Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BASKET MONDIALI U19 - Italia, fine del sogno

Azzurre “bruttine” ed eliminate agli ottavi da un’implacabile Spagna. E relegate al girone di classificazione: primo avversario (venerdi alle 18.45, a Cividale) la Corea


La buona prova sfoderata contro gli Stati Uniti aveva autorizzato a pensare se non in grande, perlomeno a qualcosa di buono. E invece, dopo un discreto primo quarto, l’Italia è progressivamente avvizzita, consegnando alla Spagna (onestamente più forte) il pass per i quarti di finale del Mondiale. Adesso non rimane che lottare per ottenere il risultato migliore nel “mini torneo” che assegnerà le posizioni dalla nona alla sedicesima: si parte venerdi (alle 18.45 a Cividale), affrontando la Corea del Sud.

Eppure, sull’onda emotiva del match con le statunitensi, le cose sembrano  mettersi subito bene: i meccanismi delle difese approntate da Lucchesi fanno infatti scattare raddoppi puntuali e la Spagna si irretisce un pochino, sbagliando anche cose semplici. Ma, nonostante la buona gradazione di Madera, l’Italia non ne approfitta come dovrebbe (erroraccio da pennarello rosso di Cubaj e due liberi stranamente cestinati da Fassina) per accumulare un primo tesoretto consistente: cosi, al primo break, le iberiche restano in scia.

La beatitudine spagnola prosegue nel secondo quarto: la “peperinaGinzo conduce le sue in corsia di sorpasso, mentre Diallo si beve Cubaj e alimenta la smagliatura: 18 - 12. Con un passo e tiro da urlo, Fassina spezza l’egemonia, ma è un bèlato perché la Spagna adesso la mette con continuità anche dal perimetro: in un attimo è 23 -14 al 15’. Serve una scossa e Pinzan pesca il “gratta e vinci” del giovedi, sganciando un siluro disperato. La Spagna non se ne cura, le seconde palle sono quasi tutte rosse, ma lo scopo è bruciare la retìna e la ragazze di coach Ortega sanno bene come si fa. Prima del riposo lungo, infine, un antisportivo di Sole sembra illuminare di nuovo le azzurre, ma Pinzan mostra stavolta la sua parte “perfezionabile” e gli scalini da risalire  restano comunque otto (21 - 29). Il cielo sopra le azzurrine continua ad essere perturbato: fretta, ansia e forzature non producono  ovviamente nulla complicando, anzi, la situazione precipita. E senza strafare, la Spagna allunga sino al più 12 dell’ultima pausa lunga. Iunio, Barneda e Diallo hanno le mani dolci e affondano la barca italiana, toccando in due occasioni il ventello di margine. Sul 37 - 57 l’Italia ha comunque un sussulto e piazza un improvviso 10 – 0: serve soltanto a rendere meno pesante la sentenza. Certo che, sparacchiando dal perimetro con il 7 per cento (1/15…) e beccando 14 carambole in meno, tanto lontano non si va.

ITALIA – SPAGNA   49 - 59

ITALIA: Pinzan 6, Anna Togliani 4, Fassina 10, Madera 8, Cubaj 8, Giulia Togliani, Ianezic, Parmesani, Andre 13. Ne: Pontoni, De Cassan Castello. Allenatore: Lucchesi

SPAGNA: Alonso 2, Erauncetamurguil 4, Iunio 6, Iparragirre 2, Sole 10, Diallo 10, Ginzo 10, Pena 1, Barneda 14, Etxarri, Ayuso. Ne. Brotons. Allenatore: Ortega

ARBITRI: Rosso (Francia), Gyorgyi (Norvegia) e Dominguez (Messico)

PARZIALI: 12-10,  21- 29, 31 - 43. Tiri liberi: Italia 6/9, Spagna 5/12. Tre punti: Italia 1/15, Spagna 4/8. Rimbalzi: Italia 23 (Cubaj 6) , Spagna 37 (Iunio 8). Antisportivi a Sole e Parmesani. Cinque falli: nessuna. Spettatori 1200.

SITUAZIONE - Domani, giovedi, la competizione osserverà la seconda giornata di riposo. Alle 18.45, in Piazza Libertà, avrà luogo la sfilata delle 16 formazioni partecipanti, che si muoveranno dal “Benedetti” per raggiungere la Loggia del Lionello (dove, nella serata di lunedi, curata dalla sezione Catering del “Cjerceben”, si è svolta l’apprezzatissima cena di gala). Presente alla cerimonia anche Giacomo Galanda. Venerdi, invece, si torna in campo con le gare valide per la classificazione (dal nono al sedicesimo posto) ma, soprattutto, per i quarti di finale, tutti in scena al Carnera: Stati Uniti – Francia (13.30), Cina – Canada (16), Spagna – Giappone (18.30) e Russia – Australia (21).

Roberto Zanitti

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/nDJI6Z0.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/07/2017
 

Altri articoli dalla provincia...



BASKET A2 - La Gsa torna sulla terra

Un bel calcio ad un secchio già praticamente pieno di latte, secondo un vecchio adagio jugoslavo applicato al basket (e forse non è cosi casuale la prese...leggi
19/11/2017





BASKET A2 - Gsa senza freni

Continua lo stato di salute della Gsa. I bianconeri centrano la terza vittoria di fila, seconda consecutiva in trasferta. Dopo Roseto, stavolta ...leggi
29/10/2017






















BASKET A2 - La Gsa punta in alto

Il nono posto, accompagnato da un pizzico di rimpianto per i play - off sfumati, è già un ricordo, Perché l’Apu Gsa è già bell...leggi
18/05/2017




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,78768 secondi