Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE C - Il Padova affonda Colucci immeritatamente. Terza sconfitta

Settimana terribile per i neroverdi, dopo la Triestina e la Reggiana si fermano anche davanti ai biancoscudati. Ciurria suona la carica, ma non basta

Partiamo dalla fine: Leonardo Colucci in sala stampa si presenta sereno, dopo la sconfitta per 2- 1, la terza di fila, del suo Pordenone: “Oggi sono molto sereno, ho fatto i complimenti alla squadra perché abbiamo fatto una grande partita e se c’era una squadra che doveva vincere quella eravamo noi. Abbiamo perso ma avremmo dovuto vincere, abbiamo avuto tante occasioni e gli episodi ci sono girati contro. Avevamo quattro assenze pesantissime, Berrettoni, Gerardi, Misuraca e Stefani. A Gianvito ho detto che pur avendo dato a sua disponibilità era meglio non rischiare. Ci sono stati grossi miglioramenti rispetto alle ultime partite, ho avuto la conferma che i ragazzi sono sul pezzo e fra poco affronteremo il Vicenza. Il rodaggio è completato, adesso bisogna vincere”.
Partendo dall'epilogo, la gara contro i biancoscudati non lascia un segno negativo tale da impensierire il tecnico neroverde, ma certamente perdere la terza gara di fila, due delle quali davanti al proprio pubblico, non rappresenta certo il massimo della vita. C’e da sottolineare come il Pordenone, questa sera, meritasse indubbiamente di più, per gioco, per sacrificio e per mole di occasioni, ma nel calcio, la componente risultato spesso fa passare in secondo piano ogni considerazione.
Colucci non cerca alibi nelle assenza e, questo gli fa onore, non cerca scusanti arbitrali o piagnistei isterici e, anche questo gli fa onore, ma ora al Pordenone serve un inversione di tendenza. E’ più di un mese e mezzo che la nave neroverde, solca mari tempestosi, senza trovare la giusta rotta, troppi pareggi hanno preceduto questi tre passi falsi e se ogni squadra attraversa un periodo di calo, questa squadra, ne ha già passato uno troppo lungo per essere letto in questa chiave.
Finito il lungo preambolo, passiamo alla cronaca della serata. Nella prima frazione è più pericoloso il Pordenone, con Burrai e Sain Maza, che impensieriscno Bindi. Lo spagnolo è sfortunato al 34’ quando la sua fucilata di destro, supera il portiere, ma si stampa sul palo. E’ il secondo palo in quattro giorni dell’ex giocatore del Foggia, dopo quello colpito a Reggio Emilia.
Nel momento migliore dei neorverdi, passa il Padova. Serena serve Guidone, il cui diagonale termina sul palo. Sul pallone si avventa Belingheri, che con grande freddezza beffa Perilli.
Si va negli spogliatoi con i padovani in vantaggio. Nel secondo tempo, passano sei minuti e Ciurria rimette in parità le sorti della gara. Conclusione di Danza, respinta a fatica da Bindi, con Ciurria, più lesto di tutti ad arrivare sulla sfera e spingerla in rete.
I Biancoscudati tornano subito in vantaggio con Pulzetti, due minuti dopo, che sfrutta un passaggio filtrante e beffa Perilli con un preciso diagonale a giro di destro. Gol vittoria per il Padova che resta in testa alla classifica assieme al Renate con 25 punti.
Il Pordenone rimane a quota 21 e scivola a quattro punti in coabitazione con l’Albinoleffe.

https://i.imgur.com/JnbnXqK.jpg

PORDENONE - PADOVA 1-2
GOL: 42′ pt Belingheri; st 6′ Ciurria, 8′ Pulzetti.

PORDENONE: Perilli; Formiconi, Parodi, Bassoli (40′ st Martignago), De Agostini; Danza, Burrai, Lulli (23′ st Raffini); Ciurria, Sainz-Maza; Magnaghi. A disp.: Zommers, Buratto, Berrettoni, Pellegrini, Visentin, Silvestro, Misuraca, Nunzella. All. Colucci.

PADOVA: Bindi; Madonna, Cappelletti, Trevisan, Contessa; Serena (20′ st Mandorlini), Pinzi (20′ st De Risio), Belingheri; Pulzetti (28′ st Marcandella); Guidone (38′ st Chinellato), Capello (27′ st Russo). A disp.: Burigana, Merelli, Zambataro, Mazzocco, Ravanelli, Cisco. All. Bisoli.

ARBITRO: Perotti di Legnano.

NOTE: al 45′ st espulso Pulzetti dalla panchina per proteste. Ammoniti Pinzi, Marcandella, Parodi e Bindi. Angoli 4-3. Recupero: pt 1′; st 5′. 2.100 spettatori, incasso complessivo di 19.611 euro.

 Gianpaolo Leonardi

Immagini dal sito ufficiale PADOVA CALCIO

  @RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/1n6OP4e.jpg

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica gratuitamente la nuova App ItaliaGol 

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui


Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.


http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 12/11/2017
 

Altri articoli dalla provincia...








SABATO - Mamma mia che anticipi!

Sarà uno dei sabati più pirotecnici dell'anno quello che bussa alla porta e che manderà in scena gli anticipi della dodicesima d'andata (decima per la Terza). Tante le...leggi
23/11/2017


























Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,93636 secondi