Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


GIUDICE SPORTIVO - Squalifiche e multe a volontà

Play-off e play-out fanno salire la tensione e creano difficoltà agli arbitri. Ecco i provvedimenti dalla Promozione alla Terza categoria



Play-off e play-out scaldano gli animi, incendiano le zolle, fanno saltare i nervi. Dei giocatori, soprattutto, ma non solo. Mettono pure il difficoltà gli arbitri, reduci da una domenica assai complicata. Il riverbero di tutto ciò arriva dal comunicato ufficiale contenente le decisioni del Giudice sportivo. 

PROMOZIONE

Sono 4 i turni di stop rifilati a Giuseppe Sotgia del Casarsa, espulso durante la sfida di Codroipo. Il Giudice sportivo lo ha sanzionato "perchè, dopo l'espulsione comminata dall'arbitro ad un proprio compagno di squadra, si rivolgeva nei confronti del direttore di gara in modo minaccioso urlandogli gravi epiteti ingiuriosi; perchè, dopo l'espulsione, cercava di avvicinarsi minacciosamente all'arbitro senza riuscirvi per l'intervento del capitano della squadra avversaria che impediva qualsiasi contatto e lo allontanava invitandolo ad andare negli spogliatoi; perchè, successivamente, continuava a protestare per un minuto, dopodiche si incamminava verso gli spogliatoi urlando nei confronti dell'arbitro ulteriore epiteto ingiurioso". Indubbiamente Sotgia avrà esagerato, ma un Casarsa che ha chiuso il match in 7 qualche interrogativo lo suscita anche in riferimento alla direzione arbitrale. Felitti è stato fermato per 2 turni, Trevisan e Gonzati per uno, tutti gialloverdi. 

Nei play-out è stato squalificato fino al 4 giugno l'allenatore del Sesto Bagnarola, Silvano Neri. Tra i calciatori,  due giornate di castigo per Pasutto (Sesto) e Patessio (Mladost), quest'ultimo espulso mentre si trovava in panchina. Hanno collezionato una giornata di stop Benedet (Sanvitese) e Vello (Sesto Bagnarola). 

PRIMA CATEGORIA

Inibiti fino alla fine di maggio 4 dirigenti, Martini (Maniagolibero), Petrello e Vida (Santamaria), e Lauzana (Diana). 
Per quel che riguarda i calciatori, stop per un turno comminato a Coseani (Azzurra), Barone (Buiese), Casonato (Calcio Ruda), Cudicio (Forum Julii), Mazzoli (Maniago Libero), Argante e Pecile (Santamaria).
Quindi Buiese - Azzurra non vedrà partecipare Barone e Coseani, uno per parte. 

Nei play-out stangata da 250 euro al San Daniele "perchè al 47' del secondo tempo, dopo la concessione di un calcio di rigore a favore della squadra avversaria, e fino alla fine della gara ed al rientro negli spogliatoi, una quindicina di propri sostenitori utlavano ripetutamente insulti e frasi blasfeme rivolti alla terna arbitrale; perchè, una volta rientrati nel proprio spogliatoio, gli ufficiali di gara sentivano epiteti ingiuriosi provenienti dallo spogliatoio del San Daniele Calcio; perchè, successivamente, nel mentre la terna arbitrale accompagnata dal Dirigente della squadra ospitante, si avviava verso l'auto, alcuni calciatori del San Daniele Calcio non identificati, in prossimità della zona spogliatoi (quindi distanti dal parcheggio), persistevano nell'urlare insulti ed espressioni irriguardose verso la terna stessa". E 100 euro di multa sono stati inflitti al Vallenoncello
Il San Daniele si è visto inoltre squalificare per tre giornate Naccari e per due Fabiani e Chirico, così come Costelli dell'Isontina. 

SECONDA CATEGORIA

Il Sarone Caneva è stato multato di 150 euro e pesante è stata la squalifica comminata a Norberto Carlos Borda, attaccante della squadra, mandato in castigo per 5 turni per "essere stato espulso al 4' del secondo tempo per grave fallo di gioco nei confronti di un avversario, commesso con vigoria sproporzionata, ma senza arrecare conseguenze all'avversario stesso; perchè, dopo l'espulsione, il Borda si avvicinava minacciosamente all'arbitro costringendolo ad indietreggiare per non venire a contatto e gli urlava, con tono intimidatorio, per tre volte epiteto ingiurioso e minaccia; perchè, dopo essere stato trattenuto in tale circostanza dai campagni, si allontanava dal terreno di gioco dopo circa un minuto e mezzo dall'espulsione; perchè, dopo la fine della gara, stazionava davanti alla porta degli spogliatoi bloccandone l'accesso e, in modo particolarmente minaccioso, urlava in lingua spagnola verso l'arbitro e l'AA2; anche in tale circostanza i compagni di squadra ed i dirigenti provvedevano a tratternerlo consentendo alla terna arbitrale di raggiungere lo spogliatoio".

Sono stati fermati per un turno Trevisan del Basiliano e Segato del Sarone Caneva. 

Nei play-out il Giudice sportivo si è soffermato sul comportamento di alcuni sostenitori del Castions, impegnato nella gara (persa 2-1) disputata a Pocenia contro la squadra di casa. Questi sostenitori hanno denigrato l'arbitro, ma anche l'assistente donna, quest'ultima con offese legate al suo essere donna. Il Castions dovrà perciò disputare una gara a porte chiuse, ma tale sanzione è sospesa e non avrà seguito se non vi saranno ricadute nel corso del prossimo anno. A ciò si aggiunge una multa di 200 euro. 
Per quel che riguarda i calciatori, si registrano due turni di stop per Saccon (Brugnera), Bolzan (Villesse) e Cessel (Purliliese) e uno inflitto a Ferazzin (Castions) e Ballardin (Purliliese).

TERZA CATEGORIA

Esce malconcio dalla sfida play-off col Chiavris il Keepfit Udine Ga, che si è visto squalificare per 4 turni Boahen, per 3 Owusu e per uno Proto, che quindi salteranno la decisiva gara con la Castionese. Un turno di stop ha raggiunto pure Cernecca della Triestina Victory.  



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01547 secondi