Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PLAY OUT PRIMAVERA - L'Udinese "strappa" la salvezza

Gara emozionante al “Friuli Dacia Arena”. Bianconeri avanti 2 – 0 con Filipak e Varesanovic (rigore). I veneti accorciano e, in chiusura di primo tempo, Djoulou si fa espellere. Nella ripresa la formazione di Giacomin si difende con ordine, non rischia nulla e si conferma nell’elite di categoria

https://i.imgur.com/PbG9rZl.jpg

UDINESE – VERONA   2 - 1
Gol: 12pt Filipiak, 40pt Varesanovic (rigore), 44pt Tupta

UDINESE: Borsellini, Vasko, Filipiak, Ermacora, Paoluzzi (36st Kubala), Donadello, Brunetti (19st Battistella), Garmendia, Samotti (26st Ndreu), Djoulou, Varesanovic . Allenatore: Giacomin. A disposizione: Pizzignacco, Vedova, Mazzoletti, Caiazza, Pecos Melo, Gkertoso, Bocic, Siverio Perez.

VERONA: Borghetto, Cherubin, Galazzini, Baniya, Kumbulla, Danzi, Amayah (31st Sane), Saveljevs (26st Aloisi), Tupta, Syefanec, Buxton (19st Felippe Nascimento). Allenatore: Porta. A disposizione: Bianchi, Nigretti, Righetti, Peretti, Calabrese, Toccafondi, Dentale, Plaka.

ARBITRO: Nicoletti di Catanzaro. Assistenti: Macaddino (Pesaro) e Massara (Reggio Calabria).

ESPULSO. 45pt Djoulou

AMMONITI: Saveljevs, Djoulou, Ermacora

NOTE: Pomeriggio soleggiato e afoso, terreno in buone condizioni, spettatori: 1000. Recupero: 1’ + 5’

UDINE -  Salva la prima squadra, anche la Primavera dell’Udinese si garantisce il diritto di far parte, nella prossima stagione, dell’elite di categoria. Dopo  il pareggio della gara di andata (1 - 1) a Verona, la formazione di Giacomin avrebbe già archiviato il problema scappando su 2 - 0: ma, una colossale “scemenza” di Djoulou, costringe Filipak e soci ad una ripresa (più i 5’ di recupero) in apnea. Ripresa nella quale, però, nonostante un massiccio possesso palla  e la stabile occupazione della metà campo rivale, gli ospiti non trovano mai il modo di far perdere la serenità a Borsellini.

Ci sono circa mille spettatori al “Friuli Dacia Arena” e al secondo giro di lancette, il Verona è già minaccioso. Una palla persa di capitan Brunetti innesca Buxton, il quale entra in area cercando di piazzarla con il piattone destro. Borsellini ne intuisce le intenzioni, si distende e devia in angolo. Al 9’ nuova chance gialloblu: su un altro pallone malamente gestito dal centrocampo friulano, si avventa Tupta, che carica il destro. Cuoio alto, ma non di molto. L’Udinese capisce che è necessario fare qualcosa: l’iniziativa, estemporanea, è di Djoulou il cui destro, deviato, si impenna sopra la traversa. Dalla bandierina calcia Paoluzzi, la torsione cranica è di Filipiak (salvavita già con il Chievo - nel match “passepartout” per i play out - l’ex Slovan Bratislava) ed è gol. Dopo lunghi tratti di calcio senza sbocchi, al 34’ il Verona si rende nuovamente insidioso: per fortuna dei bianconeri la carambola tra Buxton e Filipiak muore sul fondo. Garmendia prova allora in solitario: destro recapitato tra le braccia di Borghetto. Ben più velenoso, al 37’, il rasoterra mancino di Amayah: Borsellini si accuccia e blocca. Molto generosamente, al 40’, Nicoletti concede il rigore per un presunto aggancio di Cherubin ai danni di Paoluzzi: impeccabile la trasformazione di Varesanovic. Prima del riposo, però, il Verona accorcia. Saveljevs pesca Tupta, la difesa è mal piazzata e il 9 buca Borsellini con un apprezzabile tiro a giro a fil di palo. Ma le “disgrazie” non arrivano mai da sole: Djoulou, già ammonito, abbatte “intelligentemente” un avversario, terminando anzitempo la sua partita.

L’Udinese si risistema allora stabilmente a cinque dietro, lasciando in avanscoperta il solo Garmendia. Il quale si farà apprezzare per il notevole spirito di sacrificio. Al Verona il compito di costruire per trovare il pari della salvezza, ma dal taccuino spuntano soltanto due comode respinte (più un uscita con i tempi giusti) con i pugni di Borsellini e una parata dello stesso “guardiano” su diagonale rasoterra di Stefanec. Al 38’, allora, Varesanovic prova la sortita personale, rimediando un angolo: Vasko è in agguato, la ma testata non produce alcun effetto speciale. Ultimo sussulto un destro potente, ma impreciso di Battistella. Poi scoppia la festa bianconera.

Roberto Zanitti

https://i.imgur.com/mmIn956.jpg

https://i.imgur.com/EPUeI59.jpg

https://i.imgur.com/lHQmWxj.jpg

https://i.imgur.com/5uFMMzq.jpg

https://i.imgur.com/DNLh7yw.jpg

Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica la nuova App ItaliaGol

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui

 

Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.

http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/05/2018
 

Altri articoli dalla provincia...
























PRIMAVERA - L'Udinese chiede strada

La strada per la salvezza dell’Udinese passa  dallo spareggio con l’Hellas Verona, battuto due volte su due in campionato. In vista di questo delicato incontro, il ...leggi
25/05/2018










Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,39185 secondi