Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TERZA C - Romano: abbiamo costruito ma non concluso

Il Muglia si è dovuto inchinare alla concretezza del Cgs. Campanelle, battaglia senza gol sul terreno del Villanova. L'Alabarda non decolla



Vince e convince il Cgs nel girone C di Terza categoria, espugnando il campo del Muglia con un secco 2-0 che proietta gli "studenti" nei primi posti in classifica. I verdarancio si esprimono bene e si confermano squadra da vertice come racconta il dirigente Bellussi: ”Partita subito in discesa per il Cgs con la rete di Andrea Bobul che prima vince un duro contrasto al limite dell'area, poi evita un difensore e trafigge il portiere del Muglia il quale riesce solo a toccare il pallone. Poi tanto Muglia ma crea più confusione che gioco. Nella ripresa il Cgs gioca in contropiede - continua Bellussi - e fa ballare la difesa rivierasca che al secondo fallo dentro l'area costringe l'arbitro a fischiare un rigore a nostro favore e Cattaruzza chiude la sfida realizzando dagli undici metri". 

Non è del tutto d’accordo il dirigente dei rivieraschi Romano: "Partita nervosa, gli avversari sfruttavano solo lanci lunghi per Bobul e questo risolve sempre. Noi abbiamo avuto il pallino del gioco per tutta la partita ma non siamo mai arrivati a concludere. Per il resto non c'è altro da aggiungere". 
Pareggia e porta a casa un bel punto il Campanelle impattando per 0-0 sul campo del Villanova in una gara spigolosa. "Partita molto equilibrata, combattuta, su un campo appesantito, con una parata per parte entrambe su punizione, la nostra calciata da Bavaro - ricorda il tecnico Mucci - e un'occasione di Koffi davanti al portiere calciata fuori”.
Esce sconfitta pesantemente l’Alabarda e anche dopo il cambio in panchina non riesce a fare il salto di qualità. I ragazzi di Opicina subiscono il poker dal Pieris non senza una vena polemica per la conduzione arbitrale che ha visto anche una ingiusta espulsione del dirigente Bovino

Edoardo Alessio



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/02/2019
 

Altri articoli dalla provincia...












PRIMA C - Domani Ufm - Maranese e Domio - Vesna

Le due squadre, che si appena sfidate domenica a Mattonaia nell'ambito del girone C di Prima Categoria (con risultato finale di 2-2 dopo lo 0-2 a fine primo tempo), saranno entrambe protagoniste di un recuper...leggi
12/02/2019







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,82318 secondi