Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


CAMPI e VITALE - San Giovanni e Ism a segno. I commenti sulle finali

I tornei organizzati dall'Audax Sanrocchese e validi per le categorie Giovanissimi e Allievi sono andati in archivio al termine di un'edizione assai positiva



San Giovanni-Ronchi 3-2 ai supplementari nella finalissima dei giovanissimi (memorial Campi) e Ism Gradisca-Ufi 5-1 nella finalissima degli allievi (memorial Vitale).

Massimiliano Candutti (presidente dell'Audax Sanrocchese): “I ringraziamenti sono dovuti e vanno a chi ci ha dato il patrocinio, ovvero la Regione, l'Uti ex Provincia, il Comune e la Cassa di Risparmio; un grazie a Figc e Aia, che ci hanno dato il loro appoggio, ma anche alle varie squadre e società, ai loro allenatori e dirigenti e ai giocatori, ma anche all'entusiasmo dei genitori. E bisogna dire un grazie anche ai nostri volontari, che hanno lavorato al chiosco, negli spogliatoi e sul campo – nonché i due speaker - per rendere possibile questi tornei. Ho visto agonismo e correttezza, una cosa che è mi piaciuta”.

Stefano Ceretta (vice sindaco e assessore allo sport di Gorizia): “L'Audax Sanrocchese è una società, che va portata ad esempio nel fare gruppo e per l'impegno nel portare avanti il suo progetto sportivo. Ci tengo anche io a ringraziare i genitori, che rinunciano al mare per stare vicini ai loro figli e accompagnarli a fare sport, è un investimento che tornerà molto utile ai ragazzi”.

Antonio Quarta (delegato della Figc di Gorizia): “Anche in questa edizione è stata onorata al meglio la memoria dei giovani Vitale e Campi grazie all'impegno di tutti. E ai ragazzi dico di non lasciarsi inganni da specchietti delle allodole, ma di tenere gli occhi aperti. Da noi in federazione vengono genitori a chiedere consigli, ma lo fanno quando ormai è tardi. Perciò fate attenzione e per qualsiasi cosa siamo a disposizione. Devo anche ringraziare i dirigente dell'Audax Sanrocchese, che hanno fatto slittare le finali dei loro tornei per evitare la concomitanza con le finali del Torneo delle Province a Lauzacco in cui abbiamo conquistato un'importante vittoria con gli allievi e purtroppo ci siamo andati solo vicini con i giovanissimi. In ogni caso senza collaborazione non si va avanti”.

Mauro Pinatti (allenatore degli allievi dell'Ism Gradisca): “Nel primo tempo eravamo un po' meno sciolti perchè dovevamo rompere il fiato, poi siamo cresciuti e abbiamo fatto bene. L'azione del 3-1 è l'emblema del calcio che voglio. Erano 20 anni, che non facevo le giovanili e sono contento di questa esperienza perchè si è creato un bell'affiatamento anche con i genitori e mi sono sentito un fratello maggiore dei miei ragazzi, che venivano da me per chiedere dei consigli. Pur avendo qualche difficoltà a livello numerico, abbiamo fatto bene pure in campionato, il cui unico dispiacere è aver perso con l'Ol3 – complici tre giocatori in ferie – ma resta il fatto che abbiamo segnato tanto”.

Maurizio Peressin (allenatore degli allievi dell'U.F.I.): “I ragazzi hanno lottato e questa è la cosa è importante. Abbiamo cambiato qualcosa, spostando il difensore centrale Graziano a punta e proprio lui, che è stato anche capitano della rappresentativa al torneo delle province, ha segnato il gol del 2-1. Se fossimo riusciti a trovare il 2-2, la partita sarebbe cambiata. Purtroppo abbiamo preso il 3-1, che ci ha tagliato le gambe”.

Luca Gratton (allenatore dei giovanissimi regionali del San Giovanni): “Abbiamo conquistato il nostro triplete tra Elite raggiunta, vittoria a Gorizia e vittoria al torneo internazionale dello Zarja, in cui una squadra italiana non aveva mai vinto tra i giovanissimi. Stavolta non è stata facile perchè – oltre alla scuola - abbiamo giocato tanto nell'ultimo periodo tra torneo dell'Audax, Basovizza e il nostro torneo a San Giovanni. Il gruppo è stato bravo nella ripresa ad andare sul 2-0 e a tenere il campo fino al 2-1. Poi un po' di stanchezza si è sentita ed è arrivato il 2-2. Buono l'arbitraggio, solo il rigore concessoci (peraltro parato) è stato fiscale, essendo il braccio attaccato al corpo. Mi dispiace per il gesto di Iogna Prat (spinta all'arbitro una volta ammonito per proteste pochi secondi dopo il 2-2 e quindi espulso, ndr). Era stanco, stavo per sostituirlo. Qualsiasi lunghezza della squalifica sarà giusta. Per fortuna abbiamo trovato presto il bel 3-2 con Visentin e poi i nostri giocatori sono stati bravi a gestire il vantaggio in dieci durante i supplementari senza correre rischi”.

Fulvio Battistutta (allenatore dei giovanissimi provinciali del Ronchi): “Quando prendi gol stupidini è difficile recuperare, ma la squadra ha reagito bene ed è risalita fino al 2-2, pur stanca per la scuola e i tornei e non avendo proprio tutti. Si è vista la differenza fisica tra una formazione regionale come il San Giovanni e una proveniente da un campionato provinciale, anche perchè talvolta i nostri sono un po' timidi. In ogni caso ci eravamo già tolti una bella soddisfazione superando l'Itala e stavolta ce ne siamo tolta un'altra, riuscendo a pareggiare sotto di due reti”.

Massimo Laudani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02973 secondi