Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL CASO - Politica ed egoismi bloccano il ritorno del Palazzolo

Era tutto pronto per rivedere la prima squadra del paese della Bassa (dal patron, Caminiti, al tecnico, De Marco), prima che la situazione facesse naufragare il progetto di rilancio. Speriamo non in maniera definitiva...

E' un caso paradossale quello che riguarda il Palazzolo, una piazza storica per il calcio della Bassa Friulana. L'Unione Sportiva Palazzolo si avvia a compiere il sessantesimo compleanno, ma ridotta ai minimi termini, a livello dirigenziale e di attività, confinata a Primi Calci e Pulcini. In questi giorni si è purtroppo sprecata l'occasione di rivedere all'opera una prima squadra targata Palazzolo a causa di un mix micidiale di impuntature, personalismi e opposizioni politiche che nulla hanno o dovrebbero avere a che fare con lo sport. 
Tutto, infatti, era pronto per la nascita di un nuovo soggetto, destinato a collaborare, completare e rinvigorire l'US. Era disponibile un presidente, Alex Caminiti, imprenditore (è titolare di un birrificio a San Daniele) ma anche ex calciatore del Palazzolo, un nutrito gruppo dirigenziale (una dozzina di persone votate a impegnarsi nella nuova avventura), un allenatore come Paolo De Marco (legatissimo ai colori viola) e financo uno zoccolo duro di calciatori (14) da cui ripartire iscrivendosi al campionato di Terza categoria, prima tappa del promettente rilancio. 
Invece l'operazione, patrocinata dal vicesindaco Giovanni Tisiot, in passato già presidente dell'US Palazzolo, si è arenata e, forse, è definitivamente tramontata. A stopparla è stata, tra l'altro, l'incerta volontà di collaborazione palesata dal presidente attuale (dimissionario) dell'US Roberto Buratto, al quale pure vanno riconosciuti enormi meriti per aver tenuto in vita per anni e anni la società, spesso in solitudine o quasi, e il sopraggiungere di un'interdizione a livello politico, con tanto di interrogazioni rivolte al sindaco e al consiglio comunale, su un presunto conflitto di interessi riguardante Giovanni Tisiot, "colpevole" di essersi speso per rigenerare il calcio nel paese friulano. 

Peccato davvero per la piega presa dalla situazione. C'è solo da sperare che si possa superare l'impasse, recuperando Caminiti e il suo gruppo a un progetto che non va lasciato cadere. Confidiamo che tutte le parti in causa trovino la lucidità e lo spirito di servizio e collaborazione necessari per gettarsi alle spalle le divisioni, confinando la polemica politica dove merita di stare, ossia lontano dal campo di calcio. 

https://i.imgur.com/uckzRYW.jpg



Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/07/2019
 

Altri articoli dalla provincia...




CANADA NEWS - Pisano: tutti immensi

E’ sommerso dall’abbraccio di tutti i suoi ragazzi, a fine gara, mister Marco Pisano. «E’ dura trovare un aggettivo solo per descrivere questa...leggi
15/07/2019


RISANESE - Ecco i nuovi arrivi

Risanese: ecco i nuovi calciatori messi a disposizione del tecnico Gigi Barbana e accolti dal club bianconero del presidente Boz. Ne...leggi
14/07/2019













Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02089 secondi