Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - Paolo Marzin getta la spugna. "Ma starò vicino alla Spal"

Un nuovo infortunio spinge il forte centrocampista al ritiro. Ha sempre giocato con i giallorossi se si escludono le parentesi con Sanvitese e San Daniele



Paolo Marzin, fenomenale centrocampista del '87, potrebbe aver concluso anzitempo la sua carriera di calciatore. Il condizionale lo usiamo per lasciare ancora aperto un piccolo spiraglio, ma sembra difficile che la bandiera della Spal Cordovado possa ritornare sui suoi passi rispetto a una decisione sofferta quanto razionale: "Dovrei operarmi per la seconda volta al crociato dello stesso ginocchio, con tutte le incognite del caso. Sinceramente, non me la sento, venivo da un anno di stop, avevo recuperato per benino poi ecco verificarsi di nuovo quell'infortunio, occorso nella gara con il Torre di inizio novembre. Un avversario mi è caduto sopra, sono quelle situazioni di gioco imponderabili dove la iella non lascia scampo... Psicologicamente è stata dura, avrei voluto con tutte le mie forze dare una mano alla squadra, ai compagni, sul rettangolo di gioco, invece non sarà possibile. Peccato, credevo di avere davanti a me ancora 4-5 stagioni di buon calcio, è andata diversamente". 
Paolone Marzin ha cominciato a giocare con la società di Cordovado da Pulcino e nel corso della sua avventura calcistica ha sempre indossato il giallorosso tranne che per un breve periodo: "Fui fuoriquota nella Sanvitese e per un bienno ha militato in Eccellenza con il San Daniele. E' chiaro, quindi, che alla Spal ci tengo in maniera particolare e ora continuerò a stare vicino alla squadra, impegnata in una difficile rincorsa alla salvezza. Difficile, ma possiamo venirne a capo, anche se la stagione fin qui si è rivelata essere negativa a dispetto delle qualità e degli sforzi profusi dai ragazzi e dall'intera società". 
Marzin spiega: "Nelle prime tre giornate abbiamo affrontato Casarsa, Pro Fagagna e Codroipo, perdendo le prime due gare di misura e impattando con i biancorossi. Quell'avvio ci ha tolto sicurezza e fiducia, e la corsa è diventata subito in salita. Abbiamo inoltre pagato un prezzo importante agli infortuni, specie a centrocampo dove il sottoscritto, Luca Bianco e Mancarella non hanno mai potuto giocare insieme. Ora io sono ko e Stefano Bianco è alle prese con un'ernia alla schiena. Certe stagioni prendono una piega sbagliata e non è semplice raddrizzarle, tanto più quando il girone è competitivo ed equilibrato come questo. Tuttavia,  resto convinto che la Spal sia attrezzata per rimanere in categoria". 

Mancherà al calcio giocato Paolo Marzin, centrocampista completo, generoso, atleta leale, da prendere da esempio. L'augurio è che resti nel calcio da dirigente o allenatore, portando la sua esperienza e le sue qualità in un mondo che ha un gran bisogno di uomini del genere.  

Il girone d'andata della Spal Cordovado

Spal - Casarsa 1-2, Pro Fagagna - Spal 1-0, Codroipo - Spal 1-1, Spal - Gonars 2-1, Corva - Spal  1-0, Spal - Union Pasiano 2-0, Vivai - Spal 3-1, Spal  - Sanvitese 3-0, Torre - Spal 2-1, Spal - Camino 2-3, Sesto Bagnarola - Spal 2-0, Spal - Tarcentina 0-1, Pravisdomini - Spal 4-0, Spal - Prata Falchi 1-2, Vajont - Spal 2-1.



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,73693 secondi