Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PRIMA C - Il Rivignano espugna Monfalcone

I nerazzurri chiudono in bellezza il campionato, capitalizzando la rete di Sciardi. Ufm poco concentrato in una classica gara di fine stagione



UFM – RIVIGNANO 0-1
Gol: al 20’ Sciardi.

UFM: Galessi (1’st Modesti), Lo Cascio (10’st Manià), Dika (19’st Boscarolli), Cuzzolin (1’st Giardinelli), Andrea Rebecchi, Alessandro Rebecchi, Di Matteo, Aldrigo, Lugli, Puntar, Turco (42’ Petriccione). (17. Zicchinolfi, 19, Sangiovanni). All. Massimiliano Bertossi.

RIVIGNANO: Comisso, Buran, Alex Romanelli, Driussi, Tonizzo, Menazzi (25’st Greco), Luva Pighin (36’st Odorico), Lekiqi, Sciardi 46’st Cotugno), Pinzin (15’st Cinigotto), Zoppolato (20’st Baccichetto). All. Peter Livon.

ARBITRO: Jessica Mecchia sez. Tolmezzo.

NOTE – Ammoniti: 24’ Puntar (f), 16’st Lugli (p), 25’st Aldrigo (f), 44’st Giardinelli (f). Angoli: 3-2. Rec.: 1’-5’. Giornata parzialmente nuvolosa. Spettatori 300 circa.

MONFALCONE – Cala il sipario sul campionato per Ufm e Rivignano, le cui fatiche si sono chiuse al “Boito” di Monfalcone, in anticipo, con gli ospiti usciti vittoriosi per 1-0. Visto l’andamento della gara, c’è stata probabilmente più verve all’ora di pranzo, quando gli ex giocatori di Ufm, Monfalcone, Fincantieri, ed ex Crda si sono ritrovati per il tradizionale convivio di fine stagione, a cui ha fatto seguito una appassionante gara di briscola.
Alla lettura delle formazioni il presidente monfalconese, Rodolfo Lugli, ha voluto ringraziare tutti coloro che, in vari modi durante la stagione, hanno contribuito a portare avanti la società, dai dirigenti, ai magazzinieri, allo staff tecnico, ai collaboratori e agli addetti alla ristorazione del “Furgon delle Meravilie” sempre sul pezzo.
Tornando alla gara, non si è visto un gran spettacolo, poche le motivazioni e anche la concentrazione dei padroni di casa non era ai massimi livelli. Più ordinato il Rivignano che ha saputo ben amministrare il vantaggio acquisito nel primo tempo, rischiando solo in qualche occasione. Non accade nulla sino al 19’ quando un corto retropassaggio di Turco costringe Galessi ad allontanare di piede anticipando l’avversario. Nel prosieguo dell’azione, il Rivignano ottiene un calcio di punizione dal vertice sinistro dell’area, la relativa battuta di Sciardi diretta in porta non è irresistibile, Galessi però ci mette del suo è schiaffeggia la palla in rete.  Al 32’ rovesciata defilata di Zoppolato, stavolta Galessi si riscatta. Nel finale di tempo Comisso blocca un diagonale di Turco e il tempo si chiude con una protesta per un tocco di mano, fuori area, di un nerazzurro, su cui l’arbitro non interviene.

Nella seconda frazione, Petriccione, subentrato all’infortunato Turco, prova un pallonetto dalla distanza, ma non trova la porta. Al 21’ taglio diagonale in area per Baccichetto, in campo al posto di Zoppolato, sul cui tiro ravvicinato, Modesti (anche lui sul terreno di gioco dopo l’intervallo), si rifugia in angolo. Alla mezzora la rasoiata di sinistro dal limite di Puntar sfiora l’incrocio ma la più ghiotta occasione per il pareggio ce l’ha Lugli, servito in corridoio da Di Matteo. L’attaccante di casa però calcia addosso a Comisso, bravo a chiudergli lo specchio.
Al 50’ Rivignano vicino al raddoppio quando Lekiqi serve a centro area il liberissimo Baccichetto che si fa però anticipare da difensore e portiere.
Finisce con la vittoria del Rivignano e con i giocatori dell’Ufm sotto la tribuna a ringraziare i propri tifosi.

L’ANGOLO DEL VAR

Arbitro: Jessica Mecchia sez. Tolmezzo 6
Non è sempre vicinissima all’azione ma fischia correttamente. Un paio di tocchi con la mano potevano essere puniti tecnicamente ma ha preferito lasciar correre. Giuste le ammonizioni comminate.

I casi analizzati:

- 24’: giusto il giallo a Puntar per un netto fallo all’altezza della linea mediana su Pinzin. In precedenza aveva rischiato il giallo per una evidente trattenuta nel cerchio di centrocampo. L’arbitro nella circostanza aveva concesso solo la punizione, ma l’ammonizione ci stava.

- 46: proteste per un tocco con il braccio fuori area in fase di disimpegno di un giocatore del Rivignano. Il pallone gli schizza sul braccio dopo esser rimbalzato a terra da distanza ravvicinata. Nel caso giusto considerare involontario.

Claudio Mariani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...










A GORIZIA - Grion sugli scudi

Finisce con la vittoria della Pro Gorizia, anche se solo per differenza reti, la “festa” del calcio isontino dedicata ad Agostino Moretto...leggi
18/08/2019









Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02064 secondi