Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL CASO - Serenissima stangata. E Baulini in castigo fino a fine anno

Pesanti sanzioni per il club di Pradamano in merito a quanto accaduto nel finale e al termine dell'accesa sfida con l'Aquileia

Se l'aspettavano alla Serenissima che il direttore di gara della partita con l'Aquileia presentasse - spalleggiato dal solito commissario di campo e attraverso il vaglio sanzionatorio del giudice sportivo - il conto. E il conto è arrivato, oltre naturalmente all'1-1 (con gol patriarchino all'ultimo secondo) con cui è terminato un match decisamente bollente nel suo tratto conclusivo. 
Il club di Pradamano si è visto multare di 200 euro perché "perchè, dopo la fine della gara, una persona estranea, il cui nominativo non era stato inserito nelle liste gara, all'interno degli spogliatoi, in zona che doveva essere interdetta alla stessa, urlava parole offensive nei confronti dell'allenatore della società ospite (Aquileia), utilizzando linguaggio blasfemo e si scagliava fisicamente verso quest'ultimo arrivando fino "faccia a faccia" con lo stesso; il predetto allenatore non reagiva alle offese e non rispondeva alla citata persona estranea che, presa di peso da almeno quattro calciatori locali, veniva portata nel loro spogliatoio; responsabilità oggettiva".
Ma ancora più pesante è stato il provvedimento adottato nei confronti del tecnico giallorosso, Claudio Baulini, squalificato addirittura fino al 31 dicembre del 2017 "per essere stato allontanato dal recinto di gioco al 35' del 2º tempo per essere uscito dall'area tecnica per almeno 5-6 metri (nonostante fosse stato precedentemente richiamato dall'arbitro per almeno tre volte a non uscire) ed essere andato a protestare in modo esagerato verso il Dirigente Accompagnatore Ufficiale della squadra avversaria, utilizzando un linguaggio volgare e proferendo espressioni blasfeme in modo plateale ed ad alta voce; perchè, nel mentre usciva da un cancello (dopo l'allontanamento disposto dall'arbitro), proferiva ulteriore espressione blasfema in modo plateale e sbatteva il cancello stesso; perchè, dall'esterno, persisteva nelle proteste in merito all'operato dell'arbitro fino alla fine della gara e continuava nell'utilizzare linguaggio blasfemo; perchè, a fine gara, al rientro negli spogliatoi (nella zona tra entrata sul terreno di gioco e la struttura degli spogliatoi) pretendeva dall'arbitro spiegazioni al riguardo di un presento rigore non fischiato e sui motivi dell'allontanamento; perchè invitato a moderare il tono della voce, continuava ad urlare; perchè, dopo ulteriori discussioni con giocatori e dirigenti dell'Aquileia, si allontanava autonomamente".
Non è tutto: il massaggiatore della Serenissima, Massimo Musuraca è stato inibito fino al 16 dicembre "per essere stato allontanato dal recinto di gioco al 24' del 2º tempo perchè, alla notifica della seconda ammonizione ad un calciatore della propria squadra, protestava veementemente nei confronti dell'arbitro uscendo per circa un metro dall'area tecnica ed urlando; perchè alla notifica dell'allontanamento persisteva nelle proteste utilizzando espressioni blasfeme; perchè, dopo l'allontanamento, dall'esterno, continuava a protestare ed a contestare l'operato dell'arbitro; perchè, dopo la fine della gara, entrava nella zona degli spogliatoi e continuava con le proteste urlando ed utilizzando ulteriori espressioni blasfeme e parole volgari".
A ciò vanno aggiunte le tre giornate di stop inflitte al calciatore Davide Miani, espulso al 23' della ripresa e poi protagonista, sempre secondo il direttore di gara, di proteste in campo e fuori. 

Forse alla Serenissina stavolta si è esagerato, anche perché i giallorossi si sentivano già penalizzati ed erano, quindi, esasperati. Tuttavia non prendiamo certo alla lettera quanto riportato nel referto arbitrale e poi dal giudice sportivo, sia perché conosciamo i "puniti", sia perché notiamo in una serie di provvedimenti (dallo sguardo "cattivo" di Pittilino, alle gocce d'acqua di Sokanovic) qualcosa che non ci convince e che ci fa pensare che la situazione stia cominciando a sfuggire di mano a chi tiene il coltello dalla parte del manico.  

 @RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica gratuitamente la nuova App ItaliaGol 

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui


Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.


http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/11/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,81300 secondi