Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


EURO UNDER 21 - Germania prima, Austria a casa con onore

Finisce pari un derby sentitissimo: i campioni uscenti (con Bierhoff in tribuna) sbarcano in semifinale, ma la formazione di Gregoritsch esce con dignità. Al “Friuli” 9100 spettatori



GERMANIA – AUSTRIA    1 - 1
Gol: 14pt Waldschmidt, 24pt Danso (rigore)

GERMANIA: Nubel, Klostermann, Tah, Baumgartl, Henrichs, M. Eggestein (37st Koch), Neuhaus (9st Serdar), Dahoud, Oztunali, Waldschmidt, Richter (11st Amiri). Ct: Kuntz. A disposizione: Muller, Schubert, Nmecha, J. Eggestein, Mittelstadt, Anton, Uduokhai, Mauer, Lowen.

AUSTRIA: A. Schlager, Friedl, Danso, Posch, Ullmann, Ljubicic (9st Baumgartner), Lienhart, Horvath, X. Schlager, Balic (40st Honsak), Kalajdzic (32st Grbic). Ct: Gregoritsch. A disposizione: Kreidl, Pentz, Karic, Kvasina, Gluhakovic, Maresic, Ljubic, Wolf, Ingolitsch.

ARBITRO: Treimanis (Lituania). Assistnti: Gudermanis (Lituania) e Spasjonnikovs (Lituania). Quarto uomo: Gozubuyuk (Olanda).

NOTE: serata tiepida, terreno in ottime condizioni, ammoniti: Nubel, Tah, Ljubicic, Serdar, Henrichs; spettatori: 9.100. Angoli: 3 - 3. Recupero: 1’ + 4’

UDINE - La Germania vince il girone B e sbarca, come da pronostico, in semifinale dell’Euro Under 21. I campioni uscenti (stimolati dalla presenza di Oliver Bierhoff, indimenticato bomber di un’ Udinese in uscita dallo storico ruolo di provinciale ed ora direttore generale della Federcalcio tedesca) rischiano qualcosa nella prima parte con i “cuginastri” austriaci, ma poi gestiscono tutto sommato agevolmente risultato e imbattibilità. Per sperare in una possibile, ma fantacalcistica prima piazza - praticamente compromessa dal disastro confezionato con la Danimarca - l’Austria, dal canto suo, deve solo vincere, ed anche con un certo margine (3 - 0 o 4 - 2): cosi Lienhart e soci mettono subito sul piatto notevole aggressività. Al 13’ Balic semina il panico: è un cross che, pur gettandosi in “estirada”, Kalajdzic non riesce a concretizzare. Ben più concreto si dimostra Waldschmidt: un solo minuto dopo, il capocannoniere del torneo pesca l’angolo alto con un sinistro ciclonico sul quale Alexander Schlager è impossibilitato ad intervenire. Per il gioiello del Friburgo è la quinta gioia nella manifestazione. I ragazzi di Kuntz non fanno in tempo a complimentarsi con l’autore del gol, che arriva il pareggio. Nubel frana in uscita su Kalajdzic e l’arbitro (confortato dal Var) concede il rigore: Danso la mette dove il numero uno dei bianchi non può umanamente arrivare. E’ un passaggio di gara coni portieri protagonisti: mentre Schlager fa la diga contro Richter, alle soglie del miracolo è Nubel, che si oppone con la tibia alla craniata da zero metri dell’ indemoniato Kalajdzic. Dalla distanza ci prova invece l’esterno basso a destra Friedl (minuto 43) affidandosi al sinistro: se coraggio ed impostazione ci sono tutte, la mira è leggermente sballata. Prima del riposo il vivacissimo Kalajdizc non capitalizza un’ uscita a vuoto di Nubel: colpo di testa e palo pieno.

La ripresa offre decisamente meno temi di approfondimento. Nella prima mezzora, in mezzo a tanta corsa, trovano spazio sul taccuino un bel momento di Balic e un calcio piazzato di Amiri, che Schlager sorveglia e vede terminare sul fondo. Al 35’ Oztunali  galoppa e conclude: ancora facile per Schlager. Il finale è nel segno di Dahoud: sulla prima conclusione, ottimo è il riflesso dell’estremo austriaco; sulla seconda la precisione non è propriamente quella di un cecchino. L’ultimissima fiche è per Hosak che, pressato da Baumagrtl, non riesce a regalare ai suoi il successo: che si sarebbe rivelato magari inutile ai fini del passaggio del turno, ma sempre brillante per i libri di storia.

LA SITUAZIONE. A Trieste, la Danimarca ha superato la Serbia per 2 - 0: Classifica finale del gruppo B: Germania punti 7, Danimarca 6, Austria 4, Serbia 0.

Roberto Zanitti

https://i.imgur.com/KKf5Y19.jpg



https://i.imgur.com/9jCjT4b.jpg

https://i.imgur.com/4SPu9oi.jpg

https://i.imgur.com/4VyfLn3.jpg

https://i.imgur.com/ANMyqlj.jpg

https://i.imgur.com/S0SnVW7.jpg

https://i.imgur.com/l8YqJuW.jpg

https://i.imgur.com/IH3W6jn.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...






SECONDA B - Diavolo di un Sivilotti

Resta ancora all’asciutto di vittorie casalinghe il Treppo Grande, anche il recupero della 10ª giornata del girone B di Seconda categoria con il Sa...leggi
11/12/2019













Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01735 secondi