Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


I PROTAGONISTI - Faggian recita il mea culpa e prepara la riscossa

La retrocessione del Porcia ha lasciato il segno, ma ad Alessandro non mancano certo gli estimatori. E' arrivato alle porte del professionismo e può ancora dare parecchio al calcio

https://i.imgur.com/PbG9rZl.jpg

“In campo scendiamo noi giocatori e dobbiamo prenderci le responsabilità del fallimento. L’anno precedente è stato sostituito lo zoccolo duro della squadra e abbiamo avuto difficoltà a trovare una nostra identità, complici anche i tanti volti nuovi e qualche infortunio di troppo patito durante l’arco della stagione” dice rammaricato Alessandro Faggian all’alba della recente retrocessione del suo Porcia, nello spareggio adrenalinico in quel di Bannia, contro il Corva, salvatosi sul 4-4 dopo i tempi supplementari, in virtù di un migliore piazzamento in classifica.
“Mi è dispiaciuto non essere stato della gara a causa di una squalifica rimediata l’ultima giornata di campionato contro il San Quirino. Perdere e soffrire in tribuna fa doppiamente male - continua Alessandro -; sicuramente a Porcia si è chiuso un ciclo e alcune delle impostazioni societarie non hanno dato i frutti sperati. Sotto questo punto di vista le responsabilità vanno divise, si vince e si perde tutti insieme. A dirla tutta a gennaio mi sono trovato in una situazione spiacevole, il ds Mazzon mi proponeva una squadra di Prima categoria mentre mister Da Pieve premeva perché restassi. Ad un certo punto ha regnato la confusione”.

Con un passato di tutto rispetto, partendo dalle giovanili della Liventina Gorghense per approdare al Treviso, quindi alternatosi tra i Beretti e le panchine in C1 a Portogruaro, esordendo in Serie D a Treviso, ha visto sfumare il suo sogno a 19 anni.

“Fino ad allora ho creduto di poter diventare un calciatore professionista, mister Soncin a Treviso e mister Domenicali a Portogruaro mi hanno trasmesso la mentalità giusta che tutt’ora porto con me come un’eredità preziosa - dice Alessandro -. Quando ho capito, vuoi le qualità, vuoi la fortuna, che non avrei potuto far parte di quel mondo, ho puntato decisamente sul lavoro, mantenendo intatta, però, la passione”.

Agente commerciale per un’impresa inserita nel ramo della distribuzione alimentare al dettaglio, ha continuato un’ottima carriera tra i dilettanti vestendo le maglie veneziane di Pramaggiore e Portogruaro, quelle friulane di Azzanese, Pravisdomini e Porcia. A Pravisdomini ha vissuto due anni da ricordare, con la storica salita in Promozione decretata a metà marzo, quindi un play off con lo stesso Porcia l’anno seguente. “Avevamo creato un gruppo affiatato e forte, personalmente Stefano Bergamo mi ha insegnato molto, bastava una sua occhiata per comunicarmi la sua volontà, ha contribuito a maturami dal punto di vista caratteriale. Peccato che al termine di quel breve ciclo, i piani societari e quelli dell’allenatore Rauso non coincidessero, dando via libera a molti giocatori”.

Guarda in avanti Alessandro sia quando ricorda un lascito importante degli anni trascorsi nei settori professionistici, ovvero l’amicizia verace con il figlio d’arte Gianmarco Zigoni, di un anno più giovane, con il quale condivideva sia le ore tra i banchi dell’opitergino “Sansovino” che le trasferte in pulmino fino ai campi d’allenamento trevigiani. Che le fresche offerte calcistiche di pari categoria, che ben gli fanno sperare per il futuro. Sulla soglia dei trent’anni avrà la possibilità di mettersi nuovamente in discussione e cancellare una stagione difficile, una di quelle che il calcio, anticamera della vita, sanno regalare per temprare i suoi protagonisti.

L.G.

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica la nuova App ItaliaGol

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui

 

Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.

http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/06/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,15087 secondi