Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PRIMA A - L'arbitraggio penalizza il Martignacco. Il Ceolini incassa

Il signor Muccignato espelle Pascutti in maniera sorprendente: è la svolta del match. Giordano nell'intervallo striglia i suoi, nella ripresa Bortolin e Valentini permettono alla squadra di casa di imporsi



In via Giotto a Ceolini, l’Union Martignacco inciampa sulla giornata storta del signor Muccignato della sezione di Pordenone ed esce sconfitto per mano del Ceolini che incassa tre punti preziosi e ringrazia il fischietto di San Quirino e la loro determinazione nell’approfittare della giornata particolare del fischietto pordenonese. Entrambe le compagini in campo con i colori sociali pronte a darsi battaglia e al 4’ Gritti deve respingere su tiro da corta distanza. La pressione iniziale dei padroni di casa si esaurisce nel giro di qualche minuto e al 13’ da uno scambio nello stretto tra Boccuti e Killian Nobile, quest’ultimo ha l’occasione giusta e calcia a rete ma un difensore si oppone sul tiro ravvicinato del 10 di Crapiz. Il fischietto della sezione di Pordenone lascia tutti di stucco quando verso il 10’ di gioco ad una veniale protesta di Pascutti fa seguire una ramanzina di tutto punto al bomberone blugranata con richiesta di parlare solo per il tramite del suo capitano. Al 21’ sempre Pascutti subisce un evidente fallo al limite dell’area di casa per spinta da dietro ma il signor Muccignato in posizione frontale rispetto al bomberone ospite giudica l’azione degna del cartellino giallo per simulazione. Nell’allontanarsi per rientrare in posizione la punta di Crapiz esclama “incredibile!” ma il severissimo fischietto di Pordenone estrae il secondo cartellino giallo ed espelle il numero 11 ospite. È chiaramente l’episodio chiave del match che ne condizionerà le sorti finali, ma il Martignacco continua a giocare e a fare la partita.
Al 23’ Killian Nobile dalla destra serve Ziraldo che ha l’occasione giusta ma a porta sguarnita viene contrastato sulla conclusione e la sfera esce tra la disperazione dei compagni di squadra. Al 32’ il blugranata Boccuti serve Gangi che dalla destra mette in mezzo ed è ancora un difensore a smorzare nuovamente la conclusione di Ziraldo. Il Ceolini arretra il baricentro e mister Giordano è una furia contro i suoi che pur giocando in superiorità numerica subiscono l’articolata manovra ospite.
Al 42’ il terzino destro ospite Gangi si accentra e calcia dal limite di sinistro ma la sfera esce. Il pubblico ospite ha di che lamentarsi sulla direzione di gara e così lo zelante fischietto al 44’, a seguito di espressione colorita da parte di un unico tifoso, ferma il gioco e, rivolto verso il pubblico, scrive qualcosa sul taccuino. Si va così negli spogliatoi avvolti da una silente atmosfera di incredulità generale.

Mister Giordano nella pausa deve aver ricordato ai suoi di essere in vantaggio numerico e i giallorossi rientrano in campo con un piglio diverso per giocarsi la seconda frazione di gioco.  Al 9’ bomber Bortolin spara in porta ma la sfera giunge a Teccolo che defilato sulla destra calcia da posizione impossibile ma sfiora comunque l’incrocio.
Al 16’ arriva il vantaggio del Ceolini con Bortolin che raccoglie una sponda dalla sinistra e trafigge da breve distanza l’incolpevole Gritti. Il Martignacco non demorde e cerca il pari al 23’ con un’azione manovrata che porta Boccuti al tiro ma la mira è imprecisa. Al 26’ azione di forza dei giallorossi e capitan Valentini in semirovesciata cerca il gol, la sfera esce. Giordano erge un muro a difesa della porta e i suoi ragazzi cercano costantemente la ripartenza su una formazione ospite proiettata a cercare il pareggio. In una di queste al 27’ Valentini si libera dalla marcatura e calcia ma il tiro è smorzato e Gritti para a terra.
I minuti corrono, la stanchezza sui blugranata si fa sentire e al 29’ dalla spizzata di un difensore capitan Valentini è nelle migliori condizioni per trafiggere Gritti e lo fa di potenza insaccando sotto la traversa.
I blugranata sono sulle gambe e al 33’ ancora in contropiede tre contro due Tomasella, subentrato nella ripresa, spara dalla sinistra ma una deviazione in corner salva Gritti.
Al 38’ punizione dal limite del blugranata Killian Nobile che calcia un rasoterra a fil di palo che costringe Corazza a deviare in angolo.
Al 40’ da un cross dalla sinistra Valentini calcia al volo ma fuori non di molto. Il match si chiude al 44’ con una punizione di Tomasella preda di Gritti. Interrogati sull’argomento arbitraggio i dirigenti del Martignacco hanno espresso grande stupore per l’occasione dell’espulsione e per la gestione generale della gara. Ottimo il clima tra le due formazioni a fine gara con un ospitale terzo tempo preparato dai padroni di casa.



 

https://i.imgur.com/vFW7PO6.jpg

https://i.imgur.com/k95gDGg.jpg

https://i.imgur.com/CXtnHYc.jpg

https://i.imgur.com/sJIZaI9.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/12/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,87834 secondi