Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PRIMAVERA - Udinese, una picchiata senza fine

Il Genoa surclassa i bianconeri con un perentorio 4-1; i rossoblu continuano a volare, mentre l'undici friulano è sempre più ultimo. Compagnon limita i danni



UDINESE – GENOA 1 – 4
Gol: 31′ Ventola (G), 49′ Karic (G), 61′ Bianchi (G), 72′ Micovschi (G), 74′ Compagnon (U)

UDINESE: Gasparini; Ballarini (88′ Renzi), Vasko, Mazzolo (88′ Parpinel), Ermacora; Ndreu (50′ Donadello), Gkertsos, Battistella; Kubala (50′ Katuma); Lirussi, Bocic (69′ Compagnon). A disposizione: Crespi, Beak, Renzi, Oviszach, Parpinel, Zanolla, Snidarcig, Ilic. Allenatore: Stefano Daniel

GENOA: Russo; Piccardo, Zanoli, Raggio, Adamoli (82′ Dumbravanu); Masini, Rovella, Karic; Bianchi (75′ Petrovic), Ventola (60′ Zvekanov), Micovschi (82′ Criscito). A disposizione: Raccichini, Njie, Da Cunha, Dellepiane, Zvekanov, Cleonise, Petrovic, Ruggiero. Allenatore: Carlo Sabatini

ARBITRO: Adalberto Fiero di Pistoia.

Ottava sconfitta consecutiva per l’Udinese, maltrattato anche dal Genoa. Non è bastato, quindi, l’avvicendamento di David Sassarini con Stefano Daniel per dare una sterzata ad una squadra con evidenti limiti tecnici e un ridotto impatto fisico in un campionato durissimo come quello di Primavera 1. Ora nelle nove gare che mancano allo striscione d’arrivo solo con un'impresa si potrebbe rimediare ad una stagione che si avvia a diventare negativa a tutti gli effetti con il declassamento nella Primavera 2. Probabilmente, quello che si era evitato lo scorso anno con la vittoria al playout, era un segnale premonitore, non raccolto dal club friulano, finendo per allestire una squadra non all’altezza dello spessore generale del girone.
Contro il Genoa il tracollo è stato totale e ancora una volta, l’ennesima, gli ospiti raccolgono il massimo sotto porta, mentre i bianconeri si auto annientano sotto porta. Le prime incursioni della prima frazione portano la firma di Ndreu, sinistro alto all’8 e anticipato in uscita dal portiere Russo al 28’, ma a passare sono i rossoblù ospiti. Bell’azione sulla destra di Karic che salta un avversario e mette il pallone in mezzo, sul secondo palo Ventola la schiaccia di testa e insacca alle spalle di Gasparini.
Al rientro in campo dell'intervallo giunge il raddoppio: azione palla al piede di Micosvchi che salta un avversario con un pregevole dribbling e calcia a giro sul secondo palo, Gasparini è bravo a respingere, ma non può nulla sulla ribattuta di Karic. Al 61’ terzo gol, ancora Micosvchi, tra i migliori dei suoi, si invola palla al piede verso la porta bianconera, con la coda dell’occhio vede l’arrivo di Bianchi meglio posizionato e, intelligentemente, lo serve, il numero 9 rossoblu non può sbagliare il rigore in movimento ed insacca. Il poker ospite si materializza al 72’ , ad innescare l’azione e Karic che parte palla al piede e serve al centro Micovschi, il numero 10 rossoblù anticipa tutti con la punta ed insacca alle spalle di Gasparini. Udinese stesa.
La reazione porta al gol della bandiera di Compagnon con un destro dall’interno dell’area. Finisce qui nonostante qualche reazione, più fisiologica che tecnica dei bianconeri, che lasciano il terreno di gioco a testa bassa,



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 02/03/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03065 secondi