Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


SECONDA - L'Amaro cade a Paularo ma brinda. L'Arta e l'Osoppo quasi

La Velox, trascinata da Reputin, stende la capolista e coglie la settima affermazione di fila. In coda passi avanti per l'Ardita e situazione a rischio per la Stella Azzurra, piegata 3-2 dalla Nuova. Il Castello coglie la prima vittoria interna stagionale

Tappi che saltano ad Amaro ma si assapora il dolce, quello della promozione ormai matematica in Prima categoria nonostante la sconfitta a Paularo contro l’inarrestabile Velox (nella foto l'esultanza dei padroni di casa) che, almeno teoricamente, avrebbe ancora la possibilità di aggancio al terzo posto. Molto difficile ma intanto hanno battuto la capolista con un secco 3-0. Dopo alcune occasioni fallite, la Velox passa con Zozzoli lanciato da Reputin. All’inizio ripresa Amaro vicinisismo al pari con un tiro a fil di palo e su una ripartenza i locali raddoppiano sfruttando con Reputin (legnata sotto la traversa) un assist di Stefano Dereani. Il terzo gol lo sigla ancora Reputin su cross di Tormo a sua volta innescato da Maggio. All’Arta manca la matematica per la certezza della Prima categoria dopo il successo per 3-2 sul campo della Stella Azzurra che, rimasta a 19 punti, deve darsi da fare per evitare brutte sorprese.

La Nuova Osoppo vince 3-2 l’incontro casalingo opposto alla Folgore e cancella ogni residua velleità di promozione ai rossi; di più,  una vittoria domenica darebbe pure agli osovani il salto di categoria.

Nei bassifondi della classifica non è cambiato praticamente nulla: il Verzegnis perde 3-1 in casa, o meglio sul neutro di Tolmezzo, con l’Ardita che fa un bel passo verso la salvezza. Il Castello si toglie la soddisfazione di ottenere la prima vittoria casalinga stagionale, purtroppo tardiva, trattenendo nelle sabbie mobili l’Audax battendola per 2-1, mentre al San Pietro, fermo per il turno di riposo, non è andata tanto male al tirar delle somme dopo questa nona di ritorno. Non si può ancora considerare salvo il Timaucleulis dopo la sconfitta patita a Ravascletto per 3-1.   



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...








MERCATO - A Villa Santina si cambia

Non si è ancora totalmente spenta l’eco dello spareggio per il titolo, che il calcio della montagna continua a sfornare emozioni. Sono quelle del mercato. Cambiamenti radicali si prevedono, infatt...leggi
17/10/2018



LO SPAREGGIO - CAVAZZO, E' FESTA SCUDETTO!

Può partire la festa in casa Cavazzo, al fotofinish si cuce sulla maglia il quinto scudetto della sua storia, bissando quello conquistato la scorsa stagione a cui si aggiunge a quelli v...leggi
13/10/2018




PRIMA - Fusca al sicuro. Arrivederci Tarvisio

Incredibile a vero! Ancora nulla si è deciso per il titolo di campione del campionato carnico. Le due pretendenti, staccate di due punti alla vigilia, hanno chiuso a braccetto ed ora sarà lo spar...leggi
08/10/2018















PRIMA - Mobilieri e Cavazzo alla stretta finale

Si avvicina l’epilogo per le tre categorie del campionato carnico che ha appassionato tutta la Carnia e non solo durante l’estate. Ora è giunto di tirare le somme, alcuni verdetti sono stati...leggi
28/09/2018




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,88891 secondi