Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - Matteo Dalla Nora, la silenziosa bandiera del Sesto

Intervista al terzino classe '89 che dal 2011 è una colonna della squadra: "Dovremo combattere duramente per la salvezza"...


A Sesto al Reghena, comune di poco più di 6.000 anime facente parte del circuito dei “Borghi più belli d'Italia”,la squadra locale nata dalla fusione tra la frazione di Bagnarola e la realtà comunale veleggia a metà classifica nel campionato di Promozione, guidata da mister Tonino Favro. Se non sono bastati quasi 1.300 eterni anni per scalfire il fascino senza tempo dell’Abbazia mariana. E nemmeno 160 silenziose stagioni per prosciugare “la grande e limpida fontana che ha anche voce di contenere nelle sue acque molte qualità refrigeranti e salutari”, la fontana di Venchiaredo così glorificata da un certo Ippolito Nievo nelle “Confessioni di un Italiano.”
Potrebbero essere serviti 6 anni, quasi un’era nel mondo calcistico, per sradicare una bandiera silenziosa come Matteo Dalla Nora? Decisamente no.

Il disegnatore tecnico di Cinto Caomaggiore, terzino sia di spinta che di contenimento classe ’89, dopo aver militato nelle giovanili della Liventina Gorghense esordendo in Prima Squadra, dopo tre anni Chions e uno a Pasiano agli ordini di mister Boccalon, nel lontano 2011 è arrivato a Sesto Bagnarola nell’annata Azzalini-Bertoia.
Reduce dalla vittoria per 2-0 sull’ostico campo del San Quirino, ha risposto volentieri a qualche domanda.

Cosa ti ha convinto a rimanere così a lungo tra le fila biancazzurre?
“Sono felice di far parte di questa famiglia e, in un ambiente tranquillo in cui delle persone ti danno il cuore, viene spontaneo corrispondere”.

Come è andata la vittoria di domenica sui gialloblù?
“E’ stata una battaglia, loro sono partiti forte e sul piano fisico ci hanno dominato a lungo, per fortuna abbiamo trovato il bandolo della matassa e sfruttato al meglio le nostre occasioni”.

Quale ruolo può recitare il Sesto da qui alla fine del campionato?
“Dovremmo combattere duramente per la salvezza perché ci sono molte squadre parimenti attrezzate che ambiscono a tale obbiettivo”.

Sei conosciuto per essere un giocatore di poche parole e molti fatti: come vivi l’ambiente calcistico?
“Il calcio è la più grande passione della mia vita, cerco di dare il massimo con il sorriso tra le labbra”.

Se Matteo fosse meno laconico, chi potrebbe dire se le sue parole, quindi i suoi fatti, seguirebbero venti più vigorosi e forse più ammalianti di quelli della bassa pianura sestense, fontane, Abbazie e persone escluse?

Ricardo Berto

 @RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica gratuitamente la nuova App ItaliaGol 

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui


Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.


http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/11/2017
 

Altri articoli dalla provincia...

























TERZA A - Buffon chi?

Si chiama Gianni Siddi, è nato il 24 giugno del 1968 e, scaramanzia a parte e calcolatrice alla mano, la prossi...leggi
22/11/2017









Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,79841 secondi