Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


COPPA ITALIA - Scacco matto in due mosse: il Porcia trionfa

La squadra di Attilio Da Pieve si impone sul Torre con due reti messe a segno nella ripresa. Facca e Vriz decidono il derby pordenonese

http://i.imgur.com/wzZ3o46.jpg

Davanti d unl pubblico delle grandi occasioni, con i settori giovanili delle due squadre ad accompagnare in campo i ventidue giocatori, il Porcia porta a casa la Coppa Italia di Promozione superando per 2-0 il Torre. Il capolavoro della squadra di mister 300 panchine consecutive (Da Pieve era stato premiato venerdi dalla società purliliese) ribalta i pronostici della vigilia sfoderando grinta, incisività e intelligenza contro i più quotati rivali. Il Porcia aveva già vinto la Coppa, anche se con altra denominazione alla prima edizione nella stagione 2002/2003, superando sul neutro di Torviscosa il San Giovanni di Trieste per 1-0 con la rete di Cozzarin. Oggi a far saltare il banco ci ha pensato Facca in prima battuta seguito da Vriz esaltando l’imprevidibilità del calcio, dando la dimostrazione che non c’è nulla di scontato. I numeri avranno pure un’anima ( 23 i punti di differenza in classifica a favore del Torre), ma scivolano via nel retrobottega di un pomeriggio caldo e ventilato che il Torre si porterà appresso con rabbia a al Porcia invece lascerà l’orgoglio di chi non molla di un millimetro.
Soliti schieramenti iniziali: da una parte il 4-3-3 di Giordano, dall’altra il 4-3-1-2 di Da Pieve, con i furetti Mauro e Vriz pronti a scompigliare i piani difensivi avversari. I primi 45 minuti iniziano a ritmi blandi, volontà da vendere, ma risultati scarsi. Il torpore si interrompe per una conclusione di Bolzon da dentro l’area ospite, ma la traiettoria ad uscire è controllata con gli occhi da Zarotti senza affanni. Tra gli sbadigli prova a risvegliare la tribuna il Porcia con la volata di Vriz, inseritosi nelle linee nemiche con ottimo tempismo, ma il suo tiro è inguardabile. Ci prova nuovamente l'undici arancione con Della Gaspera al minuto 33’ con una conclusione che lambisce la parte alta della traversa. Prima dell’intervallo sono i ragazzi purliliesi a provarci: bel dialogo tra Gerolami e Fabbro: il numero 3 entra in area solo soletto, ma il tiro finisce a lato.
I viola del Torre si smarriscono ad inizio ripresa, quando bastano due giri di orologio a Facca per la giocata decisiva. Il trequartista di Da Pieve riceve palla al limite, salta due uomini e batte Pantarotto in uscita. Passano sei minuti, dove il Torre non si riprende dal colpo e capitola nuovamente. Servizio ancora per Facca lanciato in velocità, palla per Mauro che di prima con i giri contati vede Vriz tutto solo nel cuore dell’area. Per l’ex Chions è un gioco da ragazzi depositare la palla in rete. Il Torre si getta a capofitto nella gara, Giordano inserisce anche la freschezza di Martin, nel tentativo di aumentare l’assembramento nelle linee nemiche. Ci prova Giordani due volte su punizione al 16’: la prima conclusione è ribattuta dalla barriera la seconda è alzata sopra la traversa dall’attento Zarotti. Poco prima della mezzora è Rossi da buona posizione a fallire il gol strozzando un tiro che Zarotti accompagna sul fondo. Al 31’ è il turno di Gurgu, bravo a divincolarsi e calciare prontamente a rete con Zarotti ancora pronto con i guantoni a mettere la palla in angolo. Il Porcia ha ancora l’energia per correre e in contropiede si mangia l’occasione per il 3 – 0, ma forse il risultato sarebbe stato troppo pesante, anche se quest’oggi di cose da digerire il Torre ne ha parecchie. Le chiamano partite rigeneranti e il Porcia, dopo aver centrato la salvezza anticipata domenica scorsa, vive un sabato da leoni, rigenerando una stagione che ad un certo momento si era fatta decisamente complicata.

http://i.imgur.com/LFjKx1R.jpg

S.A. PORCIA – TORRE 2 – 0
Gol: st. 2’ Facca, 8’ Vriz

PORCIA: Zarotti, Gerolami, Fabbro (st. 38’ Feletto), Accordino, Zambon, Geremia, Vriz, Zigagna, Mauro (st. 43’ Giacomazzi), Gerolin, Facca (st. 30’ Tawin. All. Da Pieve

TORRE: Pantarotto, Della Gaspera (st. 32’ Moro), Bucciol,Mantellato, Bolzan (st. 15’ Martin), Rubert, Bernardotto, Peressin, (st. 27’ Rossi), Gurgu, Giordani, Caracciolo. All. Giordano

ARBITRO: Balducci di Trieste

NOTE: Spetattori 700 circa, Ammoniti per il Porcia: Gerolami, Fabbro, Accordino, Zambon, Geremia. Ammoniti per il Torre: Mantellato, Rubert. Angoli 1 – 7.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/n9QWkAY.jpg

http://i.imgur.com/Rs5SvLe.jpg

http://i.imgur.com/QIndxl2.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 08/04/2017
 

Altri articoli dalla provincia...






L'INFORTUNIO - Capitan Alessandro Osso, è ancora il crociato

Maledetti infortuni. E ci risiamo: stavolta il colpo mancino, la pugnalata del destino sono toccati ad Alessandro Osso Armellino, giocatore e ragazzo apprezzato e stimati. Reduce dal campionato vinto in Eccellenza con il Cjarlins Muzane, il trequartista si era accasato insieme al fratello An...leggi
15/09/2017




























Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,87699 secondi