Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL CASO - Tellini: su Tortolo e Lo Manto squalifiche immotivate

Il presidente della Pro Cervignano: "Quello che ha scritto l'arbitro nel referto non è quello che è successo. Gianni, poi, rappresenta l'educazione fatta persona"



E' scossa la Pro Cervignano per la squalifica fino al 2 aprile comminata al proprio tecnico Gianni Tortolo, espulso domenica nella gara con l'Ol3. Ma anche i 4 turni di castigo inflitti al giocatore avversario Enrico Lo Manto hanno lasciato l'amaro in bocca pure ai gialloblù. Se ne fa portavoce il presidente Giorgio Tellini, profondamente colpito dalla vicenda, che l'ha visto testimone diretto, sereno e imparziale. Spiega il massimo dirigente del club cervignanese: "Mister Tortolo, che rappresenta l’educazione fatta persona, non ha pronunciato alcuna espressione irriguardosa né alla terna, né a nessun altro, e di ciò sono testimoni tutti i presenti, sia della Pro Cervignano che dell'Ol3. Gianni si è rivolto al direttore di gara con queste testuali parole: “Ha ragione arbitro, mi scusi!”, ragion per cui ciò che ha scritto l’arbitro nel referto non corrisponde in alcun modo alla verità e questo personalmente lo reputo un’offesa alla persona prima e un danno alla nostra società poi. Non è mia abitudine giudicare l’operato degli arbitri, non l’ho mai fatto e non comincerò ora, ma esprimo tutta la mia solidarietà a Gianni che non ha bisogno della mia difesa perché la sua storia calcistica e umana parlano da sole. Esprimo il mio totale disappunto per questo fatto grave che si verifica, tra l'altro, in una fase così delicata del campionato. Sarebbe fin troppo facile pensare che appare quanto meno sorprendente che venga designato un arbitro di Trieste per una gara della Pro Cervignano, ma non subisco il fascino dei complottisti, piuttosto giudico incredibile ciò che è successo anche alla luce della squalifica di 4 giornate inflitta a Enrico Lo Manto, che reputo analogamento del tutto ingiustificata - sottolinea Tellini -; infatti il giocatore dell'Ol3 non ha colpito nessuno dei nostri ragazzi con leggere manate come si legge nelle motivazioni della squalifica. I ragazzi sono tutti amici tra di loro e lo hanno dimostrato al bar dopo la partita; ero dietro la panchina dell’Ol3 e non ho visto accadere ciò che ha riportato l’arbitro: siamo di fronte a episodi difficili da ignorare e anche da comprendere, episodi che danneggiano il lavoro compiuto dalle società e dai tesserati".  



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/03/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04524 secondi