Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL PERSONAGGIO - Gregoris a caccia del "triplete"

Dopo la clamorosa doppietta al Chions, il difensore centrale del Cjarlins Muzane (ma di proprietà del Pordenone) e capitano della selezione juniores del Fvg, ha ancora un grande appetito. “Che soddisfazione la promozione in serie D. Adesso, però, punto al titolo juniores e a vincere il Torneo delle Regioni: sarebbe un sogno. Il mio futuro? Vedremo a fine stagione…”

Per entrare a far parte del “Club Sergio Ramos” e spostare le finali di Champions League c’è ancora tempo. Ma le qualità fisiche, tecniche, di leadership e la doppietta con la quale ha “rovesciato” lo spareggio - per l’accesso al triangolare che assegnerà il titolo regionale juniores - praticamente già compromesso contro il Chions (se l’intuizione va accreditata a mister Piva, i piedi sono inequivocabilmente i suoi), collocano Mirko Gregoris, classe 1998, di Roveredo in Piano, centrale difensivo del Cjarlins Muzane - dove è in prestito dal Pordenone - tra i prospetti più futuribili del nostro calcio.

“Quando ero più piccolo qualche gol l’ho segnato; poi sono cresciuto e, per…colpa del fisico, mi hanno messo dietro – si racconta Mirko l’altra sera, visto che non avevano più nulla da perdere, si era creata questa necessità: cosi sono andato nell’ area avversaria e ne ho fatti addirittura due. Entrambi di piede: da non credere!”

Nessun contributo realizzativo, invece, per la promozione in serie D con il Cjarlins. Una storia che sembrava già scritta.
“Ne ho soltanto sfiorato qualcuno, ma non c’è stato niente da fare. Sono comunque felice per aver raggiunto il traguardo prefissato ed un buon numero di presenze, credo una ventina. Quanto al successo, non era proprio cosi scontato. Vincere non è mai semplice: anche perché eravamo la squadra favorita e tutti ci tenevano a batterci. Alla fine, ce lo siamo meritato.”

Gregoris cresce con il mito di… ?
“Sinceramente non c’è nessun difensore che mi ispira in maniera particolare. Diciamo che ad ogni grande interprete del ruolo cerco di rubare qualcosa. E comunque, sono ancora tanto giovane: di cose da imparare, e non potrebbe essere altrimenti, ce ne sono tantissime.”

Il calendario prevede ancora un paio di scadenze piuttosto interessanti…
“Non vorrei sembrare eccessivo, ma bisogna sempre puntare al massimo. E completare l’annata sportiva, aggiudicandosi il titolo regionale juniores e vincendo il Torneo delle Regioni, sarebbe un sogno…”

Domani si parte con la rassegna trentina. E tu sei pure il capitano della nostra selezione.
“Spiace per alcune assenze, come quelle di Meret, Sammartini e Domini: ma siamo ugualmente competitivi e, come sostiene il nostro mister, vogliamo arrivare in fondo cercando di proporre sempre buon calcio. Poi avremo anche bisogno di un pizzico di fortuna.”

Il futuro di Mirko Gregoris ?
“Sono del Pordenone. Adesso, però, ogni discorso è prematuro: vedremo cosa succederà a fine stagione…”

Roberto Zanitti

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/uzqPfO6.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/04/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,81854 secondi