Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL BOMBER - Alessandro Ietri, un futuro ancora da scrivere

Ancora poche certezze su quale maglia indosserà l'attuale attaccante del Brian nella prossima stagione. Se ne riparlerà dopo le vacanze, intanto spazio al torneo "Bigot" tra incontri appassionati e gesti acrobatici



Sfumata per questione di gol la salita in serie D con il Brian, Alessandro Ietri, funambolico attaccante dal potenziale esplosivo, delizia la platea del torneo “Marino Bigot” con le sue acrobazie. Un successo ai calci di rigore che ha soddisfatto il bomber.

 “Partita giocata bene da ambo le contendenti - dichiara il giocatore - Molto probabilmente abbiamo peccato nel non aver chiuso i conti dopo essere passati in vantaggio. Merito del portiere avversario, ma anche noi ci abbiamo messo del nostro con alcune imprecisioni sotto rete. Ai rigori siamo comunque riusciti a vincere e alla fine il successo mi sembra meritato. Sottolineo la gran prova del portiere Furios del Sevegliano: abbiamo giocato assieme a Gradisca, lo conosco e posso dire che ha riconfermato le sue doti anche nel calcio a sei”.

Ietri è qui a Cormons per divertirsi ma non si esime dalle sue specialità messe in mostra nel beach-soccer, il tiro in acrobazia, sul quale Furios ha compiuto una delle migliori parate. “Sono qui per divertirmi in prima persona e per far divertire i presenti che magari non sono abituati a questi gesti tecnici. Solitamente è un colpo che mi riesce e, se posso far deliziare qualcuno, lo faccio volentieri. Le squadre qui hanno degli ottimi giocatori e anche gli arbitri non sono da meno”.

“Dopo aver chiuso la stagione con gli spareggi al Brian, volevo staccare un po’ la spina e riposare. Invece mi hanno chiamato a questo torneo, a cui non avevo mai potuto partecipare per gli impegni con il beach-soccer, e mi ritrovo qui. Il mio futuro? Non ci penso adesso. Il primo approccio con il Brian ha generato una fumata grigia, vedremo successivamente la scelta che dovrò fare per il futuro”.




Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03203 secondi