Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA - Carlet: dobbiamo lavorare per crescere. Triestina A ok

Il Sarone Caneva sta affrontando un campionato assai impegnativo. Lo dimostra pure l'ultima gara. Lutto in casa del Futuro Giovani: slitta la sfida col Gordige. Triestina San Marco B, peccati di gioventù



Stefano Carlet (presidente del Sarone/Caneva): “Ci mancavano parecchie ragazze come sempre. Ne avevamo a disposizione 13 e le più esperte non erano disponibili. Ora ci ritroviamo in un campionato più difficile e ce ne siamo resi pienamenti conto. Nei primi 45' la squadra ha tenuto botta alla Triestina e proprio al 45' ha preso l'1-0 su uno svarione difensivo. Negli allenamenti in settimana ne avevamo otto-dieci di giocatrici e perciò non c'è stata continuità, una cosa che abbiamo pagato nella ripresa quando c'è stato un nostro calo e sono arrivati gli altri loro gol. Sappiamo, che dobbiamo lavorare per crescere”.

Virginia Del Santo (difensore della Triestina/Polisportiva San Marco A): “Partita a senso unico, le avversarie non riescono mai a rendersi pericolose, mentre la Triestina avrebbe varie occasioni per aumentare il vantaggio, ma spreca tanto e colpisce anche tre pali in cinque minuti durante il primo tempo”.

Claudio Poli (dirigente del Futuro Giovani): “La partita con il Gordige è stata rinviata all'ultimo, proprio in mattinata. E' morta la mamma di una nostra ragazza. Si era pronti a partire con il pullman per Cavarzere e abbiamo ricevuto la notizia in diretta. Perciò è arrivato il rinvio a data da destinarsi. Ci metteremo d'accordo per la data”.

Cristina Fumis (dirigente della Triestina/Polisportiva San Marco B): “Una partita convulsa quella tra il Primiero e le nostre giovani, che sono praticamente under 17. Una gara contraddistinta da repentini cambi di fronte. Ancora una volta sono l'età e l'esperenza a fare la differenza. Le più mature giocatrici avversarie hanno saputo sfruttare a pieno i nostri errori difensivi; il risultato di 4-0 è comunque bugiardo. Incassato il primo gol al 16' su un batti e ribatti a al limite della nostra area di rigore. Le ragazze risentono del colpo e dopo solo un minuto incassano il secondo gol. La squadra inizia a reagire, riuscendo più volte ad arrivare sotto la loro porta, non trovando il gol. Una bella azione al 43' in cui Lanzetta - lanciata in contropiede sulla fascia - serve un bel cross in area a Palomba, che tira di un soffio sopra la traversa. Non inizia bene il secondo tempo. Al terzo minuto Donnarumma ha fatto un'autorete; al 12' è di nuovo il Primiero ad impegnare il nostro portiere, che con un tuffo degno di un calciatore di serie A salva la nostra porta. La nostra squadra non demorde seppur stanca e senza la possibilità di fare cambi, proponendosi più volte in attacco prima con Arslanoska e poi con Palomba che non trovano la rete. Al 40' su un calcio d'angolo il Primiero va ancora in gol. Le nostre non demordono e continuano a proporsi in attacco, ma non trovano il gol”. 

Massimo Laudani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/03/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05105 secondi