Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Serie A


<< precedente   successiva >>   

UDINESE - Felipe saluta: va alla Spal

Era uno dei giocatori più amati dal pubblico friulano. E tutto lasciava presagire ad un prolungamento della sua seconda avventura in bianconero: agevolata anche dal fatto che la moglie - agente, Caterina, è di Tarcento. Improvvisamente, però, Felipe Dalbello lascia l’Udinese. Il contratto precedente era infatti in scadenza ma, quando sembrava che la società di Via Candolini intendesse esercitare l’opzione per il rinnovo, è entrata a gamba tesa la Spal: un triennale del club neopromosso in serie A ha infatti convinto il difensore ad accettare il trasferimento. La firma ancora non c’è, ma (come ha lasciato intendere ai microfoni di Sky, durante la trasmissione “Calciomercato L’Originale”, il rampante ds estense Dav...leggi
28/06/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Ritiro austriaco a Sankt Veit an der Glan

Sarà Sankt Veit an der Glan, località carinziana di tredicimila abitanti - situata a circa 500 metri di altitudine - ad ospitare la seconda parte del ritiro precampionato dell’ Udinese. I bianconeri si ritroveranno giovedi 6 luglio e lavoreranno al “Bruseschi” sino al 15. La giornata successiva la comitiva si trasferirà in Austria, per trattenersi sino al 30 luglio. Danilo e soci suderanno all’interno di un impianto ottimamente strutturato, composto dal campo centrale (la “Jacques Lemans Arena”, in grado di ospitare 2500 spettatori al coperto) e tre rettangoli attigui. Già individuate le date (18, 23, 26 e 30 luglio) di alcuni test match, che saranno di alto livello: quelli dei due fine settimana (23 e 30) si giocheranno in Ca...leggi
23/06/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Gerolin, atto quarto

Prima calciatore (dal 1981 al 1985), poi osservatore, successivamente responsabile scouting e, dal 1 luglio 2017, nuovo direttore sportivo: Manuel Gerolin sta per iniziare la quarta avventura all’Udinese. Per i tifosi delle zebrette, però, l’uomo di Jesolo rimarrà per sempre l’autore dello storico gol infilato nella porta del Napoli (allora targato Snaidero...) che, il 24 maggio 1981, garantì una miracolosa salvezza. “Manco ormai da 10 anni, perché nel 2007 andai al Siena - riavvolge il nastro Gerolin - e l’Udinese è migliorata in tutto. E’ una società modello per le altre, a livello tecnico e strutturale, ma dobbiamo migliorare ancora. Le strutture sono cresciute, rappresentano un motivo di orgoglio e, soprat...leggi
12/06/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Delneri, c'è la fumata bianca

Alla luce dei risultati ottenuti e delle reciproche dichiarazioni di stima, sembrava una conferma scritta. Puntualmente arrivata qualche ora fa: Gigi Delneri sarà l’allenatore dell’Udinese anche per la stagione 2017/2018. La società bianconera ha infatti esercitato il diritto d’opzione per il prolungamento del rapporto con il tecnico di Aquileia, aggiornando la scadenza al 30 giugno del prossimo anno. Al fianco di Delneri continuerà ad operare, in qualità di vice, Giuseppe Ferrazzoli. “Sono contento che la società abbia deciso di esercitare l’opzione – è il primo commento di Delneri, espresso attraverso il sito ufficiale del club - ora andiamo avanti insieme sulla strada che abbiamo già intrapreso quest...leggi
30/05/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Delneri: "Quattrocento? Non pensavo..."

Ultima conferenza stagionale per un Gigi Delneri ad un centimetro dalla conferma (che dicono scontata, ma non ancora ufficializzata…). Ultima tappa del campionato per un ’Udinese sempre “sedotta” dal decimo posto. Per i saluti definitivi (come quello di Zapata) e quelli parziali (molti, tanti, saranno presenti al ritiro di inizio luglio) si aprono i portoni della Scala del calcio. Senza Fofana, Samir, De Paul e Danilo, domani sera (ore 20.45, dirige Di Paolo di Avezzano) al “Meazza” i bianconeri affrontano l’Inter: formazione senza più obbiettivi di classifica e in attesa di essere ricostruita dalle “purghe” cinesi. “Importante è sapere che la gara conta e che giocheremo su un palcoscenico importantissimo –...leggi
27/05/2017, La Redazione , Serie A

L'UDINESE DI GUIDO - L'arbitro e Muriel rovinano la gara

Un pareggio contro la Samp poteva anche starci, ma visto l’inizio, eravamo certi della vittoria. Poi ci si è messo Pinzani, arbitro di Serie B - dove ha quasi sempre arbitrato - che ha espulso De Paul per un fallo veniale ed ha tollerato gioco intimidatorio di qualche sampdoriano. Poi il rigore contro, dubbio, ma poteva starci. Ed è stato spettacolo penoso il comportamento di Muriel con insulti al pubblico. Danilo ha reagito - comprensibilmente - ed ecco le altre due espulsioni, più quella di Delneri. Muriel, nostro ex mai amato, non è giocatore da Serie A. Impulsivo, infantile, speriamo di non vederlo più al “Friuli”. Nove contro dieci, il pareggio ci va bene. Il patron Mateschitz, con i suoi collaboratori, ha preso possesso del suo nuo...leggi
22/05/2017, Guido Blasi, Serie A

UDINESE - Un pareggio con rissa

In palio c’era (c’è ancora) il decimo posto. Non certo la Champions League. Decimo posto sul quale ballano tre milioni di euro ma, insomma, non cifrone da modificare un bilancio: la sfida tra Udinese e Sampdoria promette bene e alla fine mantiene. Anche troppo. Perché i bianconeri interpretano alla perfezione il primo tempo, giocando un calcio organizzato ed efficace, che lascia praticamente nulla agli avversari. Poi, dopo il famoso the caldo (anche se oggi sarebbe stata preferibile una bibita fresca) succede di tutto. Fischi stonatissimi del signor Pinzani, rigori, espulsioni, provocazioni, baruffe. Tanto di…poco edificante, che nulla ha avuto da spartire con gioco e fair play.All’annuncio della formazione qualche sorpresa: dietro, infatti, Delneri...leggi
21/05/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Delneri tra Sampdoria e rinnovo

In mancanza di qualcosa di più prezioso – vista l’iniziale piega delle cose, lo si può comunque considerare un successo - anche un decimo posto può significare qualcosa. L’obiettivo sarà certamente raggiunto con due successi (gli ultimi ostacoli stagionali si chiamano Sampdoria e Inter), ma sarà meglio affrontare uno step alla volta. Per l’Udinese la breve rincorsa comincia domani, al “Friuli Dacia Arena” (ore 15, arbitra Pinzani), contro i blucerchiati di Giampaolo. “Per arrivare decimi, intanto, è necessario battere una concorrente, per l’Inter c’è tempo – precisa Delneri - non ci sono alternative, bisogna portare a casa punti. Dovremo dare il massimo, abbiamo la forza per comb...leggi
20/05/2017, La Redazione , Serie A

UDINESE - Delneri: "A Crotone farà... caldo!"

E’ la terzultima, ma conta ancora qualcosa. Per l’Udinese, che intende provare ancora ad entrare nella top ten. Per il Crotone, soprattutto: domani (ore 15, al mitico “Ezio Scida”, dirige Fabbri), infatti, i calabresi devono alimentare le residue speranze di sopravvivenza. I  bianconeri, però, non intendono certo recitare lo scomodo ruolo delle vittime sacrificali. “Sarà la gara tra una squadra salva e un’altra che, invece, deve salvarsi – recita, semplicemente, mister Delneri - troveremo un ambiente complicato, ma cercheremo di fare la nostra figura. Sarà un’occasione per mostrare anche il nostro raggiunto grado di maturità. Mi aspetto una prestazione importante, in continuità con quella messa in ca...leggi
13/05/2017, La Redazione , Serie A

IL PAREGGIO - L'Udinese "stoppa" l'Atalanta

UDINE -  Un’Udinese discretamente ”sperimentale” (l’enigma Balic al battesimo assoluto, Ali Adnan e Perica dall’inizio, Ewandro nel finale) riscatta la figuraccia di Bologna e costringe l’Atalanta - non più rivelazione, ma autentica certezza del torneo e in odore d’Europa - al pareggio. Un’Atalanta (che alterna ben tre capitani: parte Raimondi, poi la fascia scivola sul braccio di Gomez e, infine, di Cristante) priva di ben sette pedine, con il “Papu” Gomez al di sotto dello standard normale (anche se Petagna, scuola Donatello, è abilissimo a far salire la squadra), ma pur sempre ostica e desiderosa di proporre un calcio altamente propositivo. Delneri presenta, abbastanza clamorosamente, Balic nel referto d&r...leggi
07/05/2017, La Redazione , Serie A

<< precedente   successiva >>