Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


LA FUSIONE - Sanvitese e Sesto rinviano il matrimonio di un anno

Mancano i tempi per completare l'operazione. Ne ne riparlerà nella prossima stagione. I tifosi, specie biancorossi, mugugnano



La fusione tra Sanvitese e Sesto Bagnarola non si fa, almeno per il momento. Il poco tempo a disposizione, unica problematica che poteva frenare un sodalizio altrimenti pronto a concretizzarsi da subito, ha bloccato tutto.    
«L’idea è valida – afferma il numero uno sanvitese Paolo Gini – e non affatto abbandonata, anche se non si è concretizzata ora. Nei prossimi giorni penseremo a una collaborazione già per questa stagione, per poi riparlarne in futuro». Biancorossi e biancocelesti rinviano dunque il matrimonio, ma non rinunciano ad iniziare la collaborazione. Ovviamente ciò riguarderà il settore giovanile e un interscambio a livello prime squadre, con la possibilità di prepararsi per il giugno 2020.
Le due assemblee hanno raccolto pareri unanimi, nonostante qualche malumore. Una fusione accolta con molto scetticismo, invece, a livello tifoseria. Gli ultras dei fraticelli hanno espresso il loro dissapore sia con dei post su Facebook, sia con striscioni affissi al Comunale di San Vito. Per la loro gioia, dunque, per ora possono tirare un sospiro di sollievo, anche se l’idea, come annunciato dai massimi dirigenti, è soltanto rinviata di una stagione. La Sanvitese rimane in Promozione, mentre il Sesto Bagnarola disputerà da sola probabilmente l’ultima stagione in Prima categoria.




Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 25/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01670 secondi