Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE A - De Paul e la Var affossano l'Udinese

L'argentino fallisce un rigore, Guida annulla il pari di Okaka. E un errore difensivo condanna i bianconeri: il Torino vince 1- 0. Ma la squadra si sveglia tardi



TORINO – UDINESE   1 - 0 
Gol: 31pt Aina 

TORINO: Sirigu, Izzo, Djidji, Moretti, Aina (45st De Silvestri), Lukic (15st Baselli), Rincon, Berenguer (33st Meite), Ansaldi, Iago Falque, Belotti. Allenatore: Mazzarri. A disposizione: Ichazo, Rosati, Bremer, Millico, Damascan. 

UDINESE: Musso, De Maio, Ekong, Nuytinck, Stryger Larsen, Fofana (21st Inglesson), Mandragora, De Paul, D’Alessandro (45st Teodorczyk), Okaka, Pussetto (23st Lasagna). Allenatore: Nicola. A disposizione: Nicolas, Perisan, Wilmot, Zeegelaar, Opoku, Ter Avest, Micin. 

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata. Assistenti: Manganelli e Fiorito. Quarto uomo: Di Paolo. Var: Aureliano. Avar: Tasso. 

ESPULSI: Mazzarri, De Maio 

AMMONITI: Lukic, De Paul, Djidji, De Maio, Ekong 

NOTE: pomeriggio nuvoloso, terreno in buone condizioni. Angoli: 9 - 2 per il Torino. Recupero: 1’ + 7’. 

TORINO. L’Udinese perde la terza gara su quattro del 2019: e adesso sono cavoli amari. Perché il Bologna si è avvicinato ulteriormente e il Frosinone (blitz a casa della Sampdoria) ha dimostrato di essere più che mai vivo. All’ “Olimpico” sabaudo i bianconeri proiettano due film: 70 minuti ad inseguire un Toro in vantaggio causa un’amnesia difensiva e un finale arrembante. Con un rigore fallito (Rodrigo, ancora tu…), una rete annullata ad Okaka (decisione un pizzico casalinga, ma non proprio scandalosa) e una traversa. Una metamorfosi certamente dovuta all’ingresso del duo Ingelsson - Lasagna ma, soprattutto, generata dalla disperazione. Adesso, naturalmente, seguiranno scie polemiche e silenzi stampa: l’importante è che ci sia un’immediata presa di coscienza della situazione. Perchè le prossime due gare casalinghe con Chievo e Bologna avranno un peso determinante in funzione salvezza. Eppure, al 5’, ci sarebbe già una bella chance per marcare il territorio. Un grave errore in disimpegno di Djidji rischia di costare caro ai granata, ma Pussetto, lesto ad impossessarsi del pallone, si fa arginare da Sirigu in uscita bassa. Musso salva invece l’Udinese al 19’: il portiere è un felino sul colpo di testa di Belotti, pronto a capitalizzare un intervento a vuoto di De Maio. Al 24’ Stryger Larsen esce di trincea disegnando un cross perfetto, sul quale Okaka manca la deviazione. Niente da fare nemmeno poco dopo quando, sul suggerimento di Pussetto, l’ex Watford si presenta in ritardo di tempi e convinzione. E allora (minuto 31) il Toro passa. Belotti recupera, Ansaldi lavora un pallone e centra: Aina si fa largo tra D’Alessandro, Ekong e Nuytinck e, di testa, supera Musso. Al 34’ De Paul esalta le qualità - anche estetiche - di Sirigu, che vola sulla propria destra per deviare una punizione del “Diez” ospite. Nuovo pericolo granata al 40’: Izzo si avventa sulla sfera proveniente dal corner, ma l’inzuccata finisce a lato. Una pregevole azione corale dell’Udinese porta al tiro Fofana (minuto 44): il destro è potente ma impreciso. Prima del riposo, da segnalare una coppia di episodi importanti: Pussetto si fa murare da Djidji a pochi passi da Sirigu mentre, sull’immediato contropiede (innescato da una palla persa di Fofana), Stryger Larsen tocca in tuffo con le braccia, un cross di Iago Falque: Guida decide di non decidere e manda tutti a prendere un the caldo. C’è lavoro da sbrigare per Musso già al 3’ della ripresa: Berenguer sfugge a tutti e scarica un destro, deviato dal portiere. Al 12’ il 21 granata serve invece Iago Falque: impatto imperfetto e Musso può deviare. Nicola toglie allora Fofana e Pussetto, dando fiducia a Ingelsson e Lasagna. Al 72’ Djidji ne combina un’altra, stendendo Okaka con un intervento alle spalle: Guida si reca alla Var e decreta il rigore. Ma De Paul (che aveva già fallito ad Empoli, nel match costato il licenziamento a Velazquez) si fa ipnotizzare da Sirigu. Una girata al volo di Lasagna termina alta e al 37’ un rasoterra di Ingelsson finisce in rete: la decisiva correzione di KL15 è però in netto fuorigioco. E al 44’, quando tutto sembra perduto, in contropiede, Okaka infila l’angolino. Ma pare che Lasagna ostruisca la visuale a Sirigu. E Guida, nuovamente assistito dalla Var, cancella la seconda prodezza friulana dell’ex romanista. I sette minuti di recupero (con pure Teodorczyk nella mischia) servono a De Maio per farsi espellere e a De Paul per “evitare” il pareggio: sul piatto destro del fantasista, infatti, Djidji salva nei pressi della linea, la palla sbatte sulla schiena di Sirigu e schiaffeggia la traversa. Un altro brutto segnale? Chi vivrà, vedrà.

LE PAGELLE. Musso 6,5, De Maio 5, Ekong 6, Nuytinck 6, Stryger Larsen 6, Fofana 5, Mandragora 5, De Paul 4,5, D’Alessandro 5,5, Okaka 6, Pussetto 5,5, Lasagna 6, Ingelsson 6, Teodorczyk sv. Allenatore: Nicola 5. 

Roberto Zanitti



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/02/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01330 secondi