Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ROMANA - Novità a raffica. Pangon: puntiamo a qualcosa di importante

Dopo l'avvicendamento in panchina tra Maranzana e Novati, il club di Monfalcone sta concludendo un calcio-mercato molto attivo. Il mitico Papagiovanni andrà al Sagrado


Colpi a sorpresa e sorprese! Così potrebbe intitolarsi il calcio mercato della Romana iniziato con una grossa ed inaspettata sorpresa: le dimissioni del rinconfermato mister Fabio Maranzana che hanno colto alla sprovvista la società (anche perchè arrivate il 6 di luglio). Non si è perso d'animo il presidente Pangon ed il diesse Marini e già la sera stessa hanno messo "sotto contratto" Marco Novati, classe 75', un passato calcistico non indifferente tra Promozione ed Eccellenza, condito da tre anni di esperienza come allenatore nelle giovanili dell'Ufm. "E' stato un brutto colpo" commenta il presidente Pangon "le dimissioni improvvise di Fabio Maranzana hanno lasciato la società in grosse difficoltà anche perchè è giunta in una fase avanzata di calcio mercato, quando, passata la fase dei colloqui con i giocatori, bisognava finalizzare gli accordi, poi in parte saltati. Senza perderci d'animo siamo corsi al riparo affidando la squadra a Marco Novati su cui riponiamo grande fiducia ed aspettative. Marco è "giovane di mestiere" ma vedendo le sue squadre giocare si capisce immediatamente che le idee sono ben chiare". Pesanti però gli addii, con i giovani Giulio Merlo (96') e Matteo Rocco (96') a provare il salto di categoria (Turriaco e S.Pier), Visentin e Catic a lasciare per motivi di lavoro, Enrico Giurissa probabilmente ad appendere le scarpe al chiodo per l'ennesimo infortunio al ginocchio. Lasciano la formazione anche Nicolas De Negri (S.Canzian), Marco Nicola e dopo più di dieci anni in giallo-blù, Fabio Papagiovanni (Sagrado). "L'obiettivo di quest'anno è e resta quello di lottare per qualcosa di importante" prosegue il presidente Pangon "pur sapendo che sulla carta ci sono formazioni attrezzate e competitive come la Terenziana Staranzano (a meno di un ripescaggio nella categoria superiore), i cugini dell'Ufm e la Cormonese. Inoltre poco si sa dei movimenti di mercato delle squadre triestine ma sicuramente formazioni come Breg e Roianese saranno protagoniste di questa stagione". In quest'ottica, ed in quella di ridurre la rosa, a detta degli addetti ai lavori troppo ampia lo scorso anno, la riconferma del nucleo base dei giocatori della passata stagione, con il rientro in rosa di Matteo Giorgi (difensore classe 74') e Matteo Leghissa (88' difensore). Gli arrivi di Mahir Mavmudoski (97' laterale), Marco Bragato (88' centrocampista), Simone Fontana (97' laterale) e Fernando Capane (90' attaccante) danno certezze alla formazione . Ma sopratutto gli innesti di "lusso", Francesco Marchetti (91' centrocampista) quattro promozioni di fila con il Primorje, Francesco Centrone (90'), puntero di sicuro affidamento ed esperienza che nonostante la giovane età vanta presenze in Promozione e prima categoria (lo scorso anno con l'Isontina), danno il giusto spessore alla formazione. Quella che potrebbe essere però la vera sorpresa è l'arrivo in prova di Samuele Giglio (86' difensore laterale), trasferitosi in città per lavoro ma con un curriculum di tutto rispetto alle spalle che và dalla primavera del Palermo ad una carriera passata costantemente a giocare nell'Eccellenza siciliana. "Il lavoro è praticamente agli sgoccioli" conclude il presidente Pangon, "rimangono da valutare ancora un paio di giocatori con il mister Novati e poi, con una rosa di 23/24 giocatori, presentarsi ai cancelli di partenza con spirito e voglia di dimostrare in campo il valore della Romana. Mi sia solamente concesso di ricordare, dare un grosso saluto ed un forte abbraccio a Fabio Papagiovanni, una bandiera della società, il mio primo acquisto come presidente dodici anni fa. Dopo una carriera in maglia gialloblù, anche per problemi di lavoro che impediscono a Fabio di allenarsi con continuità, la scelta di lasciare i colori per scendere di categoria a Sagrado. Ciao Fabio, sei sempre con noi!"
E se son rose fioriranno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/nDJI6Z0.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 30/07/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,82667 secondi