Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - Prata Falchi, uscire così fa proprio male

Un pareggio toglie la possibilità ai pordenonesi di giocarsi lo spareggio per l’Eccellenza. Forte la delusione del tecnico Gabriele Dorigo, tuttavia conscio dei limiti della squadra a cui manca l’uomo leader e in grado di far gol



Il Prata Falchi è arrivato ad un passo dal traguardo, al termine di una gran galoppata, ma con il fiatone e gli è mancato lo sprint al foto-finish. Il pareggio ottenuto a Codroipo per 2-2 lascia molto amaro in bocca ai pordenonesi i quali, partiti con obiettivo salvezza, si sono ritrovati a giocarsi la promozione.
“Per quanto abbiamo prodotto durante al stagione e visti gli obiettivi prefissi all’inizio, questo epilogo non lo trovo giusto. Ad agosto pensavamo solo a salvarci e invece a maggio ci siamo ritrovati a giocarci il salto di categoria in un’unica partita. Doveva finire in un altro modo – racconta deluso e insieme orgoglioso l'allenatore Gabriele Dorigo –, meritavamo qualcosa in più. Nell’arco di questi 120 minuti ci è mancato lo spunto per poter vincere la partita, seppur avessimo giocato, creato e anche subito. Ma ci è mancato lo sprint per poter vincere questo genere di partite. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, a cui faccio i complimenti e se il verdetto del campo è questo, vuol dire che è giusto così. Oggi hanno giocato diversi fuoriquota, in connubio alla volontà della società di valorizzare i giovani, ma la loro minore esperienza fa sì che questo tipo di partite non le riesci vincere. Sono conscio di quello che mancava alla squadra per poter salire di categoria, quell’uomo in più in grado di cambiare marcia. Il nostro capocannoniere ha segnato soltanto 7 gol, troppo pochi per puntare in alto. Rimane la delusione di non essere stati premiati pur avendo giocato due gare di play-off, senza mai perderle, con tanti giovani, come fatto durante la stagione, e poi ritrovarsi col classico pugno di mosche in mano”. 



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...









PORDENONE - La foto ufficiale

Nella prima storica annata di serie B il Pordenone gioca le sue gare interne a Udine, ma non "dimentica" però la sua casa, la sua (bellissim...leggi
18/09/2019








SECONDA A - Troppa grazia Vigonovo

Due episodi cambiano la partita a Vigonovo, un cartellino rosso e un rigore fallito dagli ospiti fanno pendere la gara a favore dei locali che legittimano la vittoria.Dopo pochi...leggi
15/09/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01526 secondi