Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CJARLINS MUZANE - Bravo Scordino. De Agostini: da non crederci

Il giovane portiere ha ripreso ad allenarsi con i compagni dopo la due-giorni di Verona con la Rappresentativa di serie D. Il tecnico: "Bravo Luca, se avesse subito metà dei gol l'avrebbe chiamato Mancini... Avremmo tranquillamente meritato di avere 5-6 punti in più in classifica, ma nel calcio può anche capitare di non raccogliere subito quelli che si è seminato. Il calciomercato? Sono contento degli uomini che ho a disposizione, ma la società è vigile e se dovesse capitare l'occasione..."



Continua il paradossale viaggio del Cjarlins Muzane di questa prima parte di stagione. Ne fa parte, a ben vedere, anche Luca Scordino, portiere del 2000 che tra lunedì e ieri ha partecipato al raduno della Rappresentativa di serie D, andato in scena a Verona sotta la direzione del nuovo selezionatore Tiziano De Patre. Scordino oggi è è stato festeggiato dallo staff tecnico e dai compagni di squadra per la bella e stimolante esperienza che lo proietta nuovamente alla ribalta, premiando indirettamente sia la società di patron Zanutta sia il lavoro del preparatore dei portieri Gialuca Parlato oltre che del collega di reparto, il mitico Angelo Calligaro
Si diceva dei paradossi: Scordino convocato nonostante i tanti gol subiti dalla squadra friulana, che si distingue per un calcio propositivo, votato all'offensiva se non all'arrembaggio. E il tecnico Stefano De Agostini si è concesso la battuta con il suo giovane estremo difensore: "Caro Luca, se avessi incassato metà delle reti prese fin qui ti avrebbe chiamato in Nazionale Mancini". Per poi aggiungere: "Scordino ha avuto un inizio di stagione complicato, ma poi è cresciuto molto in condizione ed efficacia, sfornando una serie di prestazioni importanti. Inoltre, sono pochi i 2000 che giocano titolari nel suo ruolo in categoria e lui poi è già conosciuto dagli addetti ai lavori arrivando dalla Primavera dell'Udinese. Siamo contenti per Luca e orgogliosi di lui". 
Ieri, alla ripresa degli allenamenti, il timoniere del Cjarlins ha ribadito i complimenti rivolti alla squadra a sconfitta con la Clodiense ancora calda: "Si, impegno e prestazione sono risultati apprezzabili, quella di domenica è stata una di quelle partite nelle quali puoi stare lì due giorni a tirare in porta senza riuscire a buttare dentro il pallone. Quello che ci è capitato in questi mesi è quasi da non crederci, veniamo castigati al minimo errore e mancano all'appello almeno 5-6 punti che avremmo tranquillamente potuto avere in più in classifica. Ma nel calcio capitano di questi periodi in cui si raccoglie meno di quello che si semina. Dobbiamo insistere, essere più forti degli episodi sfavorevoli, della sfortuna e, naturalmente, degli avversari". 
I sei gol subiti nei primi 5' di altrettante gare chiaramente sono oggetto di valutazione da parte di De Agostini: "Se è accaduto vuol dire che dobbiamo migliorare l'approccio alla partita, anche se, ripeto, passiamo da un paradosso all'altro. Non possiamo piangerci addosso, però, e infatti stiamo lavorando forte per preparare la trasferta ad Arzignano, da dove contiamo di tornare con i tre punti". 
La classifica, intanto, diventa sempre più corta dopo che il Levico Terme ha sgambettato 2-1 nel recupero di questo pomeriggio il Campodarsego. La zona play-out e quella play-off si sfiorano... "Solo Adriese e Este hanno dimostrato di possedere una continuità importante a livello di risultati, le altre sono molto vicine. Il calciomercato? Sono soddisfatto dei ragazzi che ho a disposizione e fermamente convinto del potenziale di questa squadra. E' altresì chiaro che se capiterà l'occasione di migliorare qualcosa credo che la società non se la farà sfuggire". 



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,81768 secondi