Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SECONDA C - Il ritorno del leone Vidi

Dopo un anno di stop, l’esperto tecnico (trascorsi, tre le altre, con Azzurra, Majanese, Mereto, Pro Osoppo e Pozzuolo) ha ritrovato una panchina a Castions delle Mura. Contro il Fiumicello un esordio sfortunato, ma lui era in tribuna…”Qui c’è una società giovane, dotata di ottime strutture: si può fare bene”. Domenica la sfida all’amico Pecoraro



Come canterebbe Vasco: eh già, siamo ancora qua… Perché, se la carta d’identità “denuncia” ormai 65, lo spirito di Carlo Vidi è quello di sempre: ottimista e pugnace. Il “vecchio leone” ha gestito in passato, tra le altre, Azzurra, Majanese, Pro Osoppo, Mereto, operando pure con le rappresentative Figc e nei settori giovanili di Gorizia e Sangiorgina. Ultima tappa (stagione 2016/2017), magari non cosi indimenticabile, Pozzuolo. Un pit stop a causa di una disavventura fisica - superata brillantemente - ed eccolo di nuovo in pista: lo hanno precettato a Castions delle Mura dopo le dimissioni, ammantate di mistero (permetteteci di nutrire qualche dubbio quando uno lascia da primo in classifica) presentate da Ciani. L’esordio non è stato dei migliori, ma è solo il primo dei tanti passi di un cammino.

“Con il Fiumicello non ho potuto dirigere dalla panchina per problemi di tesseramento - spiega Vidi - purtroppo ci siamo fatti intimorire da una squadra grintosa, che giocava con palle lunghe e parecchia decisione. Ora, con una settimana di conoscenza in più spero che un gruppo abbastanza giovane qual è il nostro, recuperando qualche pezzo esperto come Segato, possa migliorare ritrovando, innanzitutto, la fiducia”.

Anche perchè non siete certo chiamati a vincere il campionato.
“Assolutamente. Da neopromossa, la società mi ha chiesto la salvezza: prima possibile”.

Che ambiente hai trovato?
“Un club giovane, con ottime strutture e la giusta ambizione. Adesso dovrò capire esattamente le nostre potenzialità e lo spessore delle avversarie”.

Ultimamente la difesa subisce parecchio.
“Non solo. Nelle ultime tre gare, coppa compresa (clamoroso 0 - 6 contro il Buttrio, ndr), abbiamo incassato undici reti, senza segnarne alcuna. C’è da lavorare, quello è sicuro”.

Domenica vi tocca la Pasianese. E tornerai finalmente a bordo campo.
“Dicono sia una delle favorite. Mi farà particolarmente piacere stringere la mano al mio amico Maurizio Pecoraro, ma noi vogliamo un risultato positivo”. (rozan)



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/10/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,87312 secondi