Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PRIMA C - Nel turno dei pareggi corrono Maranese, Rivignano e Zarja

La Sangiorgina tiene botta al cospetto della Terenziana, mentre termina 1-1 lo scontro Ruda - Pertegada. Il Vesna cerca la rimonta e coglie un punto col Sant'Andrea. Il Domio rimonta due reti di svantaggio all'Ufm



Va di moda la pareggite in questa 5a giornata di ritorno del girone C di Prima categoria con cinque gare in cui le due sfidanti si sono divise i punti. Naturalmente come sovente avviene sono i big-match a terminare senza né vinti, né vincitori e così è stato tra Ruda e Pertegada la cui sfida è terminata 1-1. Al vantaggio ospite nella ripresa di Daniel Picci rispondono i gialloblù di casa con la rete di Pantuso.
La distanza dal vertice resta immutata poiché anche la Terenziana è uscita con un sol punto dal “Collavin” impostogli dalla Sangiorgina al suo primo pareggio interno stagionale dopo aver collezionato otto vittorie e due sconfitte.
Ne approfitta per fare un passo avanti la Maranese con la vittoria non proprio agevole sul fanalino Primorec per 5-2. Meno di un quarto d’ora e la squadra di Sinigaglia è sul doppio vantaggio siglato da Dal Forno e Motta, poi a fine primo tempo i triestini dimezzano su rigore con Capraro il quale ad inizio ripresa fa 2-2. Punta sull’orgoglio la Maranese si scatena con la doppietta di Spaccaterra e il secondo gol personale del bomber Motta. E mercoledì c’è il recupero con l’Ufm al Boito alle 20.30
Frena il Sant’Andrea, stoppato sul campo del Vesna sul punteggio di 1-1 con i locali avanti grazie alla rete di Mulè verso la mezzora e solo all’imbrunire arriva il pareggio di Sessou. Il punto però serve ancora a poco alla formazione di Maranzana, che spera di ottenere qualcosa in più dal recupero con il Domio, anch’esso programmato per mercoledì, sempre alle 20.30.

Il Domio però non può distrarsi appena sopra la linea di galleggiamento mantenuta con il pareggio per 2-2 conquistato in rimonta alla Mattonaia sull’Ufm, rimasto uno scalino sotto. Sono i canterini a passare per primi nei minuti conclusivi del primo tempo con Puntar e il 2001 Aldrigo, poi il Domio ad inizio ripresa segna sue gol ravvicinati con Mandorino e Vianello.
Un buon punto lo conquista anche la Gradese sul proprio campo bloccando sul nulla di fatto l’Isonzo, segno che il ritorno di Nunez al timone sta producendo qualche effetto positivo pur essendo la salvezza ancora lontana mentre i play-off stanno diventando a rischio per i bisiachi.
Infatti il Rivignano incalza dopo aver vinto 2-1 all’Old Trafford la gara con l’Aquileia, passata per prima in vantaggio con Cecon ma raggiunta da Driussi prima dell’intervallo. A metà ripresa Cimigotto mette la freccia e regala i tre punti ai nerazzurri.
Vittoria casalinga dello Zarja sull’Isontina per 2-1 e con i tre punti la squadra carsolina scavalca in classifica gli aquileiesi sempre sopra la zona calda ma non troppo distanti. Cottiga e Crgan firmano le reti dei padroni di casa che subiscono il rigore di Woznjak ma non basta alla squadra di Longo rimasta un po’ staccata sul terzultimo gradino della classifica.

Claudio Mariani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/02/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04242 secondi