Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PLAY OFF NAZIONALI - Bentornato Palmanova!

Piegando nel finale la Vigor Fucecchio (5 - 3) la formazione amaranto sbarca in serie B. Mister Criscuolo: “Un’annata magica. Ci fossero state le elezioni, avremmo vinto anche quelle! Ed ora arriveranno due big…” Il presidente Labollita: “In caso di sconfitta, avremmo chiuso i battenti. Invece si riparte, con la conferma dello sponsor”



PALMANOVA – VIGOR FUCECCHIO    5 - 3
Gol: Bozic (P), Scaramozzino (VF), Spatafora (P), Umallini (VF), Bozic (P), Contin (P), Contin (P), Randazzo (VF).

BIPAN PALMANOVA: Braida, De Bernardo, Bearzi, Teixeira, Znidarcic, Contin, Zalascek, Langella, Cargnelutti, Bozic, Spatafora, Linza. Allenatore: Criscuolo.

VIGOR FUCECCHIO: De Santis Campanella, Scaramozzino, Carmignani, Izouhar,  Randazzo,  D’Agostino, Gadducci, Rovella, Umallini, Faiella,  Brancati, Capozza. Allenatore: Colonna.

ARBITRO 1: Salvatore Angelo di Monfalcone. Arbitro 2: Kenan Kreso di Trieste.

NOTE - AMMONITI: Umallini, Bearzi, Izohuar, D’Agostino. ESPULSO: De Santis Campanella. Tiri liberi: 0/0, 0/0.

PALMANOVA - Con merito, con il dominio dei nervi, con la classe del suo organico. Dopo 13 stagioni di oblio, Palmanova ritornerà ad ospitare la serie B del futsal. Forte di due possibili risultati, contro una Vigor Fucecchio rispettabile, ma non certo all’altezza degli amaranto, la formazione di Criscuolo rifiuta giustamente ogni calcolo: nel calcio a 5 il pari è risultato difficile da confezionare e, quindi, meglio pensare a vincerla. Una vera e propria finale, che va in onda senza tempo effettivo (sono 30 i minuti per ogni frazione), in mancanza del cronometrista - due soltanto gli arbitri designati - e senza alcuna indicazione dei falli. Sarà pure permesso dai sacri testi, ma unificare le regole non ci sembra proprio un’idea peregrina.

Bearzi e soci sono comunque subito aggressivi e scappano con Bozic: la gran botta mancina si spegne sotto l’incrocio. Reazione del Fucecchio, un paio di pericoli spaventano Braida, ma è Spatafora a colpire la base del palo. Poi, dopo alcuni minuti equilibrati e un infortunio che costringe Zalascek ad abbandonare il campo, Scaramozzino firma l’1 - 1. L’equilibrio dura poco: Spatafora, con  il contributo di un avversario, riporta in vantaggio la Criscuolo band prima della pausa.

Nella ripresa non succede nulla di sostanzioso sino a metà frazione quando, suggellando un’ improvvisa ripartenza, Umallini firma il 2 - 2: beffardo è il rasoterra che sorprende Braida. Due piazzati di Bozic non vanno a segno, la tensione sale. Ogni errore può costare carissimo, I  toscani non possono che ricorrere al portiere di movimento ma, alla prima palla recuperata, Bozic castiga con una precisa palombella da trequarti campo: 3 - 2. Contin sistema ancora due ciliegine e Randazzo può soltanto attutire il dolore della sconfitta: perché è il Palmanova a salire in serie B.

HANNO DETTO -  “E’ stata davvero un’annata magica – recita, emozionato, mister Beppe Criscuolo - siamo saliti in B, abbiamo conquistato la Coppa Italia, arrivando poi quinti nella fase nazionale. Ci fossero state le elezioni a Palmanova, avremmo vinto anche quelle!”  Sarà, la prossima, una serie B a spiccata caratterizzazione regionale. “Speriamo che tutte le quattro formazioni vengano inserite nello stesso girone. Ne guadagnerebbe l’interesse e, questo calcio a 5 cosi in difficoltà, potrebbe ricavarne nuova linfa”. In prospettiva serie B? “Il gruppo sarà interamente confermato. E arriveranno un paio di big, anche se non vi posso ancora svelare i nomi (Grzelj è uno?, ndr). Prima, però, festeggiamo come si deve”.

“Abbiamo vinto e torniamo dove ci meritiamo -  aggiunge il presidente Roberto Labollita - però non ho problemi ad ammettere che un'altra serie C non l’avremmo retta e che, in caso di sconfitta, eravamo davvero a rischio chiusura... Il prossimo anno? L’obbiettivo sarà la salvezza. Intanto lo sponsor ha confermato il suo sostegno e questa è un’altra gran bella notizia. La squadra ? Ci penserà il mister”. (rozan)

https://i.imgur.com/FVP1wkV.jpg



 

https://i.imgur.com/gFF6aop.jpg

https://i.imgur.com/OgZ2fwv.jpg

https://i.imgur.com/JBT0Cey.jpg

https://i.imgur.com/c51MO5o.jpg

https://i.imgur.com/u9yPtbF.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02472 secondi