Degrassi


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,09534 secondi