Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


PRIMA - Riecco il Tarvisio. Peccato per Felaco, giovani avanti tutta

Il presidente Fabrizio Michelotti assapora il ritorno nella categoria più prestigiosa dopo oltre 30 stagioni di assenza. Gruppo confermato, Princi al timone, con l'obiettivo di ottenere la salvezza e di costruire un ulteriore salto di qualità fidando in particolare sui ragazzi provenienti dal proprio vivaio

Scalda i motori il Carnico e deve farlo a maggior ragione il Tarvisio, ritornato dopo 30 e passa anni in Prima categoria. La matricola ha cominciato la preparazione da quasi tre settimane, disputando alcune amichevoli, l'ultima con la Moggese: non c'è tempo da perdere, quindi. Certo, il gruppo sempre guidato dal condottiero Luciano Princi è granitico e collaudato, oltre che motivato e reduce dalla splendida cavalcata promozione.
Ma, indubbiamente, qualche brivido che accomuna i tarvisiani alle altre matricole vivacizza la vigilia del debutto stagionale: sabato 22 toccherà alla Coppa, ospitando il Fusca, domenica 30 aprile sarà la volta del campionato, con la trasferta a Gemona, sul terreno del Castello, prima di ricevere la visita di Villa e Campagnola. Come battesimo del fuoco, proprio niente male! 
Il presidente del club dei quattro colori (giallorosso e biancazzurro), Fabrizio Michelotti, non nasconde l'orgoglio per il ritorno ai vertici del Carnico, ma anche la prudenza di chi deve ancora toccare con mano la nuova dimensione: "L'obiettivo che ci siamo dati è quello di conquistare la permanenza nella categoria, per poter crescere e, magari, nelle stagioni successive, provare a puntare a qualcosa di maggiormente impegnativo. Per via della collocazione geografica, non è semplicissimo pescare giocatori fuori dalla nostra zona, per cui continueremo ad affidarci in via prioritaria ai ragazzi del nostro settore giovanile, alcuni dei quali, a cominciare da Francesco Moschitz, sono stati promossi nella formazione seniores. Il gruppo è sostanzialmente confermato, pesa la partenza dell'attaccante Alessio Felaco, una delle punte di diamante della squadra: il suo trasferimento destinazione Cavazzo ci ha amareggiato e, insieme, reso felici per il ragazzo che così avrà la possibilità di compiere esperienze importanti e che, magari, in futuro, tornerà qui ancora più forte e completo. A questo punto non possiamo far altro che aspettare che il responso del terreno di gioco ci dica a che punto siamo". 
Il Tarvisio sulle orme del Malborghetto dei tempi gloriosi? Magari non subito, ma un domani chissà...

@RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/04/2017
 

Altri articoli dalla provincia...













Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,55503 secondi