Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


L'ADDIO - La Juventina saluta la sua "chioccia" dopo sette anni

Per il navigato centrocampista Luca Zorzut è giunto il momento di cercare nuovi stimoli. Non importa la categoria, bensì sposare un progetto con persone e società serie. “Meritavamo di rimanere in Eccellenza, soprattutto lo meritava la famiglia Kerpan”. Il ricordo migliore è la vittoria della finale play-off della scorsa stagione con il Primorje e salita in categoria superiore



Dopo sette anni di brillante carriera in maglia biancorossa, il centrocampista Luca Zorzut è prossimo a salutare la Juventina, alla ricerca di nuovi stimoli. Per la squadra del presidente Krepan, quello appena trascorso non è stato un campionato da ricordare. Iniziato sotto buoni auspici, nel girone di ritorno le cose si sono ben presto complicate e la squadra ha dovuto lasciare l’Eccellenza dopo un solo anno di permanenza, scivolando anche dall’ultimo appiglio dei play-out.

“Tutto faceva inizialmente pensare ad una salvezza – spiega Zorzut riavvolgendo il nastro - poi però le ultime otto partite hanno purtroppo invertito la tendenza, probabilmente anche per la mancanza di esperienza di alcuni di noi in questa categoria. Avevamo ancora l’ultima chance nei play-out con il Flaibano e purtroppo l’abbiamo fallita. Se guardiamo la stagione nel suo complesso, meritavamo di rimanere in Eccellenza, soprattutto la meritava la famiglia del nostro presidente Kerpan”.

Per quanti anni hai vestito la maglia della Juventina?
“Questo è stato il settimo. Ora, dopo un periodo a dir poco stupendo, è arrivato il tempo di cambiare. Alla soglia dei 37 anni, vorrei cercare nuove motivazioni. Alla Juventina ho ricevuto tanto affetto, la famiglia Kerpan ti fa stare benissimo e mi dispiace tantissimo fare questa scelta. Quanto avrò la possibilità, andrò sicuramente a vedere le loro partite, ne rimarrò un loro tifoso”.

Ci sono già stati contatti con altre società?
“Al momento non ho ricevuto alcuna chiamata. La decisione è recente, presa in tutta serenità e a malincuore e adesso rimango in attesa”.

Avendo giocato sempre in categorie di un certo livello, cosa ti aspetti?
“Non guardo la categoria, certo ha la sua importanza ma preferisco sposare un progetto importante con persone e società serie, com’era alla Juventina”.

Che ricordi ti porti appresso?
“Nei sette anni trascorsi a Gorizia, solo un anno non siamo arrivati a qualificarci ai play-off. Il momento migliore è stato a maggio scorso, dopo aver vinto la finale con il Primorje riuscendo a salire in Eccellenza. E qui ho notato una certa differenza con la Promozione, non tanto sotto l’aspetto del gioco, bensì dal punto di vista atletico. C’è molta più velocità e si corre di più”.




Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



A GORIZIA - Grion sugli scudi

Finisce con la vittoria della Pro Gorizia, anche se solo per differenza reti, la “festa” del calcio isontino dedicata ad Agostino Moretto...leggi
18/08/2019














CANADA NEWS - Fvg, la parola al campo

TORONTO - Andiamo, è tempo di giocare. Pur coinvolta in diversi impegni di rappresentanza, la selezione regionale Under 17 del Friuli - Venezia Giulia non si &...leggi
04/07/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01489 secondi