Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

GORIZIA E DINTORNI - La crisi galoppa, Piedimonte e Mossa tengono

All'ombra della Pro Gorizia molti club sono in difficoltà, mentre la fusione con il Lucinico è in alto mare. Il ritorno del Moraro, il Poggio verso la resa


Non vive momenti facili il calcio isontino, goriziano in particolare. Che propone una Pro Gorizia asso pigliatutto (campi di gioco in particolare), da affiancare al Campagnuzza-Bearzot: la fusione con il Lucinico  di cui tanto si parla, per altro, non è ancora andata in porto. Lo conferma il presidente dello storico club nerazzurro, Franco Sussi: "La situazione è in alto mare, credo che se ne saprà di più tra un paio di settimane. Per quel che ci riguarda, speriamo che l'operazione vada in porto: tirare avanti da soli è diventato quasi impossibile". 
Voci di chiusura dei battenti riguardano il Poggio e il Piedimonte. Un Piedimonte sì in difficoltà, ma che non getterà la spugna, come afferma il patron Adriano Zucco: "In giro se ne parla? E io smentisco. A parte la difficoltà di reperire sponsor e aiuti economici, il nodo vero è quello della carenza di dirigenti, ma qualcuno di nuovo si è fatto avanti e ci darà una mano, ragion per cui proseguiremo l'attività sia con la squadra seniores, affidata a mister Surace, sia a livello giovanile, dove attualmente stiamo ospitando il torneo Esordienti". 
Ed è intenzionato a non demordere pure il Mossa di patron Olivo, pur con le problematiche legate all'utilizzo dell'impianto sportivo, nuovamente concesso alla Pro Gorizia.
Tornerà invece sulla scena - ed è una buona notizia - il Moraro di Claudio Soglia: la squadra bianconera proverà a ritagliarsi un ruolo da protagonista nel prossimo campionato di Terza categoria.
Una Terza categoria in cui è scivolata l'Azzurra Gorizia, al termine di una stagione quanto mai deludente e stregata: eppure, l'organico della squadra del presidente Luca Peresson avrebbe dovuto garantire se non proprio l'assalto ai play-off, una tranquilla navigazione. Ma così non è stato... (alexmag)

@RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/05/2017
Tempo esecuzione pagina: 1,00319 secondi