Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - FLAIBANO e PORCIA in palio un sogno

Gialloneri e neroarancio si giocano un posto nella finalissima, finale di consolazione fra Pravisdomini e Fiume Veneto/Bannia

Ultime partite decisive nei campionati dilettanti, nel girone A di Promozione nella finale play off saranno il Flaibano ed il Porcia a contendersi la vittoria degli spareggi promozione per questo girone. I gialloneri che giocano in casa partono con il vantaggio del doppio risultato contro i neroarancio che hanno disputato un bel girone di ritorno. Nei due confronti in campionato successo friulano per 0-1 a Porcia con gol di Namio mentre al ritorno pareggio pirotecnico per 3-3.La squadra di Rossi è arrivata a questa sfida battendo 2-0 il Fiume Veneto/Bannia, mentre i ragazzi di Da Pieve sono approdati alla finale grazie al pareggio 1-1 con il Pravisdomini passando il turno in virtù del miglior piazzamento in campionato. La vincente della sfida fra Flaibano e Porcia incontrerà la vincente fra San Luigi e Juventina che può valere molto in attesa anche dei verdetti delle squadre regionali impegnate negli spareggi salvezza in Serie D. I due tecnici arrivano a questo appuntamento fiduciosi e consapevoli della posta in palio.

L’allenatore del Flaibano Max Rossi (foto al centro qui sotto) è soddisfatto della prova della sua squadra nelle ultime giornate ed attende in casa la formazione pordenonese con buone speranze:
Con il Fiume Veneto/Bannia è stata una bella partita. Abbiamo fatto un buonissimo primo tempo, nella ripresa abbiamo concesso qualcosa nel primo quarto d'ora ma ci può stare. Faceva tanto caldo e si affrontavano due squadre costruite per fare un campionato di vertce. Abbiamo avuto diverse occasioni per chiuderla prima poi trovato il raddoppio la gara è stata in discesa. Con il Porcia non sarà facile, è la squadra che ha fatto meglio nel girone di ritorno perdendo solo una partita all'ultima giornata a Flumignano. E’ una squadra in forma un pò provata dall'infortunio di Bellese che è il  giocatore di maggior esperienza, ma darà tutto giocando anche per lui. Anche lo scorso anno aveva fatto un torneo di vertice ed in questa stagione si è confermata”.

Il tecnico giallonero ha preso la squadra da due mesi con un buon ruolino e punta ad arrivare fino in fondo negli spareggi promozione.
“Pensiamo a fare il nostro vincendo intanto la prima finale e poi eventualmente guardiamo alla gara con la vincente dell'altro girone. Il San Luigi l’abbiamo affrontato in Coppa Italia e mi aveva fatto una buona impressione ed ero sicuro facesse un buon campionato fino alla fine mentre la Juventina è una formazione che da anni lotta per le prime posizioni ed è costruita per fare bene. Puntiamo ad arrivare a fine stagione senza rimpianti, poi purtroppo non dipenderà solo da noi ma anche da altri risultati. Dal mio arrivo la squadra ha fatto molto bene a parte la gara di Fagagna dove eravamo con qualche assenza ed abbiamo perso nell'unico errore del portiere che si è comportato finora sempre bene. Dal sesto posto siamo risaliti in seconda posizione, ma sono soddisfatto anche dal punto di vista del gioco e della condizione fisica con una squadra che già sapevo aveva tanta qualità”.

L’allenatore del Porcia Attilio Da Pieve (fotocopertina in alto)  è molto contento della stagione disputata passando attraverso alcune difficoltà ed assenze pesanti:
“Per noi la conquista della finale è un risultato non da poco, visto che non eravamo fra in candidati alla vittoria e nemmeno ai play off. E' un motivo di orgoglio, considerando anche tutto quello che ci è successo durante l'annata del Porcia, la scomparsa del presidente Brunetta e l'infortunio molto grave di domenica scorsa di un giocatore simbolo come Bellese. E' una perdita sia dal punto di vista umano e di qualità in campo per un giocatore molto importante alla fine della sua carriera che ha scosso i compagni. E' stata una stagione fantastica, una scommessa con otto - nove giocatori della rosa che vengono cambiati ogni anno e con diversi che provenivano da categorie inferiori. Un girone di andata discreto mentre abbiamo fatto un girone di ritorno eccezionale assieme al Rivignano abbiamo fatto più punti di tutte. I neroazzurri hanno vinto meritatamente, la classifica non lascia dubbi con un distacco notevole davanti al Flaibano e noi. Non è partita benissimo, poi con otto vittorie di fila ha trovato ancora più consapevolezza nei loro mezzi, con un ritmo giusto a parte una flessione è arrivata fino in fondo quasi senza rivali anche se avevano il potenziale per stare in alto. Siamo stati la sorpresa assieme al Pravisdomini, siamo stati bravi ad entrare nel discorso e speriamo di fare fino alla fine i guastatori. I giovani per noi sono un valore aggiunto, hanno l'entusiasmo e l'esuberanza e quelli più esperti hanno fatto da chioccia come è stato Daniele Bellese e Cecchetto poi gli altri sono sotto i trent'anni del 1989 o ancora più giovani, con un età medià in prospettiva molto bassa. I ragazzi sono stati il motivo trainante della squadra e la loro freschezza può essere determinante in quest'ultima gara”.

La sfida con i gialloneri si prevede incerta ed il tecnico pordenonese confida anche nelle motivazioni della squadra e del buon andamento nel girone di ritorno.
“La finale con il Flaibano è la partita più importante dell'anno, è un motivo di grande orgoglio sia per me, per la squadra e soprattutto per la società. A questo punto l'obiettivo per tutti è arrivare fino in fondo, di fronte abbiamo una squadra che era attrezzata non solo per fare i play off ma anche per vincere il campionato. E' il primo passo, ed il più difficile che darà poi l'accesso alla finalissima e poi vedremo anche i risultati della Serie D. Il Flaibano parte avvantaggiato giocando in casa con due risultati su tre, abbiamo tutto a sfavore poi il campo dirà la verità. Abbiamo fatto un 2015 con una sola sconfitta e speriamo di continuare questa statistica, anche se ai play off in una gara secca alla fine o vai avanti o sei fuori. Non sarà semplice dobbiamo andare li con l'obiettivo di vincere, abbiamo solo un risultato a disposizione. Siamo fiduciosi dovremo avere un atteggiamento per cercare la vittoria, conta come arriveremo a questa partita. Saranno importanti le motivazioni, la condizione fisica e gli infortuni, chi avrà meno problemi avrà qualche piccolo vantaggio “.    

Si sfideranno nella finale per il terzo posto nel derby pordenonese Pravisdomini e Fiume Veneto/Bannia che vogliono concludere positivamente una buona annata, con i bluarancio neopromossi nelle prime posizioni fin da inizio stagione e neroverdi che dopo un avvio stentato hanno ritrovato il passo giusto con un calo finale. Nelle partite di campionato successo del Pravisdomini in trasferta 1-2 con le reti di Fiorotto e Boian all'andata e pareggio senza reti al ritorno.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Manuel De Santis il 15/05/2015
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07026 secondi