Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


UNDER 17 - Unione Friuli Isontina, Graziano: "Tutti remano uniti"

Il numero uno del club commenta i campionati delle due principali formazioni giovanili



Andiamo alla scoperta del settore giovanile dell’Unione Friuli Isontina, società pura della provincia di Gorizia impegnata con le proprie squadre nei campionati provinciali Under 17, Under 15 e con tutta la trafila dell’attività di base. Ne parliamo con il suo presidente Enrico Graziano il quale inizia dalla categoria più alta, gli Allievi Under 17: “Gli allievi attualmente sono al secondo posto in classifica al pari del Torviscosa a tre punti dalla prima ma quel che mi conforta è vedere i ragazzi giocare molto bene, stanno crescendo, seguono con convinzione le direttive dello staff tecnico composto dall’allenatore principale Maurizio Peressin e dal suo vice Alessio Bolognini coadiuvati da Stefano Buna e dal preparatore atletico Massimiliano Franco con un lavoro settoriale con tutti i ragazzi. Una delle nostre forze è proprio la squadra stessa, tutti remano uniti e non c’è uno a prevalere sull’altro, anche in fatto di gol realizzati ce n’è più di qualcuno con diverse reti. Tra questi metto in risalto – porta a conoscenza il presidente – Gabriele Vecchiet. Gabriele Edera, Alessandro Graziano e Kudret Zejnuni ma gli altri compagni non sono da meno”. Come è formato questo girone goriziano degli allievi? “Rispetto all’anno scorso ci sono quattro-cinque squadre con le credenziali per ambire a vincere questo campionato ancora molto aperto. Tra queste ovviamente c’è il Latisana, primo in classifica, ma anche l’Isontina è lì, e vogliamo giocarcela e se non arriveremo primi, pazienza, almeno avremmo provato fino al termine”.
Come fa giocare mister Peressin questi allievi? “Con il classico 4-4-2, il più adatto a ragazzi di questa età. I quali seguono le direttive di mister e società e sono molto presenti al 99 per cento della rosa formata da 22 elementi, ovviamente escluse malattie. La società crede in loro e loro stessi stanno ben riponendo la nostra fiducia. Il tutto è partito – racconta Graziano – dal ritiro estivo a Malborghetto e da allora stiamo portando avanti questo progetto. Il prossimo impegno è casalingo contro la Sangiorgina”. Ovviamente all’Ufi ci sono anche i giovanissimi provinciali Under 15 impegnati sempre nel girone goriziano. “La squadra è a ridosso delle prime nonostante la sconfitta di domenica scorsa. Anche qui è bello vederli lottare per la vittoria nel campionato e anche loro stanno esprimendo un bel gioco anche se in questo girone la corsa al primo posto è molto più aperta e di conseguenza più difficile da raggiungere”.
L’Unione Friuli Isontina è una società a sè stante, staccata dall’Isontina con campi di gioco diversi, ma c’è collaborazione? “Noi siamo una società pura e non abbiamo nulla a che fare con l’Isontina che gioca a San Lorenzo, mentre il nostro campo è quello di Capriva. L’anno scorso avevamo instaurato una collaborazione fra le due società con i nostri allievi tesserati sotto l’Isontina per poter fare un interscambio fra Prima squadra e appunto gli allievi. Poi, avendo vinto il campionato giovanissimi provinciali con il diritto a partecipare quest’anno nella categoria regionale, per questioni burocratiche non abbiamo potuto iscriverci. La Figc non ammette squadre nei campionati regionali se la società non ha tutta la filiera iscritta e poiché i nostri allievi risultavano ufficialmente dell’Isontina, non siamo stati ammessi. E così, vista anche la buona qualità dei nostri ragazzi, quest’anno abbiamo deciso di iscrivere tutte le squadre come Unione Friuli Isontina. Prospettive future? Diamo tempo al tempo, siamo due realtà in ambiti diversi, fino agli allievi c’è poco da collaborare, poi si vedrà”.



 

https://i.imgur.com/TqMWguZ.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 29/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 3,09165 secondi