Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


SECONDA D - Gregoratti e lo Staranzano volante dove tutti segnano

Intervista al tecnico della Terenziana, che mercoledì è diventato papà e festeggiato la promozione con una squadra che, a parte l'Ufm, ha dominato il campionato.Sono ben 18 i giocatori andati in gol!

 
Quindici punti di vantaggio sulla terza quando mancano ancora due partite da giocare e la promozione in Prima categoria è già acquisita matematicamente evitando gli extra season dei play-off. Alla Terenziana di Staranzano lo spumante è stato stappato dopo il 5-0 rifilato all’Alabarda seppur quello spumante fosse già pronto sin dalle prime giornate di questo campionato iniziato con l’obiettivo di avanzare di categoria pur nella consapevolezza di avere davanti il mostro Ufm.
Di questa cavalcata straordinaria parliamo con chi ha gestito il gruppo dei biancorossi, il tecnico Stefano Gregoratti, reduce da un mercoledì indimenticabile: alle 8.33 il timoniere è diventato papà di Matteo (3,7 chili e 53 centimetri di lunghezza, un concentrato di simpatia e vitalità), capolavoro della mamma Ivana, poi sul terreno di gioco la squadra bisiaca ha steso l'Alabarda, e la festa è stata doppia, se non tripla. 
“Sì, è vero il pronostico è stato rispettato e forse siamo andati qualcosina oltre. Guardando i numeri che la dicono abbastanza lunga, siamo uno dei migliori attacchi della regione e ben 18 ragazzi sono entrati nel tabellino dei marcatori, praticamente quasi tutta la rosa a mia disposizione. Quindici punti di distacco dalla terza in classifica, se non ci fosse stato l’Ufm potevamo essere noi i primi.”

Il Monfalcone vi ha un po’ oscurato, oppure no?
“I due scontri diretti sono terminati in parità, quindi non mi pare che ci abbiano oscurato. Anzi, il fatto di aver avuto davanti una squadra predestinata a vincere il campionato ha dato un maggior risalto alle nostre prestazioni, per quello che siamo riusciti a fare e stiamo cercando di avvicinarsi sempre più ad una squadra, l'Ufm, più forte delle altre”.

Cos’ha funzionato di più alla Terenziana Staranzano?
“Senza essere retorico, sicuramente il fatto di aver avuto un gruppo di ragazzi che, oltre all’aspetto calcistico, sono anche amici fuori dal campo ed è un gruppo che è consolidato da almeno tre anni con alcuni innesti precisi fatti quest’estate. Un esempio è un ragazzo di colore, un rifugiato, Samuel Ljezie, classe ‘96, che giocava a calcio a sette nella squadra dove lavoro, si è messo in mostra, voleva avere l’opportunità di giocare a undici e ci ha ben ripagato, aiutandoci a cambiare in positivo l’ultima parte di stagione portando freschezza nel reparto offensivo. Parla solo inglese ma sta studiando l’italiano e si fa capire con i compagni. Ha ancora un problema nel ritmo delle partite delle squadre che stanno nelle zone alte della classifica ed è un po’ delicato con gli infortuni. Ma è un giocatore determinante senza però nulla togliere a tutti gli altri e ripeto, 18 marcatori in stagione va ben al di là della normalità”.

Che modulo ha proposto con più continuità?
“Di base partiamo con il 4-3-3 poi il modulo si configura anche in base ai momenti della partita e ai giocatori disponibili”.

Ma avete anche un certo Kocic, ad un gol da Godeas, per non dire di Raugna: sono individualità che fanno la differenza...
Marko Kocic ho già avuto il piacere di allenarlo due anni a Sistiana e con due promozioni. Ha un potenziale enorme e deve trovarsi a suo agio dove gioca per potersi esprimere al meglio. Quest’anno a Staranzano si è trovato benissimo sia con i ragazzi sia col tipo di gioco proposto e che lui già conosce. Marco Raugna è un altro giocatore che, secondo me, è impossibile non vederlo giocare in qualche categoria più alta. Ha un passo e continuità nelle prestazioni di cui alle volte rimani sorpreso. A centrocampo poi abbiamo dei ragazzi giovani del ’97, Luca Peruzzo ha fatto molto bene e l’anno scorso lo avevo mandato a fare una prova in serie D come fuori quota ed era piaciuto molto, e quest’anno ha disputato la stagione della maturità, da vero leader. Un’altra piacevole sorpresa è Alessio Zanuttig (figlio d’arte) che impiegato da regista ha trovato la sua dimensione in  dandoci tranquillità nella gestione della palla. E’ un po’ riduttivo fare dei nomi, a livello di rosa tutti, nessuno escluso, hanno fornito il loro contributo”.

Cosa possiamo aggiungere su questa vostra straordinaria cavalcata? 
“Il nostro presidente Regolin tre anni fa partì da zero e promise di provare a fare qualcosa di speciale in tre anni, di arrivare in Prima categoria. Diciamo che di promozioni ne avevamo fatte tre, poi l’anno scorso per la questione delle retrocessioni dalla serie D, è saltata la possibilità di salire dai play-off, però sono stati tre anni molto intensi per ragazzi che, tra l'altro, non avevano mai vissuto una promozione nè tantomeno disputato campionati di vertice. Sappiamo come andarono le cose qui a Staranzano negli anni precedenti, non molto bene direi. Ora che la società è tornata a buoni livelli spero abbia la forza di andare oltre, visto anche il numeroso settore giovanile, oltre 150 ragazzi. Ha tutte le carte in regola per diventare una delle migliori società del circondario”.

Il mister rimane a Staranzano?
“Questo è il terzo anno a Staranzano, adesso vediamo i prossimi obiettivi e poi decideremo cosa fare. Per un allenatore dopo tre anni può essere finito un ciclo, servono ulteriori stimoli soprattutto dopo aver raggiunto importanti traguardi. Ho alle spalle quattro promozioni ufficiali in cinque anni, due a Sistiana e due qui, un buon periodo per un allenatore. Adesso vediamo: per ora rimango in stand-by”.

Claudio Mariani

https://i.imgur.com/SUCKejQ.jpg

https://i.imgur.com/y0H18ql.jpg

https://i.imgur.com/baEgg64.jpg

https://i.imgur.com/QcxVnwM.jpg

https://i.imgur.com/XAPCW4b.jpg

https://i.imgur.com/zOzhjGI.jpg

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica la nuova App ItaliaGol

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui

 

Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.

http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/04/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,88381 secondi