Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BASKET A2 - Gsa, ecco il primo "scalpo" importante

I bianconeri concludono il girone di andata battendo la seconda della classe (una Treviso "azzoppata" per le assenze di Burnett, Lombardi e Tomassini). Cortese, Simpson e Powell in doppia cifra. Cavina respira, anche se spunta la candidatura Martelossi...

GSA - DE LONGHI   77 - 63 

GSA: Penna 8, Simpson 15, Cortese 21, Powell 15, Pellegrino 4, Mortellaro 11, Nikolic 2, Pinton 1, Spanghero, Genovese. NE: Visintini e Chiti. Coach: Cavina. 

DE LONGHI: Wayns 7, Uglietti 5, Antonutti 6, Alviti 7, Tessitori 13, Imbrò 8, Chillo 17, Sarto. NE: Burnett, Saladini ed Epifani. Coach: Menetti. 

ARBITRI: Boscolo di Noale, Di Toro di Perugia e Nuara di Padova 

PARZIALI: 24 - 18, 44 - 34, 63 - 50. Tiri liberi: Gsa 10/17, De Longhi 8/14. Tre punti: Gsa 9/19, De Longhi 5/25. Rimbalzi: Gsa 34 (Cortese 7), De Longhi 23 (Chillo 6). Antisportivo a Pellegrino al 16’18”. Falli tecnici: a Menetti alla fine del secondo quarto e a Cortese al 37’48”. Cinque falli: Tessitori al 38’45”. Spettatori: 3.490. 

UDINE. Tutti i punti fanno ovviamente classifica ma, dopo averle “prese” da Fortitudo, Verona, Forli e Montegranaro, la Gsa si concede finalmente uno “scalpo” pesante. La sfida triveneta con la De Longhi, ultima tappa del girone di andata, è un derby senza particolare pathos: escluso un inziale, effimero vantaggio trevigiano (7 - 6), il resto è dominio assoluto dei bianconeri. Che, onestamente, non potevano non banchettare contro una squadra orfana di tre uomini importanti: Burnett, Lombardi e Tomassini. Al netto di queste defezioni, la Gsa ha disegnato un match intenso ed autoritario: l’esito dello stesso non spazza, però, le nubi dell’ incertezza legata al futuro della panchina friulana. Per la quale pare stia prendendo quota la candidatura Martelossi. In un clima di grande, reciproco amore tra le due tifoserie, alla prima palla a due Menetti “spende” un quintetto abbastanza inedito e ogni attacco Gsa è un orsetto vinto. La difesa bianconera fa il suo, lavorando bene sul perimetro, e ci sono pure nove punti di Cortese nel primo, importante break interno (22 - 7 al 7’). Chiedere a Udine di conservare il gruzzolo è troppo (probabilmente anche troppo presto) e infatti ecco piovere un parziale di 10 - 0 che riporta la De Longhi (decisamente più lucido in regia Ingrò - dispensatore di tre assist - rispetto a Wayns) dentro la gara. Gli ospiti pagano però lo sforzo e si dimenticano di difendere in maniera adeguata, permettendo a Udine di allungare nuovamente l’elastico con canestri fin troppo comodi: 35 - 25. Si procede a strappi: complici un antisportivo fischiato a Pellegrino, un paio di sciocchezze da addebitare sul conto di Powell e un calo generale di attenzione, Treviso (aggrappata ai suoi lunghi Tessitori e Chillo, mentre Antonutti arranca) torna ad una sola lunghezza: 34 - 35. Stasera, però, Cortese è giocatore totale (8/11 dal campo, 7 rimbalzi e 3 assist) e va di tripla praticamente dal… parterre; infine Simpson mette la sua a fil di sirena: 44 - 34. Si riparte: una “sparatoria” del solito Cortese, Penna e Powell fa saltare in aria la difesa veneta e Udine riprende a volare (59 - 43 al 25’). Treviso proprio non c’è, Wayns è pasticcione ad essere gentili, ma la vicenda non è ancora chiusa. Anche se i 13 punti di vantaggio a fine quarto paiono margine rassicurante. Farfugliando basket, Treviso ci crede ancora: 68 - 58 al 35’. E se Menetti, come ultima risorsa, piazza la zona, Penna uccide gli ultimi sogni avversari: una tripla e un altro canestro in penetrazione del pupillo di Cavina scrivono infatti la parola fine.

LA CLASSIFICA. Fortitudo punti 28, Treviso, Verona e Montegranaro 22, Forli 20, Gsa 18, Ravenna e Imola 14, Mantova e Assigeco Piacenza 12, Roseto, Cento, Bakery Piacenza, Jesi e Ferrara 10, Cagliari 6. 

Roberto Zanitti



 

https://i.imgur.com/4q3tuYJ.jpg

https://i.imgur.com/vcEYmjW.jpg

https://i.imgur.com/7VEddIT.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




SERIE A2 - La Gsa esonera Cavina

Confermato (con riserva) ieri, esonerato oggi. Cosi va la vita, soprattutto nello sport. In ogni caso, la posizione di Demis Cavina - licenziato da poche ore dal presidente Alessandro Pedone...leggi
22/01/2019


SERIE A2 - Gsa nella tana di Veideman

Dieci giorni di fuoco: sono quelli che attendono la Gsa, reduce dal successo su Imola. Due punti preziosissimi per la classifica, ma pagati con diversi acciacchi: e proprio a ...leggi
19/01/2019

SERIE A2 - Powell, intervento riuscito

Zero complicazioni. L’intervento in artroscopia (interessato il menisco mediale) al ginocchio sinistro dell’ala della Gsa Marshawn Powell, effettuato in giornata all’ospedale di ...leggi
17/01/2019

SERIE A2 - Gsa, Powell sotto i ferri

Si ferma Marshawn Powell. L’ala della Gsa, da tempo sofferente al ginocchio sinistro, dovrà infatti essere operato per l’asportazione del menisco mediale. A...leggi
16/01/2019


SERIE A2 - Simpson no, Gsa sì?

Archiviato il girone di andata con un bilancio inferiore alle attese (il sesto posto non può soddisfare e, in effetti, nella stanza delle grandi decisioni il malumore serpeggia), la Gsa...leggi
12/01/2019



SERIE A2 - Gsa, la svolta o si cambia

Mai vincente, sinora, contro le migliori del ranking e sfumato l’obbiettivo Coppa Italia (che, ovviamente, viene ora relegato in secondo piano, alla stregua di un fastidioso scollinament...leggi
05/01/2019




SERIE A2 - Gsa attesa al varco

In un clima di serenità apparente (la nuova dead line per eventuali rimpasti è stata aggiornata dal proprietario Alessandro Pedone al 6 gennaio prossimo…), la Gsa...leggi
22/12/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,80731 secondi