Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


IL TORNEO - Gsa, altro derby indigesto

Bianconeri sconfitti nella finale del “Città di Monfalcone”: cosi come a Lignano, l’Alma scappa nel finale (87- 77). Cortese miglior realizzatore delle due serate. Lieve malore per coach Cavina

GSA – ALMA  77 - 87

GSA: Penna 5, Simpson 4, Cortese 16, Powell 12, Pellegrino 11, Mortellaro 9, Spanghero 4, Genovese 3, Pinton 9, Nikolic 4, Chiti. Coach: Cavina

ALMA: Wright 9, Walker 4, Sanders 10, Peric, Mosley 10, Coronica, Janelidze 4, Knox 9, Fernandez 19, Strautins 17, Cittadini, Cavaliero 5. Coach: Dalmasson.

ARBITRI: Bartoli, Almerigogna, Pellicano

PARZIALI: 26 - 14, 45 - 38, 59 - 65. Tiri liberi: Gsa 20/27, Alma 10/16. Tre punti: Gsa 9/24, Alma 9/24. Rimbalzi: Gsa 29 (Pellegrino 6), Alma 42 (Janelidze 10). Falli tecnici: Cortese  al 18’49” e Cavaliero al 30’08”. Cinque falli: Mosley.

MONFALCONE - L’Alma si aggiudica il secondo trofeo  “Città di Monfalcone”, superando in finale la Gsa. Così come a Lignano, Udine regge lungamente l’urto muscolare con la Trieste dei cinque Usa ma, nell’imbuto finale, deve cedere ad una formazione che, almeno per la stagione entrante, abiterà la categoria superiore.

L’approccio stordente di Pinton e soci (11 - 0 dopo 3’ con due “feroci” schiacciate di Pellegrino) obbliga Dalmasson a rifugiarsi precocemente in time out. Cortese prosegue il suo feeling con le triple (14 - 0) mentre Trieste litiga con jl ferro trovando il primo punto (peraltro dalla lunetta) soltanto dopo quasi 5’ di prolungato digiuno. Per entrambi i coach le rotazioni sono totali e a risentirne meno è la Gsa che chiude abbondantemente avanti al primo break (26 -14). E se Trieste - sulla cui panchina Dalmasson, più che allenare, assiste…- prova a tornare a contatto (27 - 35), con un’ equa spartizione dei bottini, Pinton la ricaccia indietro con un paio di triple ben costruite. Alla pausa lunga Udine (nonostante un Powell nettamente al di sotto del suoi standard abituali, ma non è che l’altro americano Simpson incanti) conserva ancora sette lunghezze, forse troppo poche per la qualità del gioco espresso.

Si riprende con il monfalconese Montena “nuovo” head coach Gsa: Cavina rimane infatti nello spogliatoio assistito dal medico (si parla di uno sbalzo pressorio con qualche capogiro). Trieste risale, impatta con la prima di due consecutive triple di Strautins (58 - 58) e mette il naso avanti con un contropiede di Fernandez (60 - 58 a 1’39” dalla fine del terzo quarto). Ed è ancora il lèttone a griffare il più sei del 30’. La Gsa resta in partita fino al 38’: poi Cavaliero, sino a quel momento improduttivo, ne mette cinque in fila. Cala il sipario. Dopo quello di Lignano, l’Alma vince dunque un altro derby, ma è soltanto precampionato. In A1 sarà tutta un’altra musica. Udine si “consola” con la Coppa del miglior realizzatore, che riempirà la bacheca di Riccardo Cortese (39 punti nelle due serate), mentre Juan Fernandez viene proclamato Mvp della finale. Il terzo posto è di Treviso. La finalina con i croati dello Skrljevo viene curiosamente “dichiarata chiusa” (parquet scivoloso) a 4’ dal termine con i veneti in ampio controllo: 74 - 49.

Roberto Zanitti

https://i.imgur.com/9DhU6Jg.jpg



 

https://i.imgur.com/g8XC9Ah.jpg

https://i.imgur.com/qx3DFtp.jpg

https://i.imgur.com/f6MeXJM.jpg

https://i.imgur.com/hnTNg2m.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01452 secondi