Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Udine


BASKET A2 - La Gsa punta in alto

Società e squadra sempre più ambiziose. Pedone: “I play – off sono l’obbiettivo della prossima stagione” Che, salvo sorprese, si giocherà al Carnera. Okoye sembra più vicino alla conferma, Pellegrino prima scelta per il ruolo di centro. Montena a capo del settore giovanile e vice di Lardo. Che ne sarà di Vignola?


Il nono posto, accompagnato da un pizzico di rimpianto per i play - off sfumati, è già un ricordo, Perché l’Apu Gsa è già bella carica in vista della stagione 2017/2018. Quella che dovrebbe (condizionale d’obbligo visto l’andazzo) restituire a squadra e tifosi il ristrutturato palasport Carnera. E aggiornare l’asticella degli obbiettivi.

“Veniamo da un’ annata strana – osserva patron Pedone - eravamo galvanizzati dalla promozione ma abbiamo sbagliato completamente gli stranieri estivi, con quello che io chiamo il “pacco Fajardo”. Però la società ha dimostrato una maturità rara, è andata subito sul mercato prendendo Okoye e Ray. Con il primo considerato una vera e propria scommessa rispetto al secondo. Poi, a complicare le cose, sono arrivati tantissimi infortuni. Però non si è perso tempo, siamo tornati sul mercato immediatamente, quasi forzando l’amalgama della squadra. Alla fine Udine - pur giocando a Cividale - ha avuto il terzo pubblico italiano, con sold out continui sul finire del campionato. Ci siamo divertiti, portando a casa numerosi scalpi e sfiorando i play - off: col senno di poi un obbiettivo centrabile. Ora, comunque, la dimensione della A2 ce l’abbiamo: sappiamo cosa fare  e cosa non fare. Torneremo al “Carnera” (5 giugno?), che sarà testato prima con le finali Under 18 e poi con i mondiali femminili. Il patrimonio di 2500 persone va aumentato: vogliamo arrivare a 3000 - 3200 presenze medie, per poi fare il pieno una volta centrati i play - off. Questo, infatti, sarà l’obbiettivo: che poteva essere già raggiunto. E saremmo stati una brutta gatta da pelare per tutti. Abbiamo acquistato anche credibilità: prima eravamo visti con sospetto mentre ora, alla porta, c’è quasi la fila…”

http://i.imgur.com/NvWyCfj.jpg

La squadra: sciolto il dubbio dell’ala piccola? Okoye sembrava ai saluti.
“Risolveremo il problema entro fine settimana. Stan ha prima effettuato due passi indietro, poi altri due di avvicinamento. Nel frattempo, naturalmente, ci siamo mossi a caccia di alternative: sia nel ruolo di ala piccola, sia in quello di guardia.”

Il pivot sembra scelto.
“Siamo su Pellegrino (arriverà da Ferrara, ndr), vogliamo chiudere entro domenica. E’ un grande rimbalzista, la prima scelta, dobbiamo soltanto definire i dettagli. “

Il resto?
“Come quattro avremo Ferrari e Diop, resterà Pinton, nel ruolo di ala piccola mister x. Playmaker, infine, saranno Veideman e Nobile. Entro il 15 - 20 giugno intendiamo completare il roster.”

LARDO -  “Vorrei innanzitutto ricordare Mario De Sisti – ha detto il coach (scadenza contratto nel 2018, ndr) con rara sensibilità - ha allenato anche a Udine, è stato un vero maestro del basket. Tornando a noi, il complimento più bello, al di là dei risultati, è che la gente si è divertita ed è venuta al palazzo di Cividale con gioia. I tanti problemi sono stati affrontati nel giusto modo, il lavoro facilitato da una società seria, serena e ambiziosa. Ha lavorato molto bene lo staff tecnico e tutti i collaboratori, compresi Luciano Freschi e Carlo Nobile, personaggi meno nominati, ma molto importanti. Alla fine sono arrivati 32 punti che, di solito, danno garanzia dei play - off. C’è voglia di crescere e migliorare ma anche tanto lavoro da fare, perchè questo paga. Però sempre con i piedi per terra”

http://i.imgur.com/tvmBNzd.jpg

PAOLO MONTENA - La new - entry più “pesante”, al momento, riguarda il tecnico monfalconese, classe 1961. “E’ un ingresso importante - sottolinea Lardo – e comporterà di sicuro un salto di qualità dello staff. E’ un esperto di settore giovanile (composto da tutti udinesi, ndr), del quale sarà il responsabile tecnico, ma farà anche parte dello staff della prima squadra. Si troverà subito bene, siamo una bella famiglia” “Il mio compito primario sarà quello di venire ad imparare gli equilibri - si schermisce il “Predicatore” - cercando di dare il mio apporto. Quanto al settore giovanile i ragazzi dovranno avvertire il senso di appartenenza, riconoscersi nello stile della Gsa, non solo sul versante tecnico.”

CARNERA - Pare che il passaggio di consegne stia davvero per avvenire. “Va ringraziata Cividale, ma il Carnera è rinnovato – assicura convinta l’assessore allo sport del comune di Udine, Raffaella Basana - spero altrettanto accogliente e con la giusta disponibilità di posti. Per i Mondiali femminili Under 19 (22 – 30 luglio, ndr) sarà sicuramente pronto e…speriamo che tutto vada per il meglio” “Per ringraziare dell’ospitalità, intendiamo creare uno speciale “Settore Cividale”, all’interno della Curva Ovest”, garantisce Pedone.

ABBONAMENTI-  La campagna partirà nel mese di giugno e la prima fase premierà, come di consueto, i vecchi abbonati. Confermato il supporto della Banca di Cividale.

PRESENTAZIONE - Coinciderà con “Friuli Doc” ai primi di settembre. In contemporanea con il primo “Memorial Piera Paietta”, che ricorderà  la mamma di patron Pedone, scomparsa nel dicembre 2015.

INCERTEZZE - Con l’arrivo di Montena, non è ancora definito il ruolo di Federico Vignola, uno dei due apprezzati assistenti di Lardo, mentre non è chiaro se, come precedente annunciato da Pedone, un paio di gare verranno ospitate nuovamente da Cividale…

Roberto Zanitti

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/xdIezLC.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/05/2017
 

Altri articoli dalla provincia...







BASKET A2 - La Gsa cala il poker

CIVIDALE. Quattro vittorie di fila. Non era mai successo. La Gsa adesso si diverte, gioca in scioltezza e continua, sino a che la matematica non la escluderà del tutto, ad an...leggi
09/04/2017



BASKET A2 - Gsa, sotto con Mantova

  Il derby è già storia. Ma affinchè non rimanga solamente un bellissimo ricordo, è necessario proseguire sulla stessa falsariga, con identi...leggi
25/03/2017



BASKET - Ragazze, ecco il vostro Mondiale

  Friuli Venezia Giulia sempre più “land of basketball”. Non solo di giocatori, allenatori, dirigenti e arbitri. Ma anche di organizzatori. Per la quarta estate consecutiva,...leggi
01/02/2017












L'EVENTO - Ecco la nuova "Casa del Basket"

  Si chiama semplicemente “Basketball House”, è la nuova casa della pallacanestro udinese e il suo motto è “Welcome to family”. E la nuova idea di quel “ciclone” ...leggi
12/12/2016


BASKET A2 - La Gsa "licenzia" lo speaker

La squadra esprime un gioco imbarazzante, perde malamente quattro delle ultime cinque partite (tre consecutive) e la Gsa che fa ? Tenendo, come doveroso, comunque tutti sotto osservazione, epura lo…speaker. Il ...leggi
10/12/2016




BASKET A2 - Gsa, che delusione

  CIVIDALE - La Gsa ritorna subito sulla terra. D’altronde, soltanto i cantori a prescindere della formazione bianconera potevano riuscire a “vendere” la vittoria del de...leggi
27/11/2016



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,89868 secondi