Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PRIMA A - Sacilese e Maniagolibero, a voi. "Valle" e Porcia si muovono

Lo scontro diretto di sabato decisivo per il titolo d'inverno. Il Calcio Aviano rende dura la vita a Zambon e soci. Il Rive si è inceppato. Ragogna e San Quirino avanti tutta, Carnelos permette al Diana di beffare il Barbeano. Ceolini sugli scudi, San Daniele nei guai nonostante Sivilotti



Ormai la corsa al titolo d’inverno è una faccenda tra Maniagolibero e Nuova Sacilese. Le due rivali pordenonesi sembrano aver momentaneamente staccato il Rive D’Arcano, precipitato rispettivamente a nove e sette lunghezze. Una dichiarazione di resa? Presto per dirlo, ma non troppo tardi per certificare che qualcosa nel meccanismo udinese sembra non funzionare più come qualche tempo fa (otto punti nelle ultime sei gare). Nel pomeriggio gli udinesi si fanno imporre l’1-1 (gol di Trevisanato) sul terreno del fanalino di coda Vallenoncello andato in rete con Benedetto, perdendo l’occasione per rimanere attaccati ai coltellinai e ai liventini.
Ieri il Maniagolibero, in attesa del match clou, in programma sabato prossimo, ha colto la dodicesima vittoria stagionale ai danni del Bannia vincendo per 2-0 grazie alla doppietta di Roveredo, confermandosi una macchina quasi perfetta.
La Sacilese, con una rete di Nicola Zambon, risponde ai maniaghesi e strappa la vittoria nel finale ad Aviano, nel derbyssimo con i pedemontani. Sacilesi rimaneggiati e la mancanza del bomber Lorenzon si fa sentire, alla quale si sono aggiunti i forfait dell’ultima ora di Visalli e Moras. Partita dura, tosta, spesso in mano agli avianesi ma alla fine Zambon trova il diagonale giusto per sbloccare il match che se fosse finito senza reti nessuno avrebbe avuto da ridire.  “Se l’Aviano giocasse sempre così – il commento del ds dei liventini Sandrin – potrà compiere più di qualche impresa sui vari campi”. I sacilesi in ogni caso si confermano miglior attacco del girone con 30 gol e miglior difesa con solo sei gol al passivo. E sabato prossimo saranno 90’ di grande spettacolo che probabilmente decreteranno il campione d’inverno.
Con il pareggio odierno il Rive D’Arcano ha permesso a Ragogna e San Quirino di avvicinarsi pericolosamente, portandosi ad una sola lunghezza dal terzo posto dopo i successi contro il Colloredo (nell’anticipo di ieri) e nel derby pordenonese contro l’Union Rorai, giocato nel pomeriggio.
A Colloredo il Ragogna vince 1-0 e ringrazia Marcuzzi per i tre punti, mentre a San Quirino, i templari di Ermano Diana spengono le velleità dell’Union Rorai sconfiggendolo per 3-1  con i gol di Romanin e Turchet, portando a quindici i punti colti nelle ultime sei gare. Il San Quirino lamenta un gol annullato per dubbio fuorigioco a Del Degan, poi passa in vantaggio con una discesa a sinistra e accentramento di Romano che dopo aver saltato due avversari insacca nel sette. Il raddoppio arriva al 44’ con un uno-due chiuso in gol da Turchet. Nel secondo tempo, dopo aver fallito il terzo gol, i locali subiscono la rete del Rorai da Tomi ma è Margherita a chiudere più tardi i conti e finale tumultuoso, episodio da censurare protagonisti giocatori ospiti  e un componente della dirigenza locale.
Oltre al mezzo squillo del Vallenoncello contro il Rive, da segnalare nel tredicesimo turno anche quello del Porcia. La formazione di Milvio Piccolo, dopo una serie di 11 sconfitte coglie un punticino a San Daniele. Agli udinesi non basta una doppietta di Sivilotti per alimentare una classifica diventata molto preoccupante. Al vantaggio di Sivilotti risponde il Porcia con un’azione corale di 60 metri in contropiede chiusa da Della Gaspera. Nel secondo tempo Medolli porta in vantaggio i purliliesi su rigore per un fallo da lui subito e nel finale un altro rigore accontenta il San Daniele trasformato da Sivilotti per il definitivo 2-2.
Vittoria sofferta arrivata nel recupero del Diana contro il Barbeano in una gara da concludersi senza reti con le squadre equivalse a centrocampo. Gli ospiti chiudono in dieci per il rosso a Zecchini e Carnelos in pieno recupero sigla il gol dell’1-0 e manda i ragazzi di San Vito di Fagagna in piena corsa per i playoff.
Sale in posizione di centro classifica anche il Ceolini, capace di annichilire (2-0) e raggiungere a quota 18 l’Union Martignacco. Gara condizionata dall'arbitro, gol decisivi di Valentini e Bortolin.



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 02/12/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,90207 secondi