Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PRIMA C - Impresa della Maranese, il Pertegada scappa. Ufm di forza

I lagunari in rimonta superano la Terenziana e si riprendono il terzo posto a scapito del Ruda. La capolista regola il Primorec e vola a +5. In chiave play-off il Sant'Andrea non molla la presa. Vittoria importante per l'Aquileia a spese del Domio



Il Pertegada saluta tutti e parte verso la Promozione? Certamente la strada è quella giusta e con 5 punti di vantaggio può concretamente pensarci, ma deve anche ricordare che proprio all’ultima giornata c’è lo scontro diretto con la Terenziana in riva al Tagliamento. Ecco perché servono i piedi di piombo e la divisa da pompiere a mister Berlasso, la cui truppa si è sbarazzata del Primorec per 2-0 con una rete per frazione messa a segno da Corradin e Panfili.
I gialloneri avevano l’occhio puntato sulla App Italiagol per seguire il match dei rivali fra Terenziana e Maranese, scontro fra titani, vinto dalla formazione lagunare per 2-1 in rimonta. Passano per primi i bisiachi con Raugna, poi la risposta ospite è nelle reti di Alberto Zanello e Motta.
Il Ruda, dopo 24 ore al terzo posto, torna uno scalino sotto, superato dalla Maranese, ma archivia il meritato successo esterno sul campo della Sangiorgina per 3-1 con centri di Cecotti e Marconato nel primo tempo, ancora nella ripresa Cecotti e accorcia Tomada per la squadra di casa che, in pratica, ha dato l’addio ai play-off.
Non di certo lo fa il Sant’Andrea, anzi li certifica maggiormente dopo il successo pirotecnico ottenuto allo “Starc” superando per 4-3 una mai doma Gradese. Vantaggio triestino nel primo tempo di Moriones, poi lo stesso segna ancora e il bottino aumenta con i centri di Sessou e Paul. Per i “mamoli” vanno a referto Michael Pinatti, El Moujahdi e Dean ma la salvezza, se non cambiano le cose, passerà attraverso i play-out.
Forse non serviranno proprio né all’Aquileia né all’Ufm, in odore di salvezza diretta o, al massimo, usufruendo della forbice dei 7 punti. I patriarchini fanno proprio lo scontro diretto con il Domio, battendolo per 2-1 con le reti di Flocco ad inizio gara e di Casasola nella ripresa. Per i triestini va a segno Lapaine.
Più netto il successo esterno dell’Ufm che cala il poker sul campo dell’Isontina dell’ex mister Bertossi. Un 4-0 incominciato a maturare all’epilogo della prima frazione dal gol di Puntar, poi ad aumentare il vantaggio una doppietta di Sangiovanni (il secondo su rigore verso l’imbrunire) e allo scadere Di Matteo sigla la quarta rete e mette nei guai la truppa di Longo.
Termina senza reti Isonzo – Vesna e con il punto i carsolini tengono accesa la fiammella dei play-out, mentre gli isontini vedono allontanarsi gli spareggi promozione.
Stesso punteggio ad occhiali esce dall’Old Trafford fra Rivignano e Zarja, entrambe piuttosto tranquille a metà classifica. 

Claudio Mariani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/03/2019
 

Altri articoli dalla provincia...





JUVENTINA - Nuovo progetto con Sepulcri

Sono ore e giornate decisive, queste, per la Juventina, che sta per partorire un nuovo progetto. Il presidente Marco Kerpan è, comprensibilmente, abbottonato, ma non su...leggi
18/06/2019





MONDIALE - Mauro e Gama, inizia l'avventura

La grande attesa è terminata. Finalmente il pallone rotola. La Nazionale femminile fa infatti il suo esordio domani a Valenciennes, nel nord est della Francia, nel campionato del mondo: non vi partecipa...leggi
08/06/2019









Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02079 secondi