Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ECCELLENZA - San Luigi quasi nella storia. E quasi in serie D

Cade il Brian per mano del Lumignacco, la squadra di Sandrin diventa praticamente imprendibile con 4 turni d'anticipo espugnando Manzano. Pro Gorizia di nuovo seconda, Cordenons, Gemonese e Fiume Veneto Bannia vincono e sentono profumo di salvezza



Manca un soffio per il primo verdetto, il più importante: il San Luigi ha messo le mani sul campionato di Eccellenza con quattro giornate di anticipo e salirà in serie D. Incredibile l'impresa dei ragazzi di Peruzzo e Sandrin, che oggi hanno portato a 11 i punti di vantaggio sulla seconda, tornata a essere la Pro Gorizia. Il San Luigi ha espugnato 3-0 Manzano, colpendo in apertura di gara con Ciriello e poi completando l'opera nella ripresa ancora con Carlevaris e Ciriello. Ormai, dunque, basteranno un paio di punticini a Furlan e soci per dare fiato alle trombe e stappare lo spumante. 
Infuria invece la bagarre play-off, riaccesa dalla caduta del Brian e dai successi colti da Pro Gorizia, Torviscosa e Ronchi. La formazione di Coceani è andata a sbancare Tricesimo capitalizzando la rete segnata dopo appena 4' da Luca Piscopo; non è riuscito agli azzurri di replicare. 
Un gol ha scavato la differenza anche nell'atteso Lumignacco - Brian, quello firmato ancora una volta da Ime Akam a metà del primo tempo: Ime aveva segnato domenica il 2-2 con la Manzanese e già all'andata aveva ferito l'undici di Birtig. Brian che perde la piazza d'onore, rossoblù che vedono una tranquilla salvezza grazie a un filotto di 4 vittorie e un pareggio nelle ultime 5 gare. 
In un turno privo di pareggi e caratterizzato da partite molto incerte, festeggia anche la Gemonese, capace di sbancare Tamai, compiendo un balzo fenomenale verso la tranquillità. I giallorossi di Bortolussi vedono le streghe nel primo tempo (tuona subito Salvador), ma nella ripresa si scatenano e matano il Fontanafredda con la doppietta di Arcon e la stoccata di Londero. Brutto colpo per il Fontanafredda, anche se reso meno doloroso dalle sconfitte di Lignano e Flaibano che restano dietro ai rossoneri, e del Kras, che rimane inchiodato a quota 29. Kras steso a domicilio dal Cordenons, con Serrago nuovamente determinante: stavolta il gol del granata è arrivato già al 10'. 
Cordenons al sicuro, e Fiume Bannia sulla strada giusta per esserlo: Paciulli da bomber di razza firma la doppietta che rischia di spedire all'inferno il Flaibano. Ma fino a quando la matematica non condanna... 



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/03/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03080 secondi