Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


IL PUNTO 2 - Kovic, 27 gol per lo Staranzano. Cormonese delusa

Bilancio con luci e qualche ombra per le squadre isontine e bisiache. La Fortezza ha conservato la categoria, Romana e San Canzian sofferto altre le attese. E le altre...


Proseguiamo il resoconto delle squadre goriziane-isontine-bisiache militanti nella Seconda e Terza categoria tra cui quattro hanno goduto della promozione nella categoria superiore e nessuna retrocessione dalla Seconda.

In questa categoria ha trionfato l’Ufm, partita già in agosto come squadra ammazza-campionato, squadra da battere e in tanti ci hanno provato senza riuscirci. Solo a giochi quasi fatti, nel giorno in cui erano pronti i festeggiamenti ha subito l’unica sconfitta del trionfante campionato ad opera del San Canzian.  Sconfitta giunta quasi a due anni distanza dall’ultima in serie D. Ma va ricordato anche il record di imbattibilità del portiere Michele Contento caduto a Fiumicello nella gara di ritorno.
Ma i fuochi d’artificio non sono soltanto a Monfalcone, a pochi chilometri festeggia anche la Terenziana Staranzano, giunta seconda con un cammino davvero importante, anch’essa avendo perso una gara soltanto in casa con la Romana. 83 gol realizzati ben 17 in più dell’Ufm sono un bottino ragguardevole di cu 27 messi a segno dal bomber Marko Kocic.
Una delle antagoniste che fino ad un paio di mesi fa lottava con la Terenziana per il secondo posto era la Cormonese. Poi qualche burrasca societaria con le dimissioni/esonero (non è ancora del tutto chiaro) del mister Mauro ha fatto sprofondare i grigiorossi al sesto posto estromettendoli dai play-off.
Di ciò se ne sono avvantaggiate Audax e Sovodnje, anche se la loro partecipazione agli extra season serve solo in caso di ripescaggi per carenza di posti nelle categorie superiori. L’Audax ha sempre viaggiato in zona play-off chiudendo con un ottimo terzo posto; il Sovodnje si è arrampicato sulla graduatoria cammin facendo raggiungendo così lo spareggio domenica al Baiamonti. Una piccola soddisfazione almeno per i savognesi.
Alti e bassi per il San Canzian Begliano: partito bene, ha perso terreno anche per la poca propensione a far gol e quindi a vincere le partite fino ad un rilancio a cavallo della sosta pasquale condita con la vittoria a Monfalcone che ha dato la quasi certezza di salvezza, conquistata definitivamente in casa con l’Opicina.
Più bassi che alti invece in casa Romana, salvatasi sì ma con sofferenza. Non entusiasmante il cammino casalingo per la truppa di Novati, tanti punti buttati all’aria che hanno complicato questa salvezza.
Deve invece la salvezza alla forbice dei sette punti la Fortezza, matricola di questo campionato centrando l’obiettivo societario. Il ritorno al “suo” campo di San Valeriano a Gradisca ha pure contribuito a questo traguardo.

In Terza categoria da tempi lontani hanno proseguito a braccetto Azzurra e Piedimonte, sorpassandosi un paio di volte ma rimanendo sempre ben staccate dalle inseguitrici. L’Azzurra ha avuto il merito di non rallentare nel momento topico rimanendo al vertice vincendo il campionato, mentre il Piedimonte ha patito il turno di riposo dopo il quale ha raccolto un punto nel derby appunto con l’Azzurra e perdendo il successivo match a Castions. Il secondo posto però garantisce alla squadra di mister Surace il salto di categoria pur non dovendo disputare i play-off per i 13 punti di vantaggio sul Gaja, terzo. Ed in più è arrivata anche la Coppa Regione.
Il Mossa si è ripreso nella seconda parte stagionale chiudendo con un rispettoso sesto posto, una posizione sopra il Sagrado che ha disputato un campionato spesso nell’anonimato del centro classifica.
Il giovane Pieris per un periodo si è avvicinato molto ai play-off dimostrando però fragilità difensiva soprattutto in trasferta. Un dato va ricordato, in casa ha perso una volta soltanto, l’ultima di campionato con il Piedimonte.
Chiudiamo questa carrellata col Moraro, fresco di ritorno dopo una pausa sabbatica, ma l’impatto non è stato dei migliori chiudendo all’ultimo posto. Poteva starci, l'importante adesso è migliorarsi. 

Claudio Mariani

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica la nuova App ItaliaGol

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui

 

Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.

http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/05/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



























LE ROSE - Ecco chi manca all'appello

Quasi tutti i campionati dilettantisti della regione sono iniziati, all'appello manca la Terza categoria, (per altro impegnata nella coppa Regione); al via ci sono la serie D...leggi
13/09/2018





SPORTINERIA - Evviva Matteo Pillon

Esistono giocatori che vanno applauditi più di altri, non perché tecnicamente più forti, non perché più prolifici di altri, ma per l’impegno che ci mettono.Quando...leggi
10/09/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,89653 secondi