Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia



JUVENTINA - Riecco la chioccia Stabile fra tanti giovani di qualità

Il centrocampista ritorna a vestire la divisa biancorossa. Anche Cuca, Del Negro e Caruso a disposizione di Nicola Sepulcri

Largo ai giovani ed è sempre una bella notizia. Certo in una squadra ci vogliono anche alcuni senatori o “chiocce” che dir si voglia, a guidare la linea verde e, in tal senso, si sta muovendo la Juventina, affidata per la sesta stagione consecutiva a mister Nicola Sepulcri. Dopo gli addii al portiere Kris Stergulc, al difensore Davide Ormelese, passato alla Risanese, ai centrocampisti Andrea Romanelli, in procinto di vestire la casacca della Risanese e di Luca Zorzut, spostatosi alla Cormonese, nonchè degli attaccanti Brando Banini al Cjarlins e Davide Fiorenzo, il dg Fantini si è messo all’opera per trovare i sostituti.

Sono in fase di definizione gli arrivi di un paio di giovanotti di qualità provenienti dalla Manzanese, quali l’esterno basso mancino Jari Del Negro, classe 2001, e l’altro difensore Stefano Cuca, di un anno meno giovane. Un 2002 arriverà con ogni probabilità dal Donatello, si tratta di Arcangelo Caruso, formatosi in precedenza con Union Martignacco, Manzanese e Cussignacco.

E la chioccia? Oltre ai gemelli Federico e Nicola Marini e al capitano Andrea Racca, tutti confermati, torna a vestire la divisa biancorossa l’esterno di centrocampo Stefano Stabile, classe ’88, l’ultima stagione al Sevegliano Fauglis con la conquista della Promozione, e i due anni precedenti con la Pro Cervignano. E’ un gradito ritorno il suo, in via del Carso, le precedenti quattro stagioni le aveva vissute proprio a Gorizia.
Ma il lavoro di Fantini non si è esaurito, sta cercando qualche rimedio, tramite il presidente della Federcalcio regionale Ermes Canciani, per ovviare al problema dell’obbligo di residenza sul territorio nazionale per potere tesserare calciatori stranieri transfrontalieri. E Gorizia è a un tiro di schioppo dalla Slovenia, ma i paletti burocratici, finora, sono un ostacolo.

Claudio Mariani 

https://i.imgur.com/uckzRYW.jpg



Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/07/2019
 

Altri articoli dalla provincia...





CANADA NEWS - Pisano: tutti immensi

E’ sommerso dall’abbraccio di tutti i suoi ragazzi, a fine gara, mister Marco Pisano. «E’ dura trovare un aggettivo solo per descrivere questa...leggi
15/07/2019














Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01634 secondi