Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


AMARCORD - Restiotto: ora ho finalmente iniziato a vivere il mio tempo

Parla l'ex bomber delle Furie Rosse e del Fontanafredda. Quella doppietta al Rovigo di fronte a 2000 spettatori e con al fianco una grande squadra. Ma adesso il calcio è un ricordo...

Il mondo del calcio è una ruota dentata che tutto macina per permettere di farsi ritrarre sempre in movimento, nuova, lucida e splendente. Non bisognerebbe però scordarsi che i calciatori esperti ricevono il pallone in prestito dalle nuove generazioni e, senza quelli venuti prima di entrambi di loro, nessuno avrebbe potuto giocare.

In questa ottica non ci sembra anacronistico ricordare il dicembre del 2013 quando il "cobra" Ilario Restiotto, dopo 18 stagioni nelle più prestigiose categorie dilettantistiche, segnando 180 gol con Tamai, Fontanafredda, Liventina Gorghense, Centro del Mobile, Portomansuè e Cordenons, decise di appendere le scarpe al fatidico chiodo.

Soffrii l’addio ma alla lunga non lo rimpiansi. Era maturato il momento per prendere tale decisione, persistevano i dolori al ginocchio. Ho dato molto al calcio e ho vissuto stagioni esaltanti a fronte di grandissimi sacrifici, conciliando l’attività agonistica con il lavoro in fabbrica” dice il bomber pratense. “Tra l’altro ringrazio Jeffry Celanti, amico e difensore ora in forza al Porcia di Da Pieve, per aver tenuto in caldo l’attuale mio posto di lavoro.

Quale partita ricordi con più piacere?
La mia doppietta al Rovigo con le Furie Rosse di mister Tomei di fronte a 2.000 spettatori e supportato da una squadra meravigliosa con uomini del calibro di Orlando, Francioni e Andreolla, giocatori di spessore tecnico come pochi, che fatico a rivedere nel calcio nostrano dove si predilige la parte atletica.

Come occupi il tempo senza calcio?
Sono iscritto al blog “Amanti della montagna friulana,” mi invia la foto del bivacco innevato ai piedi del Campanile di Val Montanaia, scalato più di 200 volte dallo scrittore ertano Mauro Corona e mi ricorda l’incisione sulla campana dominante il Campanile roccioso, “Audentis resonant per me loa muta trumpho”, A trionfo di chi osa, luoghi silenziosi per merito mio risuonano.

Mi consiglia l’ultimo libro di Corona, “La via del sole”, “Mauro è un personaggio controverso di cui ho amato soprattutto i primi romanzi”.

E continua: “Amo camminare nelle nostre Alpi e nel week-end carico la mountain bike in macchina e alterno le salite impegnative del Gaiardin di Caneva, del Santuario Madonna del Monte di Aviano, alle ciclo passeggiate nella nostra pianura friulana”.

Grattandosi la nuca ci mostra delle escoriazioni alla spalla dovute ad una caduta recente sul “Sentiero delle Malghe,” dicendosi in procinto di valutare l’acquisto di una bicicletta semiprofessionale.

Mi tengo in allenamento nel Parco di Villa Varda, dove mi sento a casa, sui 10 chilometri sfioro i 40 minuti e svolgo delle marce amatoriali. Devo essere sincero, il calcio non mi è più mancato. Sporadicamente seguo il Tamai, il miracolo della provincia, che sono convinto si salverà grazie alle risorse del suo Dna, grinta, umiltà e tanta fame. Le Furie resteranno sempre nel mio cuore.”

Prima di separarci mi comunica l’intenzione di festeggiare le sue prossime 40 candeline con la coast to coast americana. Vedendolo arroccarsi sulle sue spalle ampie, corazzato nel suo fisico atletico, penso che per vivere è necessario dimenticare e ricordare, dimenticare e ricordare, quindi giocare.

Ricardo Berto

 @RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/p1mi26f.jpg

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica gratuitamente la nuova App ItaliaGol 

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui


Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.


http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 30/11/2017
 

Altri articoli dalla provincia...

















TERZA A - Buffon chi?

Si chiama Gianni Siddi, è nato il 24 giugno del 1968 e, scaramanzia a parte e calcolatrice alla mano, la prossi...leggi
22/11/2017

















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,04931 secondi