Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


ALLIEVI - Il Cavazzo rompe il digiuno

Dopo sei sconfitte consecutive la squadra di mister De Biase respinge l'Arta Terme. E' Marin l'uomo in più per gli ospiti

ARTA - CAVAZZO 3-4 (p.t. 1-3)
Gol: nel primo tempo Marin al 10' e al 30', Pepe al 14', Job al 39'; nel secondo tempo  Sgobino al 13', Bombardier al 20', Temil al 42'.

ARTA TERME: Plazzotta, Morocutti (11'st Sebastianutti), Tonetto, Tomat, Merlo (2'st Simonetti), Ortis, Casasola, Pepe, Basso Alex (1'st Temil), Basso Emanuele, Pittino (19'st Bombardier); a disposizione Duzzi, Galante. Allenatore Stefano Maggio.

CAVAZZO: Talotti, Nait, Gabrieli, Cappellari, Roccasalva, Tolazzi (6'pt Dell'Angelo, 37'st Vidoni), Nodale (26'st Monai), Ridolfo (16'st Pellizotti), Sgobino, Marin, Job (19'st Lorenzini). Allenatore Paolo Di Biase.

ARBITRO: Jacopo Urbani della Sezione di Tolmezzo.

NOTE: ammoniti Cappellari (13'pt), Tomat (5'st), Tonetto (18'st), Temil (38'st); calci d'angolo 8-4 per l'Arta; recuperi 1' e 4'.

ARTA TERME - Alla ripresa del Torneo, dopo la pausa ferragostana, il Cavazzo espugna lo "Zuliani" in una gara che, peraltro, aveva poco da dire ai fini della classifica. Parte meglio l'Arta che, al 5', ha una buona opportunità con Pittino; il numero 11 di casa incrocia però troppo la conclusione ed il pallone termina, di poco, sul fondo alla destra di Talotti. Al 10', alla sua prima azione, il Cavazzo passa in vantaggio; lancio lungo per Mauro Marin, partito in sospetta posizione di fuorigioco, che elude la sorveglianza dei difensori e supera Plazzotta proteso in uscita. Passano solo quattro minuti e l'Arta trova il pareggio con Francesco Pepe, pronto a ribadire in rete una corta respinta di Talotti. Alla mezz'ora il Cavazzo ritorna in vantaggio grazie al secondo gol personale di Marin, praticamente fotocopia del precedente, e, poco prima della fine del primo tempo, è Ruben Job, su assist del solito Marin, a portare a tre le reti degli ospiti, con un gol, a sua volta, "copia" dei precedenti due. Ad inizio ripresa entra Temil nell'Arta ed aumenta la potenzialità offensiva della squadra di mister Maggio. E' però Dell'Angelo a sfiorare, al 4', il gol del 4-1. Passa un solo minuto ed una grande opportunità per l'Arta viene sventata dal colpo di testa di Roccasalva che, dalla linea di porta, a portiere superato, riesce a mandare il pallone in calcio d'angolo. Dopo la conclusione alta di Pittino, giunta all'8', è ancora una volta il Cavazzo ad andare in gol, al 13', con bomber Sgobino che elude, a sua volta, la sorveglianza dei difensori termali e batte per la quarta volta Plazzotta. Prende decisamente il sopravvento la squadra di casa, che al 20' accorcia le distanze con il tap-in dell'appena entrato Luca Bombardier, che ribadisce in rete il pallone respinto da Talotti su potente tiro dal limite di Temil. Al 24' Emanuele Basso sfiora il gol del 3-4, con pallone che termina fuori di un soffio; un minuto dopo è Temil a calciare a lato e, al 32', è ancora Temil a sfiorare la traversa con una "botta" dal limite. La vemenza dei padroni di casa porta, al 42', al gol del 3-4 con un tiro dal limite del solito Temil, ma il forcing finale dei termali non basta per raggiungere un, tutt'altro che immeritato, pareggio. Piuttosto soddisfatto mister Di Biase a fine gara: "Due bei gol del Cavazzo su altrettanti bei filtranti; Cavazzo che ha subito i soliti gol con i soliti problemi in difesa che hanno caratterizzato l'annata. Migliore in campo Marin, doppietta e splendido assist sul terzo gol". Contrariato, ma non più di tanto, mister Maggio: "Cosa devo dire, abbiamo giocato bene, molto più del Cavazzo, abbiamo pagato quattro errori dfensivi su quattro situazioni in fotocopia; del resto ad ogni partita devo reinventarmi la difesa. Abbiamo anche creato tanto, realizzando però un gol meno di loro, ed abbiamo perso. Anche se un po' tardi, siamo comunque in crescita".

Andrea Citran

https://i.imgur.com/GLqfxNT.jpg

https://i.imgur.com/uckzRYW.jpg

https://i.imgur.com/tkrfO4k.jpg
https://i.imgur.com/0ZQbhnN.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 22/08/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01736 secondi