Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA - Osso: "Delusi, arrabbiati, compatti. Zanon? Va capito"

Il fantasista del Cjarlins torna stasera in campo per la sfida interna con l'Union Pasiano: "Dopo aver perso la coppa, puntiamo tutto sul campionato"

Ieri sera Gemonese e Chions hanno pareggiato 0-0 il primo posticipo; stasera, con fischio d'inizio alle 20.30, la giornata inaugurale del girone di ritorno dell'Eccellenza sarà completata da Cjarlins Muzane-Union Pasiano, un confronto molto atteso, in particolare per verificare se la capolista sarà capace di assorbire la sconfitta rimediata nella finale di coppa Italia di venerdì con i giallorossi di Pittilino
Pino Vittore ritroverà due elementi importanti come il centravanti Filippo Fabbro e il fantasista Alessandro Osso Armellino, mentre Giulio Francomartin dovrà fare a meno dello squalificato difensore, classe '91, Nourdine Bara
Abbiamo sentito Alessandro Osso Armellino sull'aria che tira al Cjarlins Muzane. 
Come avete preparato la partita di stasera?
"Abbiamo svolto due sedute di allenamento domenica mattina e lunedì sera. Non nascondo che la mazzata è stata notevole, siamo delusi, ma anche arrabbiati e soprattutto compatti. Con il passare dei giorni la delusione è scemata ed è cresciuto invece il desiderio di rivincita".
Avete l'occasione di portarvi a +7 sulla Gemonese...
"Ci proveremo, ma ci attende una partita realmente molto difficile e insidiosa, sia per le caratteristiche e le qualità dell'Union Pasiano, sia per le condizioni climatiche che troveremo: campo ghiacciato e termometro sotto lo zero non sono uno scherzo e non aiutano una squadra tecnica come la nostra. Ma dobbiamo stringere i denti e dare il massimo perché tutto quello che ci rimane è il campionato. Se, non altro, aver perso la finale di Coppa ci permetterà di concentrare tutta l'attenzione e le energie sul campionato".
Lei non ha potuto giocare la finale perché squalificato. Il suo giudizio sulla partita di Manzano?
"La Gemonese è stata più brava, questo ha detto il risultato del campo".
Quelle 5-6 punizioni dal limite sembravano ideali per Alessandro Osso...
"In teoria sì, ma anche Grion normalmente le calcia davvero bene; ci alleniamo insieme il venerdì e di solito lui trova sempre lo specchio della porta. Invece, venerdì non è accaduto ed è comprensibile perché in una partita come una finale la tensione è diversa. Le gare non si vincono con i se e i ma: è andata così, siamo concentrati sulla sfida di stasera".
Come ha trovato Christian Zanon, protagonista della testata rifilata al gemonese Nardi?
"Christian sa di aver compiuto un brutto gesto e per prima cosa ha chiesto scusa alla squadra. Ha sbagliato, ma ha subito anche una provocazione importante, arrivata al termine di una partita tiratissima, conclusa con una sconfitta che ha lasciato il segno: non era facile controllarsi. Comunque, non l'ho visto mai così determinato: durante gli allenamenti è stato un vero trascinatore. Sono convinto che deluderemo chi si aspetta di vedere un Cjarlins Muzane sfilacciato e depresso". (alexmag)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,80437 secondi